Goldman, inchiesta per frode

A
A
A

Dopo l’indagine Sec e il torchio parlamentare, ora anche la procura della Grande Mela inquadra la Goldman nel mirino, per frode sui mutui.

di Redazione30 aprile 2010 | 08:30

Dopo l’inchiesta condotta dalla Securities and Exchange Commission (Sec) in merito alle cdo (collateralized debt obligations), questione che pare sia in procinto di concludersi con un patteggiamento, il Goldman Sachs Group si trova ancora nel mirino di accertamenti delle autorità, questa volta dalla procura generale di New York, che ha aperto un’indagine.

La reazione della banca di investimento è stata del tutto pacata, anzi il portavoce ha dichiarato di non essere sorpreso della notizia, “data l’attenzione di cui è stata oggetto la società non siamo sorpresi di un’inchiesta” ha affermato aggiungendo: “Collaboreremo per qualsiasi richiesta di informazione”.
Soltanto pochi giorni fa il Ceo Lloyd Blankfein e altri manager sono stati torchiati dai parlamentari, nel quadro di  una delle fasi peggiori nei 140 di storia della Goldman, che stanno rendendo la più prestigiosa big di Wall Street una sorta di capro espiatorio.

Sebbene inizialmente alcune fonti abbiano indicato la Cdo Timberwolf1, una hybrid collateralized debt obligation venduta da Goldman e liquidata nel 2008 che nel giro di cinque mesi del 2007 perse fino all’80% del suo valore, come oggetto dell’indagine, successivamente è emerso che l’inchiesta penale nei confronti della banca è stata intentata per frode.
La magistratura, secondo quanto riportato dalla stampa statunitense, vuole infatti accertare se Goldman o suoi dipendenti hanno commesso frodi legate alle operazioni sui mutui. L’inchiesta è a uno stadio iniziale e sarebbe legata all’azione legale civile della Sec, ma la Goldman ha negato ogni addebito.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Bufera sulle polizze vita

Consob e Cattolica unite nella formazione

Banca Ifis, il dividendo cresce

Ti può anche interessare

Rabitti Bedogni (Ocf): “Il nuovo Albo da ottobre 2018”

In un’intervista a Plus24, la presidente dell’Ocf delinea le tappe per la riforma dell’organis ...

CheBanca!, due ingressi di peso in Campania

Si tratta di Giovanni Gargiulo, proveniente da Credem, e di Gianfranco Stajano, ex Banca Mediolanum. ...

Consulenti, il lupo perde il pelo ma non il vizio

Gli ultimi episodi di conflitto tra mandanti e  professionisti segnalati da Bluerating.com hanno ap ...