Mediolanum, pronti a superare Intesa o Unicredit

A
A
A

I nostri competitor non sono Banca Fideuram e Azimut. Vogliamo diventare una grande banca retail. E’ questo l’obiettivo di Ennio Doris che punta a competere con i grandi gruppi bancari. E sul fronte del dossier Banca Sara…

di Redazione29 settembre 2010 | 14:53

I nostri competitor non sono Banca Fideuram o Azimut. Noi siamo molto, molto ambiziosi e il nostro obiettivo è creare una grande banca retail. E’ questo il pensiero di Ennio Doris, amministratore delegato di Mediolanum, che punta a minare la leadership, sul fronte retail, di Intesa Sanpaolo, Unicredit e Ubi Banca. “Noi vogliamo essere la banca del cliente, non vogliamo solo il risparmio gestito, per questo Fideuram e Azimut sono diverse da noi”.

L’ambizione si traduce in numeri ben precisi nei progetti di Ennio Doris. “Sul fronte dei fondi comuni siamo passati, a livello di patrimonio, dall’11 posto del 2007 all’attuale quarto posto” ha chiarito l’a.d. in un incontro con la stampa “Nei prossimi due anni raggiungeremo il terzo posto”. Ubi Banca, che secondo i dati Assogestioni precede Mediolanum con 21 miliardi contro i 18 di Doris, è avvisata, l’istituto con sede a Basilio punta al sorpasso.

“La nostra quota di mercato nel risparmio gestito è pari a circa il 4%” continua Doris. “Ma se consideriamo tutto il patrimonio della clientela Mediolanum come banca retail (quindi non solo i fondi comuni, ndr) abbiamo una quota, in Italia di circa l’1%, il nostro obiettivo è portarla nei prossimi dieci anni al 5%”. Ma Doris punta in alto ed entro il prossimo decennio conta di superare “Unicredit o Intesa” come banca retail: “vogliamo entrare tra i primi cinque operatori retail”.

Come? “Raddoppiando il numero dei clienti e triplicando gli asset” ha risposto l’a.d. di Mediolanum. Naturalmente puntando molto sulla rete di promozione finanziaria che rimane, secondo Doris, un punto di forza della Banca, “non a caso spendiamo tempo e denaro ogni anno per la formazione dei nostri family banker” ha spiegato Doris che ha escluso, al momento, la via delle acquisizioni. “Puntiamo sullo sviluppo interno” ha affermato Doris “dobbiamo far crescere la rete. Io ho provato a guardare reti da acquisire – ha aggiunto ricordando il dossier Banca Sara – ma devo cambiare la cultura dei promotori e valutarne i costi rispetto al patrimonio che eredito. Le economie di scala sono certe solo sul lato amministrativo: mi serve anche la certezza che nel giro di 2-3 anni li porto a lavorare come voglio io”.

Entra, invece, nella strategia di crescita il Conto Corrente Freedom che da pochi giorni offre una nuova remunerazione. Ogni nuovo sottoscrittore che depositerà una cifra superiore a 15mila euro avrà, infatti, il 2,20% di interessi netti, pari al 3% lordo. Infine, sul fronte utili Ennio Doris ha affermato che Mediolanum chiuderà il 2010 con “meno utili rispetto al 2009, che è stato un anno incredibilmente positivo”. Doris ha poi ricordato che “la raccolta nel 2009 era raddoppiata, e confermiamo il dato nel 2010, mentre nel 2011 guadagneremo di più di questo anno perchè le masse (gestite ndr) stanno aumentando”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Ti può anche interessare

UBI Banca lancia il social bond per L’Albero della Vita

Lo 0,5% del valore nominale delle obbligazioni, informa una nota, andrà a sostegno di attività vol ...

Azimut arruola Calef

Nel gruppo guidato da Pietro Giuliani entra un professionista del private banking proveniente dalla ...

ITForum 2017, ecco come sarà la prossima edizione

La manifestazione di Rimini dedicata agli investimenti, in programma il 18 e 19 maggio, allarga gli ...