Intesa, Passera ottimista sul 2010

A
A
A

Semestrale a luci e ombre per Ca’ de Sass: la vendita della banca depositaria spinge in su l’utile netto ma scene il risultato operativo.

di Redazione27 agosto 2010 | 14:00

La vendita della banca depositaria a State Street spinge in alto i conti di Intesa Sanpaolo, che chiude il secondo trimestre con utili per 1 miliardo di euro centrando le stime degli analisti. Il risultato è quasi doppio rispetto ai 513 milioni di un anno prima, proprio grazie alla plusvalenza da 648 milioni derivante dalla cessione delle attività di banca depositaria. Al netto di tale posta straordinaria, l’utile netto vedrebbe in realtà un calo del 23,3% a 501 milioni. Nel semestre l’utile netto è salito a 1,7 miliardi (+6,4%), quello normalizzato a 1,2 miliardi (-6,6%).

Immediata la reazione del mercato, che ha spinto il titolo in ribasso dell’1,4% a Piazza Affari. «Anche alla luce dei risultati del primo semestre dell’anno – si legge in una nota – si ritiene che il gruppo Intesa Sanpaolo nel 2010 possa registrare un miglioramento dell’utile netto rispetto al 2009». Il miglioramento sarà conseguente «in particolare a una diminuzione degli oneri operativi, del costo del cattivo credito e degli oneri di integrazione, nonchè alle plusvalenze derivanti dalle azioni di capital management finalizzate e in corso di finalizzazione». Durante la conference call sui conti, l’ad Corrado Passera ha fatto il punto sui prossimi mesi: “Abbiamo già cominciato a lavorare al nostro interno sul nuovo piano industriale 2011-13 – ha detto – anche perché pensiamo che la nuova regolamentazione bancaria avrà contorni chiari entro la fine dell’anno. Contiamo dunque di presentare il nuovo piano nella prossima primavera”.

Tornando ai conti, gli interessi netti per 2,4 miliardi (-10,9% rispetto al 2009 ma in crescita sul primo trimestre).  Bene le commissioni, cresciute del 7,9% a 1,4 miliardi (+8,2% quelle da attività bancaria commerciale e +9,4% quelle da attività di gestione, intermediazione e consulenza). Male il trading, in linea con le altre banche, a quota -3 milioni di euro. Così, i proventi operativi netti sono scesi, nel secondo trimestre, a 4 miliardi (dai 4,6 del 2009). Il risultato operativo si è ridotto, nel trimestre, a 1,71 miliardi (-13,1% rispetto al primo trimestre). Pari a 934 milioni gli accantonamenti e rettifiche di valore, in calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (a quota 1.2 miliardi), ma in crescita rispetto agli 845 milioni nel primo trimestre. In miglioramento i coefficienti patrimoniali, con il Tier 1 ratio salito all’8,9% (da 8,4% a fine 2009). Il Core Tier 1 ratio al 7,7% (da 7,1%) e il coefficiente patrimoniale totale al 12,2% (da 11,8%), calcolati tenendo conto dei dividendi maturati nel 2010 come metà del miliardo di euro di dividendi pagati sull’esercizio 2009.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

La sfida tecnologica e come le banche possono vincerla secondo Accenture

Stefano Sperimborgo, managing director di Accenture Strategy, ha presentato i risultati dello studio ...

Bonelli (ex-SanPaolo Invest): “Perché ho scelto 4Timing Sim”

Parla il consulente con 25 milioni di euro di portafoglio che è appena entrato nella rete. ...

Euclidea lancia il servizio di check up del portafoglio

In base a parametri oggettivi e in maniera totalmente gratuita, gli esperti valutano la qualità e i ...