Intesa a parte, il private equity è in crisi

A
A
A

Una ricerca svolta dall’università Bocconi rileva che il 2009 vedrà una frenata dell’attività da parte degli investitori istituzionali. Un’affermazione che sembra contrastare con le vicende emerse dai casi Fideuram-Exor e Fondaco-Polaris.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti21 settembre 2009 | 12:20

Il vecchio detto “Una rondine non fa primavera” funziona da avvertimento didattico nel non considerare necessariamente un evento, incipit di una corrente. Una frase che bene si adatta a quanto emerge da una recente ricerca della Sda Bocconi (in collaborazione con Barclays Pe, Misto Associati, Korn Feery, Mbl Partners e Alvarez&Marsal) sulle operazioni con capitale di rischio in Italia. L’attivismo del gruppo Intesa-SanPaolo non deve ingannare: nei primi mesi del 2009 si sono registrate solo una ventina di nuovi deal (contro i 159 del 2008) e si sono mostrate grandi difficoltà per le acquisizioni a leva di grandi dimensioni (superiori ai 250 milioni di valore d’impresa), a causa della mancanza di debito.

Tra i segnali di preoccupazione, come sostiene lo stesso Valter Conca della Sda Bocconi, si nota la stasi delle operazioni di disinvestimento, non favorita sicuramente dall’andamento borsistico e la corrispettiva crescita del numero di partecipazioni detenute da oltre 4 anni, che raggiunge quasi un terzo del portafoglio complessivo. Tuttavia, a favore del nostro paese, va detto che l’Italia è uno dei paesi dove il numero di transazioni nel private equity ha tenuto meglio nel 2008, riuscendo addirittura a passare da quota 125 del 2007 a 159 del 2008; se invece si va a guardare il resto d’Europa, vi è stata una netta contrazione dei deal, con il -75% della Francia, il -54% della Germania, il -68% della Spagna e il -63% del Regno Unito. Nell’attesa quindi della conferma della contrazione per il 2009, di può dire per lo meno di avere avuto un brillante passato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli intermediari

La risposta esatta alla domanda pubblicata venerdì, a proposito del Testo unico della finanza, era ...

Anasf cambia casa

L'associazione alle prese con il trasloco degli uffici milanesi ...

Azimut, un altro colpaccio in Svizzera

Con Az Swiss & Partners compra SDB Financial Solutions e raggiunge circa 2 miliardi di euro di m ...