Matrimonio concluso tra Veneto banca e BancApulia

A
A
A

E’ stato stipulato l’accordo quadro finalizzato a giungere all’integrazione tra il Gruppo bancario bancApulia ed il Gruppo bancario Veneto Banca. Un’unione che si annuncia serena.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 marzo 2009 | 12:15

Fiori d’arancio per tutti. Il 30 marzo 2009 è stato stipulato tra Veneto Banca Holding, capogruppo del Gruppo Veneto Banca e Finanziaria Capitanata s.r.l., detentrice del controllo di bancApulia, un accordo che fissa la struttura e le linee essenziali dell’operazione che comporterà l’ingresso del Gruppo bancApulia nel Gruppo Veneto Banca.
 
Come già anticipato nei precedenti comunicati del 14 gennaio 2009, Veneto Banca e Fin. Cap. hanno infatti concordato sul reciproco, convergente interesse di effettuare una fusione tra BAP e Banca Meridiana S.p.A. appartenente al Gruppo Veneto Banca, per dar vita ad un forte operatore bancario operante nel sud Italia e lungo la dorsale adriatica. L’operazione di aggregazione, grazie alla sostanziale assenza di sovrapposizioni territoriali, permetterà di conseguire i seguenti benefici: garantire alla società risultante dalla fusione di BAP e Meridiana una presenza territoriale diffusa nel sud est d’Italia, coerente con il ruolo di banca di riferimento per l’area in questione; conseguire significative potenzialità sinergiche di ricavo ed economie di costo attraverso: la razionalizzazione della struttura informatica; il raggiungimento di economie di scala; garantire maggiori opportunità commerciali per le società prodotto del Gruppo bancApulia e Gruppo Veneto Banca.

“L’operazione”, commenta Vincenzo Chirò, Presidente del Consiglio di Amministrazione di bancApulia “consentirà di creare valore per gli azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti, proseguendo nel sostegno al territorio di riferimento”. Sebbene quanto espresso all’interno della dichiarazione (valore per azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti) dovrebbe corrispondere all’attività “normale” di ogni società, non si può dire che l’accordo non abbia trovato il consenso dei partecipanti.
 
L’iter dovrebbe prevedibilmente concludersi nel secondo semestre 2009, dopo l’espletamento delle due diligence su BAP e Meridiana, e il conseguimento delle autorizzazioni di legge. Al perfezionamento dell’operazione, BAP entrerà a far parte del Gruppo Veneto Banca e la nuova entità risultante dalla fusione potrà disporre di una rete di 104 sportelli bancari distribuiti in 7 regioni, 16 punti vendita Apulia puntofinanziario, 20 punti vendita Apulia prontomutuo, oltre 400 sportelli bancomat, circa il 70% del capitale sociale di Apulia prontoprestito S.p.A., società quotata alla Borsa Italiana nel segmento Expandi e operante nel settore della cessione del quinto, nonché una raccolta globale di € 6,1 miliardi, impieghi per € 5,1 miliardi ed un prodotto bancario lordo pari a € 11,2 miliardi.

Insomma una nuova creatura con un bel bagaglio di eredità. Quel che si suol dire, nascere con la camicia.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Piccolo manuale per scovare un abusivo del credito

Un poker di elementi fondamentali per capire chi si ha di fronte ...

Credit Agricole, maxi vendita di npl in Italia

Ceduto un portafoglio di crediti al consumo e prestiti alle piccole aziende per 6 miliardi di euro ...

Consulenti, autonomi si guadagna di più. Garantisce Nafop

Il portavoce dell’associazione Luca Mainò indirizza un messaggio ai piccoli portafoglisti delle g ...