Unicredit: Banca Unica, domani il comitato

A
A
A

Il confronto tra management e soci è previsto per domani. Spunta una prima rosa di candidati al ruolo di country manager. La Lega stringe la morsa attorno a Unicredit ma Profumo respinge: “noi rispettiamo la politica, la politica rispetti noi”.

di Redazione31 marzo 2010 | 09:00

La Lega, uscita vincente dalle regionali, stringe la morsa attorno a Unicredit che però prosegue nel suo progetto di Banca Unica. Il confronto tra management e soci è previsto per domani, quando si terrà il secondo comitato strategico in vista del consiglio del 13 aprile. Il bancone, così come richiesto dai soci, non si concretizzerà nella sua versione originale ma con l’aggiunta della figura, peraltro auspicata da Bankitalia, del country manager per l’Italia. Il totonomine per il momento non è ancora entrato nel vivo visto che la priorità per ora è la definizione del modello organizzativo e delle deleghe. Ma secondo le indiscrezioni sarebbero già stati fatti i nomi Roberto Nicasto e Paolo Fiorentino, due dei tre attuali deputy ceo del gruppo, assieme all’attuale direttore del personale Rino Piazzolla.

Il progetto di Banca Unica prosegue sullo sfondo del botta e risposta che ieri c’è stato tra il neo eletto governatore del Veneto Luca Zaia e l’ad di Unicredit Alessandro Profumo. Facendo eco alle precedenti affermazioni del sindaco leghista di Verona Flavio Tosi (principale azionista di Cariverona), Zaia ha auspicato ad una banca “meno global e più local”. Immediata la replica dell’ad di Unicredit: dall’esito delle elezioni “nessun rischio” per la banca unica. “Noi gestiamo una banca – ha proseguito diplomaticamente – abbiamo grande rispetto per la politica e la politica ne ha sempre avuto per noi”.  Di certo, a favore del progetto voluto da Profumo l’altro giorno, secondo quanto riporta il Messaggero, sarebbe uscito allo scoperto il vicepresidente libico Farhat Omar Bengdara, secondo cui la fusione in Unicredit delle sette banche serve a “migliorare i servizi per i clienti e la riunificazione è un facilitatore di questo processo”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Crédit Agricole Cariparma emette nuove obbligazioni bancarie garantite

L’emissione di 750 milioni di euro ha durata 8 anni (scadenza 13 gennaio 2026), con un tasso mid s ...

Consulenza sulla strada verso il futuro

Tre protagonisti assoluti dell'Asset Management internazionale per parlare del futuro della consulen ...

Vontobel, nuovi target e acquisizioni in vista

La società svizzera annuncia un miglioramento degli obiettivi di crescita per il 2020 ...