La “tragedia greca” si prende una pausa, voi che fate?

A
A
A

La questione greca attira l’attenzione dei mercati europei, ma senza ulteriori colpi di scena. La tregua da fiato ai PIIGS.

di Redazione29 aprile 2010 | 15:30

E’ sempre la “tragedia greca” a tener banco sui mercati europei (ma non a Wall Street, ormai nuovamente concentrata sulle trimestrali e sui dati macro, dopo la conferma che la Federal Reserve terrà ancora a lungo i tassi fermi sui minimi storici attuali), anche quanto come oggi non si registrano nuovi colpi di scena. Una calma che consente qualche recupero ai mercati obbligazionari dei PIIGS (i “maialini” europei: Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) ma che non convince tutti gli esperti.

Qualcuno, come Nouriel Roubini, l’economista che per primo avvisò del prossimo esplodere della crisi finanziaria di questi ultimi due anni,  continua a ribadire che la Grecia (18 miliardi di euro di titoli di stato a lunga scadenza da rifinanziare quest’anno, 39 miliardi l’anno prossimo, 41 miliardi nel 2012) è solo la punta dell’iceberg di un problema molto più vasto e più serio legato all’elevato indebitamento creato per sostenere lo scorso anno l’economia. Un indebitamento che rischia di pesare direttamente sulla futura ripresa economica. Ancor più preoccupato è l’economista Jacques Attali, secondo il quale l’effetto domino potrebbe rapidamente abbattersi sulla Spagna ma a rischio vi sarebbero anche gli Stati Uniti, visto che “tra il 2011 e il 2012 gli Usa dovranno  rimborsare 1.800 miliardi di dollari all’anno, tra indebitamento nuovo e obbligazioni in scadenza”.

E proprio l’elevato stock di debito pubblico da rinnovare (94 miliardi di euro da rinnovare di debito pubblico quest’anno, 129 l’anno venturo, 287 nel 2012) rende secondo molti l’Italia il vero obiettivo di chi in questi giorni scommette contro i paesi più deboli dell’area dell’euro, un’area che non si è voluta dotare di un’unica politica fiscale in tempi di espansione e che ora rischia di pagare un conto salatissimo mentre ancora l’economia è convalescente e le misure “lacrime e sangue” non sono semplici da far accettare a nessuno, per quanto inevitabili appaiano. Tuttavia dato che gli investitori più esposti nei confronti dei bond dei PIIGS sono le banche tedesche e francesi (investite per un triliardo di euro in titoli di stato dei PIIGS, compresi quelli italiani), salvare la Grecia (e il Portogallo, la Spagna, l’Irlanda e l’Italia) conviene anche ai paesi “ piùvirtuosi” dell’euro, le cui banche vedono da sempre un forte intreccio con la politica locale e nazionale (in questo essendo simili a quello che la Lega vorrebbe tornassero a essere le maggiori banche italiane).

Così mentre per molti analisti non sembra esistere un lieto fine alla vicenda che anzi potrebbe segnare l’inizio di una nuova e più severa crisi dalla quale uscire solo a prezzo di pesanti ristrutturazioni economiche, che restituiscano flessibilità all’apparato produttivo al prezzo del sacrificio di decenni di conquiste sociali, per qualche altro esperto sarà proprio il mix di stato di latente deflazione e di semi-esplicito “azzardo morale” a far ritrovare a tutti la necessaria unità d’intenti. In questa situazione i promotori finanziari cosa possono fare se non curare la relazione con la clientela cercando di illustrare pro e contro di ogni diversa alternativa anche in termini di investimenti? Qual è la vostra esperienza in queste settimane, vi è  una domanda di consulenza? O i vostri clienti preferiscono attendere l’evolversi della situazione (o al contrario agire d’impulso)? Fateci come sempre conoscere i vostri pareri e le vostre osservazioni, inviandole qui: PIGS, inizia il contagio greco.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

Per la Grecia è presto per tornare a emettere nuovi titoli di stato

Grecia: dubbi della Ue sulla sostenibilità del debito post bailout

Attica Bank pronta a dimezzare la sua esposizione ai crediti deteriorati

Grecia: accordo sulle nuove misure di austerity, ma Fmi resta critico

Grecia ai ferri corti con la troika, Ucraina vicina all’accordo col Fmi

Grecia, accordo tra Eurogruppo e Fmi per nuovi aiuti e taglio del debito

Eurostat lima la stima sul Pil di Eurolandia

Atene, intesa vicina coi creditori

Grecia, crisi infinita: anche l’estate del 2016 pare a rischio come nel 2015

Rendimento dei decennali greci sotto il 7%

National Bank of Greece: +110% dal primo ottobre

Grecia: per le banche è l’ora dei concambi tra debito e azioni

Ora Tsipras dovrà varare le riforme promesse alla “troika”

Ross: attenti a non dare troppi aiuti alle banche greche

National Bank of Greece alla finestra, Atene attende le elezioni

National Bank of Greece riparte dopo i dati sul Pil del primo trimestre

Le banche greche valgono ormai meno delle loro controllate

Coeure (Bce): si discute su come ristrutturare debito greco

Sul debito greco Merkel e Lagarde andranno allo scontro o troveranno l’intesa?

Varate le riforme, Tsipras può trattare per un terzo bailout

Bce gioca d’anticipo, fornisce liquidità a banche greche

Riaprono le banche, Atene rimborsa 6,8 miliardi di debito

Merkel: dopo accordo su terzo bailout possibile ristrutturazione debito greco

E’ stata una mossa a sorpresa di Draghi concedere liquidità alla Grecia

Lagarde (Fmi): occorre alleviare il debito greco

Draghi: Atene resta nell’euro, ok a nuova liquidità

Prestito ponte alla Grecia, c’è l’accordo di massima

Milano fa festa, Atene ha approvato a grande maggioranza l’intesa coi creditori

Ma quale Partenone: la Grecia fornirà garanzie, non beni fisici, ai creditori

Fmi: ultime settimane fatali alla Grecia, serve profonda ristrutturazione debito

Credit Suisse: rischio Grexit non sparito del tutto ma Europa da sovrappesare

Grexit evitata, Tsipras capitolato: le borse festeggiano

Ti può anche interessare

Banca Generali ingaggia private da 40 milioni in Veneto

La rete guidata da Marco Bernardi si rafforza con l’arrivo di un ex Veneto Banca. Un ingresso impo ...

Bnp Paribas, utile in calo ma sopra le attese

Il gruppo francese ha concluso il secondo trimestre dell’anno con profitti netti di 2,56 miliardi ...

Deutsche Bank, perdita miliardaria ma ricavi in crescita

Il gruppo tedesco ha chiuso il quarto trimestre 2016 con un rosso di 1,9 miliardi di euro per accant ...