Promotori Finanziari – Poste Italiane, quando la sfida è impari

A
A
A

La sfida tra la rete postale e quella bancaria è aperta; am siamo sicuri che le regole siano le stesse per tutti?

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti29 ottobre 2009 | 15:05

Ormai è cosa comprovata. Il mondo Poste Italiane è fortemente deciso a far concorrenza ai tipici intermediari finanziari; tra sim in regalo, prodotti Banco Posta e appoggi dal governo (ricordate la questione Banca del Mezzogiorno?) la sfida alle reti è ormai una realtà. Capità però di imbattersi in casi che fanno riflettere, come quello che riporta recentemente Il Mondo.

Ecco una lettera riportata dal settimanale “Mi è stata clonata la carta Postepay con prelevamenti di denaro all’estero. Ho presentato istanza di rimborso, ma le Poste mi hanno risposto che per loro è tutto in regola. Che cosa posso fare, visto che non aderiscono all’Ombudsman e quindi non so a chi altro rivolgermi?” Si può giocare a fare l’intermediario senza averne la struttura e le regolamentazioni? Ai nostri lettori l’ardua sentenza.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le Index Linked non sono polizze, parola di giudice

Polizze Vita, il leader è Poste Italiane

Allianz vende polizze per 4,5 miliardi

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il tasso di riferimento

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle opzioni call, era quella contrad ...

I fondi di Neuberger Berman entrano nella rete di Sol&Fin

Accordo distributivo tra la casa di gestione e la società di intermediazione mobiliare. ...

Cf, come aumentare la concentrazione sul lavoro

Evitare il multitasking utilizzando troppi dispositivi assieme e concentrarsi su una sola mansione. ...