Le banche temono il cartellino rosso

A
A
A

La Consob ha estratto il cartellino giallo e l’ha sventolato davanti a tutto il mercato. Il mondo bancario è in agitazione per il provvedimento ingiuntivo (n. 17077) assunto dalla Consob nei confronti di un’importante banca.

di Redazione21 dicembre 2009 | 10:15

di Fabrizio Tedeschi

 Secondo il parere di molti, mutatis mutandis, buona parte delle banche italiane avrebbe procedure e terrebbe comportamenti simili a quelli descritti nell’ingiunzione. Il provvedimento meriterebbe un intero convegno. Vediamo di sintetizzare i punti più importanti.
Si tratta di un provvedimento ingiuntivo, un ordine dell’autorità di cessare i comportamenti irregolari e attuare le modifiche procedurali e organizzative per adeguarsi alle norme. Una sorta di cartellino giallo che in caso di ripetizione della condotta illegittima può anche diventare rosso. La formale ammonizione, come a volte accade nel calcio, è stata preceduta da un richiamo che nel documento è definito “richiamo di attenzione”.
Questa procedura va giudicata positivamente perché l’intermediario è messo sull’avviso da parte dell’autorità della sua condotta illegale. Se non desiste, si dà luogo al provvedimento più grave, l’ammonizione vera e propria costituita dall’ingiunzione.
Questo per quanto riguarda gli aspetti procedurali.
Nel merito i punti da segnalare sono numerosi. È ribadita l’importanza della “tracciabilità” dell’operatività. In ogni momento l’intermediario deve essere in grado di documentare ciò che ha fatto; le procedure devono recare sempre traccia di quanto avvenuto ed essere immodificabili. Quanti intermediari sono in grado di garantire un simile riscontro nelle proprie procedure?
Altro punto importante è la sequenza delle attività della consulenza.
Nell’ambito della consulenza “attiva” (quella d’iniziativa dell’intermediario) il controllo sull’adeguatezza dell’operazione deve precedere la comunicazione al cliente: a questi non dovrà mai essere consigliata un’operazione che non abbia già superato il test sull’adeguatezza. Anche sotto questo profilo, non pochi sono gli intermediari con procedure carenti.
Elemento critico è segnalato anche nella consulenza effettuata su “titoli propri”, con un conflitto d’interessi portato al diapason. È ovvio che non si chieda all’oste se il suo vino è buono. Non occorre la MiFID per disciplinare principi di saggezza “popolare”! Sarebbe forse meglio che gli intermediari rinunciassero a fare consulenza in rem propriam.
Il provvedimento sottolinea l’importanza di altri due fondamentali elementi: la profilatura del cliente e l’orizzonte temporale dell’investimento.
Molto spesso gli investitori non compilano attentamente il proprio profilo o addirittura lasciano l’incombenza al promotore o all’addetto della banca.
Un simile atteggiamento rischia di compromettere la bontà dell’investimento e la qualità del rapporto investitore/intermediario. Entrambi devono quindi dedicare la dovuta cura a questa fase del loro rapporto.
Sul punto rinviamo alla lettura del provvedimento della Consob, davvero interessante.
In questa circostanza il comportamento dell’arbitro è stato ineccepibile. Staremo a vedere se in futuro userà ancora il cartellino giallo o se, in caso di doppia ammonizione, non passerà al rosso.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Federpromm “salva” il consulente sospeso

Altolà della Consob ai Segnali vincenti

Consob, attenzione a queste società

Mirror trading nel mirino di Consob

Consob, sei cartellini rossi

Consob, un divieto tira l’altro

Popolare Vicenza, sanzione ridotta per Bedoni

Problemi di “comunicazione”, Consob sanziona Artemis IM

“Manita” di violazioni segnalate da Consob

Il neo presidente della Consob: “Il bail-in ha funzionato”

Consob, al via l’era Nava

Crac De Asmundis, un rimborso chiamato desiderio

Radiazione sotto la Mole

D9 Clube, l’intervento di Consob

La sanzione a Venezia

Consob, stop a cinque siti abusivi

Stop di Consob a 8 società abusive

Radiata consulente nel pavese

Scure della Consob sul Credito Cooperativo Interprovinciale Veneto

Bonifici sospetti, sospeso un consulente finanziario

Consob, cartellino rosso a quattro società

La finanza digitale secondo Consob

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Tre violazioni in punta di trading

Consob e Cattolica unite nella formazione

Società non autorizzate, altolà della Consob

Disco verde della Consob a Euromobiliare Advisory Sim

Cocktail di irregolarità, radiato un consulente

Consulenti, il (finto) limbo normativo in attesa dell’Albo

Regolamenti Intermediari, il punto di vista dei legali

Obblighi informativi Mifid 2, il richiamo di Consob

Acquisto senza comunicazione, Consob sanziona Guerini

Coppia di abusivi sotto la scure di Consob

Ti può anche interessare

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Un cliente si è recato in un’agenzia bancaria per incassare un assegno a lui intestato, ma gli ha ...

Papa Francesco e i consulenti, Bufi risponde su Twitter

Anche il presidente dell’Anasf dice la sua sui social web riguardo al monito di Bergoglio ...

Cernobbio, Mustier (UniCredit): “I conti funzionano”

Il ceo dell'istituto di piazza Gae Aulenti si è poi detto molto positivo sull'andamento dell'econom ...