Banche – Credem accusa la crisi nel semestre

A
A
A

L’istituto presieduto da Giorgio Ferrari chiude il periodo con un utile pari a 24,4 milioni di euro, un calo dell’83,6% rispetto ai primi sei mesi del 2008.

di Fabio Coco31 agosto 2009 | 10:20

Credem chiude il primo semestre dell’anno con un utile netto consolidato pari a 24,4 milioni di euro, in ribasso dell’83,6% rispetto all’analogo periodo 2008, in cui si era attestato a 148,9 milioni. Il margine di intermediazione è risultato pari a 448,6 milioni di euro, in calo del 15,9% rispetto ai 533,3 milioni di euro del primo semestre precedente. L’istituto ha risentito dell’attuale contesto di crisi.

Il margine d’interesse si è attestato a 214,3 milioni di euro, contro i 286,9 milioni del periodo 2008 (-25,3%). L’andamento di tale voce è stato influenzato dalla rapida discesa dei tassi, spiega l’istituto di Giorgio Ferrari in una nota.

Il margine dei servizi, pari a 243,3 milioni di euro, è scemato del 4,9% rispetto ai precedenti 246,4 milioni di euro. “L’area trading e copertura è stata trainata dalla ripresa dell’attività ordinaria, connessa principalmente all’operatività di Credem (+21,5%) grazie anche a condizioni di minore instabilità dei mercati”

“Il risultato complessivo del comparto ha risentito del ridimensionamento dell’attività di investment banking e dell’estensione della metodologia “mark to market” anche a tutti i portafogli gestiti da Abaxbank precedentemente calcolati sulla base di modelli interni di valutazione”.

I costi operativi sono ammontati a 328,2 milioni di euro, il +1,8% rispetto ai 322,4 milioni di euro del primo semestre 2008. Le spese amministrative ammontano a 121,8 milioni di euro (+0,7%).

La raccolta da clientela del Gruppo Credem a fine giugno 2009 è pari a 54.194 milioni di euro contro 54.973 milioni di euro dello stesso periodo del 2008 (-1,4%), quella diretta pari a 16.787 milioni di euro (-8,7%), mentre quella indiretta pari a 34.590 milioni di euro (+1,7%).

Il Core Tier 1 Ratio del Gruppo è risultato pari al 7,9%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Azimut, nuovo colpo in Australia

Acquisita Farrow Hughes Mulcahy Financial Services. Il controvalore dell’operazione, includendo si ...

Radiata consulente nel pavese

La consulente in questione è originaria di Pavia ed era in forze a Sanpaolo Invest. ...

Intesa Sanpaolo sale ancora in Cr Forlì

Acquisito oltre il 10%. Raggiunta quota del 95% ...