Consulenza – Una moda, un'opportunità o una bufala?

A
A
A

Cresce la confusione intorno al tema dei consulenti finanziari. C’è chi li considera simili ai promotori, chi li ritiene una moda e chi ne parla come di una valida alternativa. Un convegno prova a fare chiarezza sulla questione, eliminando pregiudizi e qualunquismi.

di Francesco D'Arco31 marzo 2009 | 13:30

Per qualcuno non esistono, sono un’invenzione o quasi una “bufala”. Per altri sono solo una moda momentanea spinta dalla crisi dei mercati e da quella del risparmio gestito. Stiamo parlando del mondo dei consulenti finanziari cosiddetti indipendenti che molti ignorano e altri descrivono come una tendenza che andrà scemando con il tempo.

La verità è però un’altra. Il mondo della consulenza finanziaria è un mondo reale fatto di professionisti che cercano, e presto avranno, un riconoscimento istituzionale. Altrimenti poco si spiega il lavoro svolto in questi anni dall’onorevole Emanuele Fiano (PD) e dal senatore Cinzia Bonfrisco (PDL) volto a riammettere le srl tra l’elenco delle società che possono svolgere un servizio di consulenza finanziaria. E se non fossero una realtà concreta le reti di promozione fianziaria non avrebbero motivo di allargare l’offerta anche al servizio di consulenza.

Tutti i dibattiti che hanno interessato questo argomento dall’arrivo della MiFID in poi non riguardano, quindi, una piccola élite di professionisti, ma il mondo del risparmio gestito e una categoria professionale che presto sarà ufficialmente riconosciuta (con la nascita dell’albo) e, giustamente, regolamentata.

Di certo i dibattiti di questi ultimi due anni hanno avuto l’effetto di generare grande (troppa) confusione sul tema consulenza. E questo è andato a vantaggio di chi desidera frenare sul nascere questi “nuovi” professionisti e a vantaggio dei “finti” consulenti.

Per questo serve chiarezza sul tema. Sia per i risparmiatori, che si troveranno di fronte i futuri consulenti finanziari, sia per i promotori finanziari (e non solo), che stanno valutando l’ipotesi di cambiare mestiere.

E l’unico modo per fare chiarezza è quello di descrivere non le differenze tra promotori e consulenti, ma le caratteristiche dell’attività della consulenza oggettiva. Va in questa direzione, ad esempio, il convegno “La consulenza oggettiva come valore per il risparmio. Una nuova opportunità professionale per promotori finanziari e bancari”, organizzato per il prossimo 23 aprile a Milano (presso il centro Ariberto – Auditorio Don Paolo Niccolini, via Daniele Crespi 9) da Assofinance, associazione guidata da Giannina Puddu che ha lavorato molto in questi anni per far riammettere le srl tra le realtà autorizzate a svolgere attività di consulenza.

Il convegno, che inizierà alle 9.30 e vedrà tra gli altri la partecipazione di Alfonso Scarano (Aiaf), Cinzia Bonfrisco (senatore PDL), Emanuele Fiano (onorevole PD) e Tommaso Di Buono (Adiconsum) vuole mettere in luce le caratteristiche peculiari di un’attività che si distingue dal mero collocamento e che può offrire un’interessante alternativa anche ai promotori finanziari.

Solo riconoscendo le peculiarità delle due professioni (promotori e consulenti) sarà possibile finalmente portare avanti un dibattito lontano dai pregiudizi (noi meglio di loro) e dai qualunquismi (siamo tutti uguali). Solo così si potrà davvero aprire la strada a un mercato competitivo in grado di garantire qualità nel servizio alla clientela e riportare in auge il risparmio gestito italiano.

Se volete esprimere la vostra opinione, scriveteci!


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Una sfida per diventare consulenti

Deutsche Bank Financial Advisors, un reclutamento da 10

Il cliente furioso: manuale di gestione per il cf

Violazioni assortite, radiato ex Mediolanum

Come ti salvo il consulente quando i colleghi sono in vacanza

Consulenza, cosa ci può insegnare l’Olocausto

Consulente, fotografia di una professione

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Anasf, ecco gli articoli modificati dello statuto

Ing, tutto pronto per la rete dalla linea verde

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Consulenti sempre più sul trono del gestito

Consulenti, dite addio alla scheda carburante

Caso fee only: (non) c’è il rischio della sospensione dell’attività

Nuovo Albo per autonomi e scf: i tempi, le fasi e le attività

Consulente dal piccolo portafoglio? La Maieutica ti aiuta

La sostenibilità vista da Anasf

Cari cf, per avere successo ispiratevi ai samurai

La giornata dell’advisor del futuro

Consulenti, 4 rischi per il portafoglio dai quali stare alla larga

Una borsa per i neo consulenti

Banco Desio: vogliamo investire su di te!

Consulenti, come rendere l’estate produttiva

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Il fintech bussa in casa Anasf

L’eleganza ad alta temperatura

Multilife, quando i valori non hanno età

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Invesco investe sui consulenti

I due driver della consulenza finanziaria

Sri insieme ai consulenti

Ti può anche interessare

Il crowdfunding galeotto dei sospesi ex Consultinvest

Provvedimento dell’authority ai danni di un professionista legato alla rete della società austri ...

Mercati e demografia, se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Alla trasmissione Mercati che fare ospite Alessandro Rosina, docente di Demografia all’Università ...

Fineco, dicembre (quasi) miliardario

Nel mese scorso, la società guidata da Alessandro Foti ha registrato una raccolta netta positiva pe ...