Analisti e mercati sempre più prudenti

A
A
A

La prudenza solitamente paga poco, ma a volte è in grado di fare la differenza

di Redazione31 agosto 2010 | 08:45

Gli analisti americani sono sempre più prudenti e nonostante prevedano un rialzo medio del 36% degli utili nella stagione in corso, il record dal 1988 a oggi, la sensazione che sia giunto il momento di tirare i remi in barca e uscire approfittando di eventuali ultimi strappi al rialzo è forte, se è vero come è vero che meno del 29% delle quasi 160 mila società che in tutto il mondo sono seguite dagli analisti di una casa d’investimento  sono giudicate “buy” (da acquistare), la percentuale minima dal 1997 ad oggi.

Del resto gli ultimi annunci dati dai vertici della Federal Reserve e della Bank of Japan, per quanto positivi nell’immediato per i mercati (perché entrambe le banche hanno come previsto fatto sapere di essere pronte a sostenere ulteriormente i rispettivi mercati del credito, in attesa che dalla politica giungano le riforme indispensabili a rilanciare le economie nazionali), gettano più di un’ombra sulla effettiva consistenza del rallentamento in corso. Se a questo si aggiunge che anche oggi sono emersi segnali contrastanti dall’economia Usa (crescono più del previsto i consumi, ma il reddito disponibile in termini reali cala per la prima volta da inizio anno e continua a diminuire la percentuale di risparmio), il quadro resta più confuso che mai.

Ne beneficiano, come sempre in questi casi, gli strumenti a basso rischio e i beni rifugi, con le quotazioni dei bond e dei metalli preziosi che tornano a salire, favorendo quelle società come UniCredit che stanno pensando di fare ricorso a nuove emissioni obbligazionarie. Nel caso della banca guidata da Alessandro Profumo sarà interessante vedere quale prezzo riuscirà a spuntare il bond quinquennale covered, legato a mutui immobiliari, che l’istituto sembra intenzionato a lanciare sul mercato per almeno 1 miliardo di euro di controvalore, forte di un rating che dovrebbe essere senza particolari affanni una “tripla A” per tutte le società di rating.

Visto dagli occhi di un investitore il momento è dunque particolarmente delicato: da un lato in Italia come altrove si temono nuovi rincari di tariffe e accise varie, dall’altro i rendimenti offerti dagli strumenti monetari come pure da quelli obbligazionari sono sempre ai minimi e per di più la curva è ormai fortemente appiattita, il che rende problematico anche andare alla ricerca di un maggior ritorno elevando le durate dei titoli in portafoglio. Per molti settembre sembra destinato a essere un mese foriero di delusioni, sempre che i mercati azionari non tornino a scendere dando ragione definitivamente a chi ha preferito attendere tempi migliori prima di tornare a investire in quella classe di asset.

La prudenza solitamente paga poco, ma a volte è in grado di fare la differenza. E voi che ne pensate, i vostri clienti sono tuttora inclini a investimenti prudenti o stanno provando ad approfittare di questa fase di incertezza per qualche scommessa in borsa o su strumenti a rischio? Come sempre attendiamo le vostre annotazioni sulle pagine di Bluerating.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Promotori, in Usa e Gran Bretagna più salgono i patrimoni meno si paga

Promotori, training class: oggi parliamo di fondi pensione

Promotori, negli Usa le commissioni pesano per l’1% all’anno

I promotori costano 23 miliardi l’anno agli italiani

Promotori-consulenti, chi boccia il cambio di nome

Training class: promotori, mettetevi alla prova con le domande dell’esame

Promotori regolari e abusivi, la nuova direttiva Ue rivede le sanzioni

PHOTOGALLERY – Promotori, ecco i 10 protagonisti del 2014

Promotori, salta l’Albo unico

Training class: promotori mettete alla prova la vostra preparazione con le domande dell’esame

Consulenti, le sorti dell’Albo Unico nelle mani del maxi-emendamento del governo di questa sera

Promotori, le app che fa(ra)nno tendenza

Promotori, ok alle nuove regole sugli stipendi

Training class: promotori, testate la vostra preparazione con le domande dell’esame

Un promotore ex Fideuram entra nel c/c di una cliente e si accredita 173mila euro: radiato

Mediolanum, di Montigny lancia la piattaforma dell’ottimismo

Voluntary disclosure, grosso scudo penale

Poker di ingressi per Barclays RBB

Promotori – training class, le domande dell’esame: questa volta si parla di azionario

Efpa svela con nove mesi d’anticipo la location del prossimo Italia Meeting 2015

Si finge promotore e truffa un centinaio di persone

Azimut Wealth Management soffia Riccardo Esclapon a Pictet

Promotori, pressing Apf sull’Albo unico

Promotori, i 5 errori da evitare per diventare un buon investitore

Risparmio tradito, ecco quanto rischia davvero chi scappa con i soldi

Promotori, la brutta clausola di “non concorrenza”

Trainig class: promotori, sareste pronti oggi a sostenere l’esame?

Sempre più promotori e meno bancari

Promotori, si facciano avanti le leve più nuove

Promotori, un solo obiettivo: largo ai giovani

Banche e promotori: rivoluzione d’estate

Un promotore sottrae 800mila euro ai clienti: radiato

Promotori, training class: oggi si parla di Buoni del Tesoro

Ti può anche interessare

Enasarco, sconto sui contributi agli under 30

Meno contributi da pagare per gli iscritti con meno di 30 anni. ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il risparmio amministrato

La risposta esatta alla domanda pubblicata mercoledì 5, a proposito della prova valutativa, era que ...

Credito Fondiario prende un portafoglio di Npl da Banca Carige

Il portafoglio è costituito da crediti in sofferenza, principalmente secured, per un valore lordo d ...