Bce allocati 131 miliardi alle banche

A
A
A

Gli analisti si aspettavano richieste per 250-300 miliardi, invece nell’asta odierna la Bce ha allocato 131,993 miliardi. Anche se domani…

di Redazione30 giugno 2010 | 07:30

Occhi puntati sulla Bce in questi giorni. Domani infatti scade il maxi-finanziamento a un anno, ossia la mega-asta che l’anno scorso la banca centrale europea creò per venire incontro alle esigenze degli Stati nell’affrontare la crisi economica. In quell’occasione oltre 1120 banche richiesero aiuto e ottennero dei finanziamenti al tasso fisso dell’1% per un importo totale di 442 miliardi di euro, necessari per far fronte alle necessità del momento. Quell’ammontare di liquidità riversato sui mercati rappresentò una svolta, provocando il crollo dei tassi Euribor sull’interbancario.
 

Oggi però l’attenzione è puntata sulla nuova asta a tre mesi messa a disposizione dalla Bce per evitare che possano sorgere nuovi problemi di liquidità. Infatti già più volte la banca centrale ha ricordato che non metterà più in atto mega-aste come quella dello scorso anno, ma una serie di contromisure come l’asta di oggi.
 

Gli analisti, secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, si aspettavano in media richieste comprese fra 250 e 300 miliardi, sufficienti per riportare l’eccesso di liquidità detenuto a scopo precauzionale dalle banche sui livelli pre-crisi greca. Il segnale, in questo caso, sarebbe stato favorevole per il mercato, perché avrebbe signficiato una graduale normalizzazione. Invece sono stati allocati 131,993 miliardi a 91 giorni, tasso fisso 1%. Da segnalare che hanno richiesto denaro 171 banche e l’ammontare assegnato è piuttosto contenuto rispetto alla previsioni della vigilia (150-250 miliardi).

Potrebbe essere un segnale di condizioni più  rilassate sul fronte della liquidità, anche se la tensione resta alta per vedere quanto accadrà domani, quando il sistema bancario sarà chiamato a restituire alla Bce 442 miliardi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Informazioni non finanziarie, al via la consultazione Consob

Al via la consultazione sulle disposizioni attuative del decreto legislativo 254/2016, sulle informa ...

Calabrese (Rataran): “A ITForum presentiamo il nostro approccio innovativo”

La Fintech company punta a rivoluzionare il mondo della gestione patrimoniale, grazie all’utilizzo ...

Consulenti finanziari: più richiesti, anche dai giovani

Dal 2008 al 2016 sale dal 40% ad oltre il 50% il desiderio di advisory. Anche fra chi ha meno di 40 ...