Banche, bocciate dagli italiani

A
A
A

Una ricerca condotta dall’Eurispes rivela come gli italiani abbiano un giudizio negativo sugli istituti di credito e sul loro ruolo. Più della metà degli intervistati, tuttavia, ritiene i servizi della propria banca adeguati alle proprie esigenze.

di Redazione29 gennaio 2010 | 14:45

Non godono di buona reputazione le banche italiane. Secondo l’Eurispes, infatti, il giudizio degli italiani verso gli istituti di credito è “decisamente negativo, dal momento che la maggioranza di coloro che ha avuto accesso al credito bancario negli ultimi anni ritiene che il tasso di interesse applicato sia alto (45,7%). Uno su tre (32,2%) ritiene, viceversa, che il tasso di interesse applicato al prestito bancario concesso sia adeguato e poco più di uno su dieci (14,5%) che sia contenuto”, rivela il rapporto.

Sempre secondo i sondaggi condotti da Eurispes, il 55,2% degli italiani è convinto che “le banche diano credito solo a chi dimostra già di possedere beni, mentre il 33,6% ne è comunque abbastanza convinto”. Il 47,7% degli intervistati è “molto persuaso del fatto che le banche siano troppo esose, mentre il 36,4% si dichiara abbastanza certo di questa condizione”.
Il 43,4% degli intervistati, continua l’istituto di ricerca, “si dichiara molto convinto che le banche raccolgano i risparmi dei piccoli e finanziano i grandi” ed è piuttosto diffusa anche l’idea che “le banche diano credito ai potenti indipendentemente dalle garanzie”; il 40,1% condivide molto questa affermazione.

Gli italiani, continua Eurispes, “non sembrano condividere molto l’idea che le banche siano importanti perché finanziano le imprese e la crescita economia”, e il 46,4% dichiara “di non condividere per niente l’affermazione secondo cui le banche sono sensibili nei confronti delle necessità famiglie”.
Per quanto riguarda infine la qualità dei servizi offerti dagli istituti di credito il giudizio è “molto negativo, negativo o solo sufficiente” anche se “nel 52,1% dei casi i clienti ritengono che i servizi offerti dalle loro banche siano qualitativamente adeguati alle loro esigenze”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Giacomelli (Widiba): “Così crescerà la nostra rete”

Parla il responsabile della rete della banca del gruppo Mps: “certificazione di qualità per i con ...

Consulenti, stipendi super in America

I risultati dell’ultimo studio di FA Insight (gruppo TD Ameritrade) ...

Ocf, stasera uno spot nell’intervallo di Italia-Svezia

Continua su RAi 1 la campagna di comunicazione dell’organismo che gestisce l’Albo dei consulenti ...