Saccomanni: governance va adeguata al mercato

A
A
A

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante…

di Redazione26 febbraio 2010 | 15:45

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante il convegno delle Assopopolari ha spiegato che è necessario un più ampio intervento di riforma legislativa, come testimoniato dalle numerose proposte di legge presentate in Parlamento da più parti anche nella presente legislatura.

Per Saccomanni “Sui mercati finanziari, le condizioni di fondo sono sostanzialmente migliorate rispetto ad un anno fa, anche se non mancano fasi di accentuazione della volatilità dei tassi d’interesse e di cambio, delle quotazioni azionarie e degli spreads. Persiste nei mercati un sottofondo di incertezza sulla sostenibilità di scenari di rilancio dell’attività finanziaria in un contesto di perdurante debolezza dell’economia reale. Sono condizioni che si prestano all’inserimento di componenti speculative.

Lo straordinario impianto espansivo delle politiche monetarie e fiscali messo in atto all’indomani della crisi è ancora operante. Ma non vi è dubbio che l’eccezionale sostegno impartito dovrà essere gradualmente rimosso. Come ha di recente sottolineato il Governatore Draghi, per la politica monetaria, l’uscita non dovrà essere prematura, per non ostacolare la ripresa, ma neanche tardiva per non compromettere la stabilità dei prezzi e

alimentare nuove bolle speculative sui mercati finanziari. È comunque importante l’impegno dei paesi dell’area dell’euro a intraprendere azioni decise e coordinate per garantire la stabilità finanziaria dell’area.

In merito alla governance Saccomanni ha precisato che “L’evoluzione della regolamentazione deve salvaguardare i punti di forza del modello della banca popolare, in primis il voto capitario. Vanno attenuate alcune rigidità del modello, prendendo spunto anche dalle esperienze estere di cooperazione bancaria”. 

 

E l’adeguamento alle nuove regole sarà graduale. È tuttavia prioritario che le banche rafforzino sin d’ora la base patrimoniale utilizzando tutte le leve

gestionali a disposizione. Occorre migliorare il presidio dei rischi, soprattutto quelli legati all’attività creditizia. Il basso tasso di crescita con cui l’economia italiana sta uscendo dalla crisi rende tale esigenza più pressante. Ciò vale in particolar modo per le banche cooperative, che hanno visto crescere negli ultimi anni il proprio portafoglio prestiti a tassi particolarmente sostenuti. Esse sono chiamate ora a rafforzare gli assetti per la gestione dei rischi e di governance per poter continuare a dare il loro contributo al sostegno delle realtà economiche e sociali di cui sono espressione.


Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i rami vita

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito della cancellazione dall’albo, era qu ...

Reclutamento, B. Generali leader 2017. Sul podio Bnl e Allianz Bank

Solo cinque le reti in saldo netto positivo tra entrate e uscite di consulenti finanziari nei primi ...

Copem Group sbarca ad Anversa

La nuova apertura rientra nell'obiettivo di conquistare un ruolo sempre più di rilievo nel settore ...