Identità della Cooperazione

A
A
A

Banche solide, responsabili ed equilibrate. È questa la ricetta.

di Redazione31 maggio 2010 | 10:45

di Giuseppe de Lucia Lumeno

o scorso aprile l’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari ha partecipato alla IV Convention Europea della Cooperazione Bancaria, tenutasi a Bruxelles presso la sede del Parlamento Europeo alla presenza di oltre 200 delegati. L’evento è stato organizzato con diversi obiettivi: aumentare il grado di conoscenza presso le istituzioni europee riguardo le tematiche e le prospettive di sviluppo del movimento della Cooperazione Bancaria continentale, evidenziare il ruolo anticiclico e stabilizzatore che ha svolto durante i mesi della crisi, esaminare il contributo che può fornire all’economia europea nei prossimi mesi in cui sarà necessario rafforzare i segnali della crescita e valutare i vari aspetti applicativi della delicata questione delle misure di rafforzamento del capitale delle banche contenute nel pacchetto Basilea 3. Nell’aprire i lavori il Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella, ha evidenziato come la Cooperazione Bancaria europea e, in Italia, le Banche Popolari e cooperative, siano state capaci di sostenere costantemente e senza esitazioni il tessuto produttivo nei momenti più difficili della congiuntura. Tutti i settori economici risentono ancora oggi degli effetti negativi della crisi e l’Europa è chiamata a fornire risposte chiare e soprattutto concrete su due delicate sfide che si approssimano all’orizzonte: la regolamentazione dei mercati finanziari e, contemporaneamente, le prospettive di ripresa dell’economia reale. I numerosi relatori politici intervenuti hanno espresso la ferma volontà del Parlamento Europeo di impegnarsi nella definizione di una nuova struttura regolamentare che sia in grado di operare in modo unitario rispetto ai gruppi bancari cross-border e di acquisire poteri più incisivi di intervento in caso di crisi. In tale contesto la Cooperazione Bancaria europea assume il ruolo determinante di stabilizzatore del sistema, essendo fin qui riuscita a mantenere ed a rafforzare, in tutti i Paesi, il legame con il territorio e le comunità locali, puntando su un’attività di credito a favore delle famiglie e delle piccole e medie imprese e diventando sempre di più un punto di riferimento per le economie del territorio.
Il rapporto diretto con la clientela delle Banche Popolari e cooperative, improntato sulla fiducia reciproca, ha consentito di implementare ulteriormente quelle conoscenze essenziali necessarie per una corretta valutazione del rischio nella concessione di prestiti, in un mercato che negli ultimi anni, durante la crisi, ha manifestato, a volte, comportamenti eccessivi di diffidenza e di prudenza. La capacità degli istituti della Cooperazione Bancaria di reagire con efficacia ad una congiuntura avversa, si deve principalmente alle specificità della loro governance, che ha permesso di esercitare quella funzione sociale di sostegno e sviluppo delle famiglie e delle imprese, grazie a politiche finalizzate alla creazione di valore nel lungo periodo e ai capisaldi del modello cooperativo quali il voto capitario, la struttura diffusa dell’azionariato e l’applicazione dei principi di democrazia economica.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il risparmio amministrato

La risposta esatta alla domanda pubblicata mercoledì 5, a proposito della prova valutativa, era que ...

Società abusive, sfilza di segnalazioni dall’estero

Si tratta di una serie di società e i siti web che stanno offrendo servizi di investimento, finanzi ...

Benvenuti al sud: appuntamenti con i cf Widiba in Campania e Basilicata

A partire da martedì 27 giugno, i cittadini campani e lucani potranno quindi confrontarsi con un co ...