Dopo un primo semestre difficoltoso, come vi preparate ad affrontare l’estate?

A
A
A

In questi tempi, ad esempio, il focus dei mercati è da una parte sul debito, dall’altra sulla crescita. In Europa, in particolare…

di Redazione30 giugno 2010 | 15:45

Sarà anche vero, come predica Luca Caramaschi, responsabile del private wealth management di Deutsche Bank Italia, che con la crisi “è finita l’era del fai da te”, ma come lo stesso Caramaschi ammette “non si può vendere nulla a scatola chiusa. Ogni prodotto va “aperto” e ben spiegato” al cliente, così come occorre cercare di spiegargli in che fase di mercato ci troviamo o quali siano le variabili da tenere sott’occhio. In questi tempi, ad esempio, il focus dei mercati è da una parte sul debito, dall’altra sulla crescita. In Europa, in particolare, debito vuol dire emittenti sovrani del Sud Europa, come Grecia, Portogallo, Spagna e Italia.

 

Ma vuol anche dire esposizione al rischio-debito (dai semplici scossoni del mercato alle ipotesi estreme di default di qualche emittente e ristrutturazione del relativo debito) da parte, anzitutto, delle grandi banche e compagnie assicurative europee. Per questo la Ue, che ha scelto sotto la spinta tedesca di privilegiare la trasparenza e la ristrutturazione dei bilanci pubblici anche a costo di rischiare di frenare nuovamente la debole ripresina in atto, ha voluto imitare gli Stati Uniti e lanciare uno stress test dai cui risultati, che verranno ufficialmente annunciati attorno alla metà del mese prossimo, si spera possa emergere un quadro meno cupo del temuto circa la robustezza delle banche del vecchio continente.

 

L’argomento è delicato e così ogni segnale viene letto e interpretato dai mercati non una ma più volta, con una fragilità di nervi più che evidente, testimoniata ancora una volta dalla volatilità degli indici di borsa nella seduta odierna, apertasi poco sopra i livelli di ieri, salita ai massimi intraday grazie al minor ricorso al prestito a 3 mesi (all’1% fisso) della Bce da parte delle banche europee, poi scivolata in rosso dopo alcuni deludenti dati macroeconomici americani e all’ultimo nuovamente poco sopra i livelli di ieri, come a inizio giornata, grazie ad alcune ricoperture scattate sui minimi della seduta. Una fase decisamente da trader e da investitori avvezzi al rischio, più che da cassettisti o da investitori che il rischio non lo tollerano più che tanto. E se pensate che molti operatori non escludono una nuova fase orso dei mercati ben si capisce come si continui a camminare sulle uova.

 

In questa fase cosa vi consigliano le vostre mandanti? Sono impegnate a contenere eventuali disinvestimenti o provano a spingere prodotti dal profilo di rischio contenuto? O ancora preferiscono concentrare gli sforzi della propria rete verso prodotti assicurativi, o persino incoraggiare il “fai da te” come almeno in parte sembra fare, ad esempio, Fineco Bank? In generale al termine di un semestre non certamente facile, che ha visto il progressivo esaurirsi del rimbalzo dei listini vissuto per nove dei dodici mesi dello scorso anno, come vi state attrezzando in vista di un’estate che potrebbe rivelarsi turbolenta, prima dell’auspicata stabilizzazione e forse anche ripresa dei mercati in autunno? Inviate come sempre le vostre osservazioni e i vostri spunti qui

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Popolare di Bari, vertici sotto indagine

Cinque dirigenti della banca pugliese sotto i riflettori della procura ...

Berlé (Advanced Capital): “Così il private equity entra nel portafoglio degli investitori”

In occasione di un investor day organizzato a Milano, l’amministratore delegato di Advanced Capita ...

La Consob avverte: Questra Holding è una società abusiva

L’authority sospende un sito web che offre servizi di investimento senza aver pubblicato un prospe ...