Primi al traguardo con i Bitcoin

A
A
A

Così i fratelli Winklevoss sono diventati miliardari puntando sulle monete virtuali

di Ugo Bertone23 maggio 2018 | 10:17

Il grande pubblico li ha conosciuti in “The Social Network”, il film che racconta il processo per plagio da loro intentato nei confronti di Mark Zuckerberg, reo di aver scippato l’idea di Facebook. Ma la vera storia di Tyler e Cameron Winklevoss (nella foto) è cominciata dopo, grazie ai 65 milioni di dollari incassati dall’odiato Mark Zuckerberg. Con una parte
di quei quattrini, i gemelli si sono tuffati nel Bitcoin che li ha resi miliardari. Oggi la Winklevoss Capital controlla una settantina di start up nel mondo delle valute virtuali, tra cui Ether, una delle valute destinate ad arricchire l’offerta

della piattaforma Gemini, la criptoBorsa del futuro, che oggi tratta sui 100 milioni di dollari al giorno, assai meno
di Coinbase o di altri protagonisti del settore. Ma quel che rende speciale Gemini è il fatto che si tratta della prima piattaforma a ricevere la BitLicence dalle autorità di New York. I due canottieri (sesti alle Olimpiadi di Pechino) hanno capito che il destino del Bitcoin si giocava sulla capacità del settore di guadagnare la fiducia delle autorità. E così si sono trasformati in fautori di un organismo di autocontrollo indipendente, costituito dai big del mercato. Un’eresia per i pionieri, che sognavano una moneta sganciata da ogni controllo, ma che ha consentito la creazione di un Etf del settore e, soprattutto, di diventare la piattaforma scelta dal Chicago Board of Exchange per il clearing, cosa che ha reso possibile la quotazione del Bitcoin su una grande Borsa ufficiale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lusso al polso e pagamento in Bitcoin

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

La vigilanza ha fallito

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin, quante insidie nella moneta virtuale

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini dell’IVA

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Il Bitcoin subordinato

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Bitcoin nel mirino in Francia

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Goldman Sachs analizza le criptovalute

Swissquote adotta i Bitcoin

Falcon Pb punta sui Bitcoin

Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

Binck Italia permette di investire nei bitcoin

Goldman Sachs, appello degli hedge fund per coprire i bitcoin

Investire in Bitcoin ed Ethereum, eToro lancia il CopyFund sulle criptovalute

Ti può anche interessare

Albarelli (Azimut): “Così lavora il nostro Global Team di gestori”

Un team unico per 17 Paesi. L'a.d. del gruppo Azimut parla della riorganizzazione delle attività di ...

Fondi pensione e casse di previdenza, ecco dove investono

Solo il 38% del loro portafoglio obbligazionario va in titoli di Stato, meno della media europea. ...

Friedman (Gam): “Ancora interessati ad acquisizioni, ma senza fretta”

Il n.1 della società di asset management di Zurigo è giunto in Italia per presentare una ricerca s ...