Draghi: fare banca sarà meno redditizio

A
A
A

Fare banca sarà meno redditizio, ma anche meno rischioso. Le banche devono continuare a rafforzare il patrimonio e avere una visione globale che vuol dire…

di Marcella Persola31 maggio 2010 | 09:30

La sfida di oggi seppure difficile va affrontata con gli stessi valori che hanno permesso all’Italia di vincere le sfide del passato: capacità di fare, equità; desiderio di sapere e solidarietà.  Sono queste le considerazioni finali del discorso di Mario Draghi, in occasione dell’assemblea annuale di Bankitalia.

Il governatore della Banca d’Italia e presidente del Financial Stability Board ha ripercorso nel discorso annuale di fronte a tutti i banchieri  la crisi che ha caratterizzata e il sistema e ha invitato a una maggiore cooperazione e coesione a livello internazionale soprattutto per l’area euro. “Se è stato illusorio pensare che la moneta da sola potesse “fare” l’Europa, oggi l’unica via è quella di rafforzare la costruzione europea nella politica, con un governo dell’Unione più attivo, nella disciplina dei bilanci pubblici e nel progresso delle riforme strutturali, con un nuovo patto di stabilità e crescita al tempo stesso più vincolante e più esteso” ha continuato Draghi.

 ”Il G20 ha varato lo scorso anno un ambizioso progetto di sorveglianza multilaterale delle politiche macro-economiche e strutturali” continua Draghi. “E’ importante che venga tradotto in concrete strategie di riequilibrio e di sostegno alla crescita”.

Il governatore ha ricordato inoltre tutte le azioni svolte dal FSB da lui presieduto e ha ribadito come la riforma della regolamentazione del sistema finanziario sia fondamentale e che non ostacolerà la ripresa, perché l’applicazione delle regole sarà graduale. 

E venendo all’area euro il governatore ha ribadito come le misure eccezionali di espansione della liquidità hanno evitato una crisi sistemica  e come sia urgente “un rafforzamento del Patto di stabilità e crescita: l’impegno a raggiungere un saldo di bilancio strutturale in pareggio o in avanzo va reso

cogente, introducendo sanzioni, anche politiche, in caso di inadempienze”. Vanno introdotte politiche strutturali vincoli e impegni cogenti. 

 

E in entrando nel dettaglio delle banche il governatore rivolge loro un invito a continuare l’opera di rafforzamento patrimoniale realizzata a ritrovare il modo di “fare banca” sul territorio. “ I progressi compiuti nel 2009 dalle banche italiane nel rafforzare il patrimonio, pur in un anno di profitti ridotti, sono stati incoraggianti; vi hanno contribuito emissioni sul mercato, dismissioni di attività, dividendi moderati, ricapitalizzazioni pubbliche. A marzo di quest’anno il core tier 1 ratio dei primi cinque gruppi bancari aveva raggiunto il 7,6 per cento, dal 5,8 di fine 2008. Le nostre analisi di stress mostrano che in Italia il rispetto dei requisiti minimi regolamentari, la stabilità finanziaria non sarebbero in discussione”.
 

“Ma, a causa della perdurante volatilità sui mercati e dell’incertezza sulle prospettive macroeconomiche, il rafforzamento patrimoniale deve continuare.

Occorre anche prepararsi ai nuovi standard internazionali. È ancora in corso l’analisi per valutare gli effetti complessivi che le nuove regole sul capitale e sulla liquidità avranno sulle banche italiane” continua Draghi.  E suggerisce “Le grandi banche si giudicano anche da come organizzano l’attività sul

territorio: mantenere, valorizzare il rapporto con l’economia locale significa utilizzare nella valutazione del cliente conoscenze accumulate nel corso di

anni, ben più accurate di quelle desumibili da modelli quantitativi; significa saper discernere l’impresa meritevole anche quando i dati non sono a suo

favore; significa saper fare il banchiere. La risposta delle grandi banche alle esigenze locali, coerente con la sana e prudente gestione, deve conciliarsi con strategie e visioni globali”. Questo perché  ”Rafforzare le difese del sistema è indispensabile, nei singoli paesi e a livello internazionale. Fare banca sarà meno redditizio ma anche meno rischioso. Tutti ne avranno beneficio. Sono certo che il progetto politico avviato dal G20 avrà successo”.
 

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Bufera sulle polizze vita

Consob e Cattolica unite nella formazione

Banca Ifis, il dividendo cresce

Ti può anche interessare

Banca Mondiale lancia i bond per lo sviluppo sostenibile in dollari Usa

I proventi delle obbligazioni saranno utilizzati per attività di sviluppo che promuovono gli obiett ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i certificates

La risposta esatta alla domanda pubblicata il 10 maggio, a proposito delle gestioni di portafoglio, ...

Fideuram ISPB frantuma ogni record: 1,5 mld di gestito a marzo

Il gruppo guidato dall’a.d. Molesini fa registrare raccolte miliardarie nel terzo mese dell’anno ...