Credem, utile cresce del 123,4%

A
A
A

Nel primo semestre 2010 la banca registra un utile netto consolidato a 53,4 milioni di euro rispetto a 23,9 milioni di euro a fine giugno 2009.

di Redazione27 agosto 2010 | 15:45

 Il Consiglio di Amministrazione di Credem, presieduto da Giorgio Ferrari, ha approvato in data odierna i risultati individuali e consolidati del primo semestre 2010 che registrano un utile netto consolidato in aumento del 123,4% a 53,4 milioni di euro rispetto a 23,9 milioni di euro a fine giugno 2009. I risultati confermano la solidità patrimoniale con il core Tier 1 a 8,5% e la qualità del credito ai vertici del settore bancario: costo del credito annualizzato a 0,33% e crediti in sofferenza, al netto delle rettifiche, pari a 0,9% del totale degli impieghi.

I costi operativi del gruppo sono in contrazione del 2,3% e la raccolta da clientela cresce del 6,1% a 57.506 milioni di euro. In particolare registra un significativo incremento della raccolta gestita (+26,8% a 16.582 milioni di euro) con una produzione netta di 799 milioni di euro. Gli impieghi verso la clientela crescono del 5,8% a 17.833 milioni di euro, nuovi mutui alle famiglie per 435,9 milioni di euro. Il gruppo sottolinea la qualità dell’attivo con un costo del credito annualizzato 0,33% e sofferenze nette su impieghi a 0,9%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Super comitato sull’educazione finanziaria, c’è anche Ocf

A fine mese una nuova riunione del comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività ...

Consulenti, ingresso d’esperienza per Widiba

Un importante ingresso rafforza la rete di Widiba a Belluno ...

Anno record per Fideuram Ispb

Oltre 12 miliardi di euro di raccolta (+41%) e utile di 871 milioni (+11%). ...