Bce, liquidità per tutto l’anno

A
A
A

Deciderà in settimana la Banca centrale europea se estendere ancora di qualche mese le generose operazioni di liquidità decise dopo il fallimento di Lehman Brothers nel 2008.

di Redazione31 agosto 2010 | 06:30

Da mesi ormai l’istituto monetario sta garantendo abbondante liquidità alle banche europee attraverso aste di rifinanziamento a tasso fisso e ad ammontare illimitato. In questo momento, è previsto che questa generosità termini nelle prossime settimane, salvo appunto un allungamento dei tempi per evitare strappi o sorprese.

La probabile decisione del consiglio direttivo di continuare a usare queste aste è stata per molti versi anticipata dal governatore tedesco.

La presa di posizione del banchiere centrale non è piaciuta a molti suoi colleghi che si sono chiesti perché Weber abbia dovuto anticipare una decisione che dipende dal consiglio direttivo. Lo stesso presidente della Bce Jean-Claude Trichet, appena qualche settimana prima, aveva preferito non esporsi, rinviando qualsiasi annuncio alla conferenza stampa di dopodomani.

La Bce è però consapevole di come il sistema bancario si stia ancora leccando le ferite. A luglio, per esempio, le banche spagnole hanno chiesto a Francoforte liquidità per 140 miliardi (pari al 22,7% del totale distribuito dall’istituto monetario), rispetto ai 136,5 miliardi di giugno e ai 105,6 miliardi di maggio.

Tradizionalmente, la fine dell’anno è un momento difficile per le banche che devono concludere le ultime transazioni per poi chiudere i bilanci. Il contesto di per sé delicato è reso particolarmente complicato quest’anno dall’incertezza di questi ultimi mesi e soprattutto da un’ondata di scadenze obbligazionarie per molti istituti di credito. Secondo i calcoli di Bloomberg News, le banche italiane dovranno rifinanziare titoli obbligazionari da qui alla fine dell’anno per 69 miliardi di dollari. Le loro controparti spagnole hanno scadenze per 28 miliardi di dollari.

Intanto, la Bce dovrebbe per ora lasciare invariato il costo del denaro all’1%, anche se giovedì annuncerà probabilmente una revisione al rialzo delle sue stime di crescita per il 2010, dall’1 all’1,4%. La situazione economica è migliorata molto se si pensa che nel giugno 2009 la Bce prevedeva per quest’anno una contrazione del dello 0,3%. Eppure, per ora, gli economisti non si aspettano cambiamenti di politica monetaria prima del 2011. Osservano che la ripresa di oggi è per molti versi un recupero dopo la recessione del 2009 e notano come l’inflazione rimanga moderata.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Conversione delle lire in euro, l’unica soluzione è fare causa al Mef?

E’ il parere dell’associazione dei consumatori Aduc, secondo cui più che le class action potreb ...

Nuovi investimenti – Banca Imi offre in esclusiva un certificato ai consulenti IwBank

Il certificato Banca IMI Double Express Certificates su Azione ENI S.p.A. sarà disponibile fino al ...

Azimut, lascia la co-a.d. Paola Mungo

Le dimissioni, informa una nota, avranno efficacia dal giorno dell’assemblea di approvazione del b ...