Saccomanni: governance va adeguata al mercato

A
A
A

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante…

di Redazione26 febbraio 2010 | 15:45

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante il convegno delle Assopopolari ha spiegato che è necessario un più ampio intervento di riforma legislativa, come testimoniato dalle numerose proposte di legge presentate in Parlamento da più parti anche nella presente legislatura.

Per Saccomanni “Sui mercati finanziari, le condizioni di fondo sono sostanzialmente migliorate rispetto ad un anno fa, anche se non mancano fasi di accentuazione della volatilità dei tassi d’interesse e di cambio, delle quotazioni azionarie e degli spreads. Persiste nei mercati un sottofondo di incertezza sulla sostenibilità di scenari di rilancio dell’attività finanziaria in un contesto di perdurante debolezza dell’economia reale. Sono condizioni che si prestano all’inserimento di componenti speculative.

Lo straordinario impianto espansivo delle politiche monetarie e fiscali messo in atto all’indomani della crisi è ancora operante. Ma non vi è dubbio che l’eccezionale sostegno impartito dovrà essere gradualmente rimosso. Come ha di recente sottolineato il Governatore Draghi, per la politica monetaria, l’uscita non dovrà essere prematura, per non ostacolare la ripresa, ma neanche tardiva per non compromettere la stabilità dei prezzi e

alimentare nuove bolle speculative sui mercati finanziari. È comunque importante l’impegno dei paesi dell’area dell’euro a intraprendere azioni decise e coordinate per garantire la stabilità finanziaria dell’area.

In merito alla governance Saccomanni ha precisato che “L’evoluzione della regolamentazione deve salvaguardare i punti di forza del modello della banca popolare, in primis il voto capitario. Vanno attenuate alcune rigidità del modello, prendendo spunto anche dalle esperienze estere di cooperazione bancaria”. 

 

E l’adeguamento alle nuove regole sarà graduale. È tuttavia prioritario che le banche rafforzino sin d’ora la base patrimoniale utilizzando tutte le leve

gestionali a disposizione. Occorre migliorare il presidio dei rischi, soprattutto quelli legati all’attività creditizia. Il basso tasso di crescita con cui l’economia italiana sta uscendo dalla crisi rende tale esigenza più pressante. Ciò vale in particolar modo per le banche cooperative, che hanno visto crescere negli ultimi anni il proprio portafoglio prestiti a tassi particolarmente sostenuti. Esse sono chiamate ora a rafforzare gli assetti per la gestione dei rischi e di governance per poter continuare a dare il loro contributo al sostegno delle realtà economiche e sociali di cui sono espressione.



Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Banca Mondiale lancia due nuove Obbligazioni per lo sviluppo sostenibile

I bond, della durata di cinque anni, sono denominati rispettivamente in Peso Filippini (PHP) e Leu R ...

Credem punta sulla Capitale

Aperto un nuovo centro ai Parioli: gli obiettivi sono 50 milioni di euro di nuovi prestiti erogati, ...

Fideuram Ispb si mette in mostra

La società ha collaborato alla mostra milanese: “Paolo Mezzanotte. Milano attraverso le stampe, i ...