Eurozona, Titoli di Stato per 915 miliardi

A
A
A

Nelle nazioni europee le emissioni di Titoli di Stato per contrastare gli effetti della crisi economica superano dell’8,76% i preventivi. L’Italia è sulla vetta.

di Redazione30 dicembre 2009 | 14:00

Ammontano ad un totale di 951 miliardi di euro le emissioni del 2009 di titoli di stato, un tasso che raggiunge massimi storici dall’introduzione delle moneta unica.

Questo è quanto emerge dai calcoli di Market News International che mostra come, seppur all’inizio di quest’anno gli stati dell’Euroclub avessero annunciato emissioni totali per 874 miliardi di euro, alle fine si sia raggiunta quota 915 miliardi, l’8,76% in più delle originarie previsioni, raggiunti a causa della recessione.

In pole position si trova proprio il nostro Paese, che aveva in scadenza circa 1/4 del proprio debito pubblico. Al 28 dicembre l’Italia ha emesso 277 miliardi di euro in titoli di stato, contro i 240 miliardi inizialmente pianificati.
Segue la Francia con 171 miliardi di emissioni rispetto ai 165 originariamente pianificati e poi la Germania con 153 miliardi di emissioni, in linea con quanto pianificato. La Spagna, con 111 miliardi contro i 100 pianificati, è subito prima della Grecia, che ha emesso 59 miliardi contro i 51 originariamente previsti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Standard Life Investments, forte crescita per il business europeo

Europa, se ci sei batti un colpo!

Essere positivi non guasta

Ti può anche interessare

Assoreti: confermato Colafrancesco, Doris e Foti vicepresidenti

Poche novità ai vertici dell' assemblea dell'associazione. Cambio nella rappresentanza di Azimut, e ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il divieto d’iscrizione all’albo

La risposta esatta alla domanda pubblicata il 16 maggio, a proposito dei certificate, era quella con ...

Banca Euromobiliare, valzer di poltrone nella rete

Il dg Rovani assume la direzione diretta della rete dei cf, Bisi passa alla libera professione e pre ...