Bce, liquidità per tutto l’anno

A
A
A

Deciderà in settimana la Banca centrale europea se estendere ancora di qualche mese le generose operazioni di liquidità decise dopo il fallimento di Lehman Brothers nel 2008.

di Redazione31 agosto 2010 | 06:30

Da mesi ormai l’istituto monetario sta garantendo abbondante liquidità alle banche europee attraverso aste di rifinanziamento a tasso fisso e ad ammontare illimitato. In questo momento, è previsto che questa generosità termini nelle prossime settimane, salvo appunto un allungamento dei tempi per evitare strappi o sorprese.

La probabile decisione del consiglio direttivo di continuare a usare queste aste è stata per molti versi anticipata dal governatore tedesco.

La presa di posizione del banchiere centrale non è piaciuta a molti suoi colleghi che si sono chiesti perché Weber abbia dovuto anticipare una decisione che dipende dal consiglio direttivo. Lo stesso presidente della Bce Jean-Claude Trichet, appena qualche settimana prima, aveva preferito non esporsi, rinviando qualsiasi annuncio alla conferenza stampa di dopodomani.

La Bce è però consapevole di come il sistema bancario si stia ancora leccando le ferite. A luglio, per esempio, le banche spagnole hanno chiesto a Francoforte liquidità per 140 miliardi (pari al 22,7% del totale distribuito dall’istituto monetario), rispetto ai 136,5 miliardi di giugno e ai 105,6 miliardi di maggio.

Tradizionalmente, la fine dell’anno è un momento difficile per le banche che devono concludere le ultime transazioni per poi chiudere i bilanci. Il contesto di per sé delicato è reso particolarmente complicato quest’anno dall’incertezza di questi ultimi mesi e soprattutto da un’ondata di scadenze obbligazionarie per molti istituti di credito. Secondo i calcoli di Bloomberg News, le banche italiane dovranno rifinanziare titoli obbligazionari da qui alla fine dell’anno per 69 miliardi di dollari. Le loro controparti spagnole hanno scadenze per 28 miliardi di dollari.

Intanto, la Bce dovrebbe per ora lasciare invariato il costo del denaro all’1%, anche se giovedì annuncerà probabilmente una revisione al rialzo delle sue stime di crescita per il 2010, dall’1 all’1,4%. La situazione economica è migliorata molto se si pensa che nel giugno 2009 la Bce prevedeva per quest’anno una contrazione del dello 0,3%. Eppure, per ora, gli economisti non si aspettano cambiamenti di politica monetaria prima del 2011. Osservano che la ripresa di oggi è per molti versi un recupero dopo la recessione del 2009 e notano come l’inflazione rimanga moderata.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Ti può anche interessare

Banca Sella lancia la prima “open bank” in Italia

Il gruppo lancia u'infrastruttura tecnologica aperta a imprese innovative e startup, che potranno ac ...

Investimento in diamanti, campanello d’allarme anche in Belgio

Le autorità di vigilanza di Bruxelles mettono in guardia dalle insidie degli investimenti in pietre ...

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Nuova nomina per l'Associazione ...