Le banche temono il cartellino rosso

A
A
A

La Consob ha estratto il cartellino giallo e l’ha sventolato davanti a tutto il mercato. Il mondo bancario è in agitazione per il provvedimento ingiuntivo (n. 17077) assunto dalla Consob nei confronti di un’importante banca.

di Redazione21 dicembre 2009 | 10:15

di Fabrizio Tedeschi

 Secondo il parere di molti, mutatis mutandis, buona parte delle banche italiane avrebbe procedure e terrebbe comportamenti simili a quelli descritti nell’ingiunzione. Il provvedimento meriterebbe un intero convegno. Vediamo di sintetizzare i punti più importanti.
Si tratta di un provvedimento ingiuntivo, un ordine dell’autorità di cessare i comportamenti irregolari e attuare le modifiche procedurali e organizzative per adeguarsi alle norme. Una sorta di cartellino giallo che in caso di ripetizione della condotta illegittima può anche diventare rosso. La formale ammonizione, come a volte accade nel calcio, è stata preceduta da un richiamo che nel documento è definito “richiamo di attenzione”.
Questa procedura va giudicata positivamente perché l’intermediario è messo sull’avviso da parte dell’autorità della sua condotta illegale. Se non desiste, si dà luogo al provvedimento più grave, l’ammonizione vera e propria costituita dall’ingiunzione.
Questo per quanto riguarda gli aspetti procedurali.
Nel merito i punti da segnalare sono numerosi. È ribadita l’importanza della “tracciabilità” dell’operatività. In ogni momento l’intermediario deve essere in grado di documentare ciò che ha fatto; le procedure devono recare sempre traccia di quanto avvenuto ed essere immodificabili. Quanti intermediari sono in grado di garantire un simile riscontro nelle proprie procedure?
Altro punto importante è la sequenza delle attività della consulenza.
Nell’ambito della consulenza “attiva” (quella d’iniziativa dell’intermediario) il controllo sull’adeguatezza dell’operazione deve precedere la comunicazione al cliente: a questi non dovrà mai essere consigliata un’operazione che non abbia già superato il test sull’adeguatezza. Anche sotto questo profilo, non pochi sono gli intermediari con procedure carenti.
Elemento critico è segnalato anche nella consulenza effettuata su “titoli propri”, con un conflitto d’interessi portato al diapason. È ovvio che non si chieda all’oste se il suo vino è buono. Non occorre la MiFID per disciplinare principi di saggezza “popolare”! Sarebbe forse meglio che gli intermediari rinunciassero a fare consulenza in rem propriam.
Il provvedimento sottolinea l’importanza di altri due fondamentali elementi: la profilatura del cliente e l’orizzonte temporale dell’investimento.
Molto spesso gli investitori non compilano attentamente il proprio profilo o addirittura lasciano l’incombenza al promotore o all’addetto della banca.
Un simile atteggiamento rischia di compromettere la bontà dell’investimento e la qualità del rapporto investitore/intermediario. Entrambi devono quindi dedicare la dovuta cura a questa fase del loro rapporto.
Sul punto rinviamo alla lettura del provvedimento della Consob, davvero interessante.
In questa circostanza il comportamento dell’arbitro è stato ineccepibile. Staremo a vedere se in futuro userà ancora il cartellino giallo o se, in caso di doppia ammonizione, non passerà al rosso.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni, sulle commissioni non c’è ancora l’effetto Mifid 2

Mifid 2 atto finale, ecco il regolamento intermediari

Consulenza all’impresa, una questione di famiglia

Carico pendente, consulente sospeso per un anno

Tercas, confermate le sanzioni Consob

Trading senza autorizzazione, la sanzione di Consob

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

Esma e securities market, un dibattito aperto

Consob, 3 segnalazioni e un comun denominatore

Consob, trasparenza con vista 2020

Scf e autonomi, i dubbi in attesa di Consob

Consob, le commissioni fanno ricche le sgr italiane

Forex e cfd, sanzione per servizi di trading online abusivi

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Attività per un soggetto non abilitato, sospeso un consulente di Bergamo

Attività abusiva, sospeso consulente a Catania

I conti in tasca al consulente: quanto esce tra Consob, Enasarco e Ocf

Contributo Consob 2018: ecco chi, quanto e come dovrà pagare

Mifid 2, così cambia l’Albo delle Sim

Consob, raffica di sospensioni per pubblicità non autorizzata

Consulenti finanziari, i nuovi obblighi nei confronti di Ocf

Iscrizioni e cancellazioni dall’albo, così le comunicherà Ocf

Investitori istituzionali non bancari e quotate europee, un’analisi Consob

Consulenti, sospensione cautelare per un professionista pugliese

Consulenti, radiato un ex Consultinvest e Banca Generali

Consob, 10.000 euro di sanzione per assenza di autorizzazione

Consulenti, radiazione per un ex Fineco

Lettera di M.Locorotondo e M.Sardo alla redazione di Bluerating

Prevenzione della corruzione e trasparenza, un nuovo responsabile per Consob

Whistleblowing, la Consob attiva email e numero di telefono

Consob, poker di segnalazioni nostrane

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Un signore e un albo dei consulenti che non esiste

Ti può anche interessare

Fideuram Ispb, terremoto al vertice

Piancastelli lascia l’incarico di co-d.g.. Cubelli in pole position per sostituirlo. I motivi dell ...

Mifid II, ovvero il crash test della consulenza finanziaria

Si parla di Mifid II nel seminario che Anasf propone a Cavenago di Brianza l'8 giugno dalle 14.30 al ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i contratti forward

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle sezioni territoriali dell'albo, e ...