Cassa Depositi e Prestiti: 50 miliardi per il nuovo Piano

A
A
A

L’istituto guidato da Varazzani ha approvato le linee generali per il Piano Industriale 2009-11. Il progetto prevede lo stanziamento di 15 miliardi di euro, ottenuti tramite la raccolta postale, per il finanziamento di opere pubbliche ed infrastrutture.

di Fabio Coco31 luglio 2009 | 07:40

La Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) ha approvato le linee generali del Piano Industriale 2009-11, rinviando la formalizzazione definitiva alla prossima riunione del Consiglio di Amministrazione. Il progetto tiene conto dei recenti interventi normativi che hanno ampliato le attività della Cassa in favore dello sviluppo economico e sociale del Paese.

Entro il 2011, Cdp prevede di incrementare la propria quota di mercato portandola dal 41 al 44% nei finanziamenti ad enti pubblici, con 18 miliardi di fondi messi a disposizione nel biennio. Il Piano 2009-11 in totale, prevede fondi a disposizione per 50 miliardi di euro.

In particolare, 13 saranno destinati a programmi per il supporto dell’economia, per i quali entro il 2011 si prevede la piena attivazione di tutti gli strumenti di supporto all’economia e credito agevolato. Tre miliardi, invece, saranno messi a disposizione per l’aumento di capitale in Enel.

Infine, sono previsti 15 miliardi per i finanziamenti ad infrastrutture ed opere pubbliche, tra quelli promossi dagli enti pubblici, quelli destinati per l’internalizzazione delle imprese ed opere ed interventi vari indirizzati alla fornitura di servizi pubblici e bonifiche. Tramite la raccolta prevalentemente postale, quindi, la Cassa Depositi e Prestiti conta di raggiungere entro il biennio fissato gli obiettivi individuati.

Nella foto, Massimo Varazzani, amministratore delegato di Cdp.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Poste punta su raccolta e risparmio gestito

Poste Italiane rinnova l’offerta di Libretti e Buoni Fruttiferi

Poste Italiane, rilancio della raccolta dei Buoni fruttiferi

Ti può anche interessare

Il presidente Abi a Mediolanum Channel: “Il questionario Mifid 2? Compilatelo da soli”.

Antonio Patuelli ospite della trasmissione Mercati che Fare, condotta da Leopoldo Gasbarro e va in o ...

UniCredit, trimestre da incorniciare

Dopo l'aumento di capitale e la cura dell'amministratore delegato Mustier, il gruppo bancario ha rea ...

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Dopo il crac miliardario Deiulemar, il nome di Torre del Greco è di nuovo in primo piano per la com ...