Matrimonio concluso tra Veneto banca e BancApulia

A
A
A

E’ stato stipulato l’accordo quadro finalizzato a giungere all’integrazione tra il Gruppo bancario bancApulia ed il Gruppo bancario Veneto Banca. Un’unione che si annuncia serena.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 marzo 2009 | 12:15

Fiori d’arancio per tutti. Il 30 marzo 2009 è stato stipulato tra Veneto Banca Holding, capogruppo del Gruppo Veneto Banca e Finanziaria Capitanata s.r.l., detentrice del controllo di bancApulia, un accordo che fissa la struttura e le linee essenziali dell’operazione che comporterà l’ingresso del Gruppo bancApulia nel Gruppo Veneto Banca.
 
Come già anticipato nei precedenti comunicati del 14 gennaio 2009, Veneto Banca e Fin. Cap. hanno infatti concordato sul reciproco, convergente interesse di effettuare una fusione tra BAP e Banca Meridiana S.p.A. appartenente al Gruppo Veneto Banca, per dar vita ad un forte operatore bancario operante nel sud Italia e lungo la dorsale adriatica. L’operazione di aggregazione, grazie alla sostanziale assenza di sovrapposizioni territoriali, permetterà di conseguire i seguenti benefici: garantire alla società risultante dalla fusione di BAP e Meridiana una presenza territoriale diffusa nel sud est d’Italia, coerente con il ruolo di banca di riferimento per l’area in questione; conseguire significative potenzialità sinergiche di ricavo ed economie di costo attraverso: la razionalizzazione della struttura informatica; il raggiungimento di economie di scala; garantire maggiori opportunità commerciali per le società prodotto del Gruppo bancApulia e Gruppo Veneto Banca.

“L’operazione”, commenta Vincenzo Chirò, Presidente del Consiglio di Amministrazione di bancApulia “consentirà di creare valore per gli azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti, proseguendo nel sostegno al territorio di riferimento”. Sebbene quanto espresso all’interno della dichiarazione (valore per azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti) dovrebbe corrispondere all’attività “normale” di ogni società, non si può dire che l’accordo non abbia trovato il consenso dei partecipanti.
 
L’iter dovrebbe prevedibilmente concludersi nel secondo semestre 2009, dopo l’espletamento delle due diligence su BAP e Meridiana, e il conseguimento delle autorizzazioni di legge. Al perfezionamento dell’operazione, BAP entrerà a far parte del Gruppo Veneto Banca e la nuova entità risultante dalla fusione potrà disporre di una rete di 104 sportelli bancari distribuiti in 7 regioni, 16 punti vendita Apulia puntofinanziario, 20 punti vendita Apulia prontomutuo, oltre 400 sportelli bancomat, circa il 70% del capitale sociale di Apulia prontoprestito S.p.A., società quotata alla Borsa Italiana nel segmento Expandi e operante nel settore della cessione del quinto, nonché una raccolta globale di € 6,1 miliardi, impieghi per € 5,1 miliardi ed un prodotto bancario lordo pari a € 11,2 miliardi.

Insomma una nuova creatura con un bel bagaglio di eredità. Quel che si suol dire, nascere con la camicia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le operazioni sospette di riciclaggio

La risposta esatta alla domanda pubblicata mercoledì, a proposito delle obbligazioni subordinate, e ...

Foto d’autore per Banca Generali a Milano

Le immagini sono esposte a Milano presso la sede di Banca Generali private banking in piazza Sant’ ...

Finanza & Futuro in Deutsche Bank, via alle danze

Secondo il quotidiano Mf-Milano Finanza, sta per iniziare il riassetto della divisione Private & ...