Dubai, l’Italia non è esposta. Almeno per ora

A
A
A

Dormite sonni tranquilli, l’esposizione dell’Italia verso Dubai World è inesistente o marginale. Parola di Bankitalia, Consob e Abi. Dormite sonni tranquilli questa crisi oggi non ci tocca. Ma domani…

di Redazione27 novembre 2009 | 16:30

Serenità assoluta. Esposizione marginale. Nessuna preoccupazione. La giornata di oggi, venerdì 27 novembre, è stata dominata dagli appelli alla tranquillità delle varie autorità di vigilanza italiane.

Ad aprire le danze Fabrizio Saccomani. Il direttore generale della Banca d’Italia, a margine di un convegno presso la sede dell’Abi, ha subito sottolineato che per quanto riguarda il sistema Italia “non ci sono problemi. L’esposizione è molto contenuta, non c’è alcuna preoccupazione”. Non è però da sottovalutare il rischio di un’estensione su scala globale del possibile fallimento della Dubai World. In questo caso “bisognerà vedere cosa succede”.

A Bankitalia fa eco la Consob. “Allo stato attuale c’è una serenità assoluta” ha dichiarato il presidente Lamberto Cardia che si è mostrato decisamente ottimista sugli effetti del possibile default del Dubai World sull’Italia. Anche se, la storia recente insegna, la prudenza non è mai troppa. E allora meglio fare “tutti gli approfondimenti del caso”, ha concluso Cardia.

A chiudere la serie di interventi tranquillizzanti ci ha pensato Corrado Faissola, presidente dell’Abi che ha sottolineato che l’esposizione delle banche italiane è “inesistente o marginale”, per questo gli istituti di credito italiani “non dovrebbero avere problemi”. Ma il condizionale è d’obbligo dal momento che la crisi di Dubai conferma che l’esposizione delle banche italiane verso Dubai World, la holding dell’emirato che rischia il default, ”e’ inesistente o marginale”. E’ quanto evidenzia il presidente dell’Abi, Corrado Faissola, sostenendo che gli istituti di credito italiani ”non dovrebbero avere problemi”. La crisi a Dubai, prosegue, ”e’ un fatto che conferma come “la crisi che ha colpito prima il sistema finanziario e poi l’economia reale non sia ancora del tutto superata”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Secondo l'ultimo rapporto Bce il totale degli istituti è calato dalle 3.881 unità di fine 2007 all ...

Carim e CariCesena, rush finale verso il salvataggio

In preparazione l’aumento di capitale sostenuto da Fitd prima della cessione a Cariparma ...

Ubi Banca, firmato il contratto di acquisto delle good bank

Dopo il via libera di Bankitalia, è ormai definitiva l'acquisizione di Banca Marche, Banca Etruria ...