Credem in utile, sulla scia dell'espansione

A
A
A

Il Credito Emiliano ha ottenuto utile netto consolidato pari a 157,0 milioni di euro, comunque in calo rispetto all’anno precedente (-37,0%); ma la politica di espansione territoriale è ormai un dato di fatto.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 marzo 2009 | 09:00

Credito Emiliano ha chiuso l’anno in utile. Il che promuove l’acquisto di complessive 72 filiali e due centri imprese da Citibank, Banca Popolare di Verona S.Geminiano e S. Prospero (Gruppo Banco Popolare) e dal Gruppo Unicredit (nell’anno sono state inoltre aperte 18 filiali) unitamente riorganizzazione della controllata Abaxbank (investment banking) come contemplato dal piano triennale del gruppo.

Ecco i dati. L’utile netto consolidato, che ha risentito della congiuntura negativa dei mercati finanziari, è pari a 157,0 milioni di euro, -37,0% rispetto a 249,4 milioni di euro a fine 2007, mentre regge meglio il margine di intermediazione, che si attesta a 916,1 milioni di euro rispetto a 1.005,5 milioni di euro del 2007 (-8,9%). In particolare il margine d’interesse (2) cresce del 5,3% a 562,8 milioni di euro rispetto ai 534,5 milioni di euro del 2007. Più pesante (anche se comunque positiva) la situazione del margine servizi; è pari a 353,3 milioni di euro in diminuzione del 25,0% rispetto a 471 milioni di euro del 2007.

Nel dettaglio, la congiuntura dei mercati finanziari ha condizionato sia il comparto del trading, proprietario e in contropartita con clientela, sia la contribuzione commissionale della gestione ed intermediazione relativa in particolare alle gestioni patrimoniali individuali e collettive. Il comparto commissionale ha inoltre registrato una crescita della contribuzione dei servizi bancari. Il comparto del trading è stato condizionato negativamente sia dal risultato dell’area investment banking (-13,9 milioni di euro di margine d’intermediazione), sia dal risultato della valutazione, nell’ambito delle attività finanziarie detenute per la negoziazione, di quote del patrimonio di fondi gestiti da Euromobiliare Alternative Investments Sgr pari a circa 35 milioni di euro.

Insomma, dopo i positivi dati di raccolta (terza posizione complessiva con oltre 67 milioni di Euro nel febbraio 2009, fonte Assoreti), ecco che Credem conferma la sua solidità con un bilancio positivo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Ti può anche interessare

Arriva la Mifid 2: care reti e sgr, siete veramente pronte?

Se ne parlerà durante l'ITForum Milano, manifestazione che ospiterà al suo interno oltre 20 eventi ...

Fineco saluta tre new entry

Si tratta di Piergiorgio Pelassa in Piemonte, Lorenzo Zanarini in Emilia Romagna e Lorenzo Nicolis i ...

Nove università italiane in gara per la CFA Research Challenge 2018

In collaborazione con FactSet, Fidelity International e PwC, CFA Society Italy coordina la sfida loc ...