Aiaf, riparte il corso per il CIIA

A
A
A

L’Associazione Italiana degli Analisti Finanziari apre le iscrizioni alla 44esima edizione del corso di formazione per analisti finanziari che permette l’accesso all’esame per il conseguimento del diploma internazionale CIIA (Certified International Investment Analyst).

di Matteo Chiamenti30 settembre 2010 | 12:00

L’AIAF-Associazione Italiana degli Analisti Finanziari ha aperto anche quest’anno la seconda tornata di iscrizioni al Corso di formazione CIIA per analisti finanziari, giunto alla sua 44esima edizione. Il corso ha l’obiettivo di offrire una preparazione specifica a livello internazionale di analisi finanziaria e di gestione di portafoglio, basata sull’operatività e sulla conoscenza della normativa in tema di mercato mobiliare oltre che dei codici di deontologia professionale. Il Corso di formazione CIIA per analisti finanziari offre la possibilità ai candidati di conseguire il Diploma internazionale CIIA (Certified International Investment Analyst), riconosciuto sia a livello europeo che mondiale e che ha visto sinora oltre 10.000 candidati sostenere a livello internazionale l’esame, con circa 5.300 diplomati.

Il Diploma internazionale CIIA conferisce il riconoscimento di un livello superiore di conoscenza dell’analisi finanziaria comune a tutti i Paesi che lo riconoscono e qualificante per operare nei diversi mercati finanziari. A differenza di altre certificazioni, il Diploma internazionale CIIA non si limita all’approfondimento delle conoscenze tecniche a livello globale, come definite dalle best practice, ma garantisce anche una specializzazione nazionale ponendo l’accento sulle prassi in uso nel mercato locale e sul contesto legislativo e culturale del sistema finanziario italiano e comunitario.

“L’AIAF offre un percorso specifico di formazione con la consapevolezza che il mercato del lavoro richiede oggi una conoscenza certificata e internazionalmente riconosciuta – afferma Mario Noera, Presidente dell’Associazione Italiana degli Analisti Finanziari -. Per questo motivo Il Corso AIAF ha come traguardo il diploma CIIA®, che abbina le indispensabili conoscenze tecniche a quelle cosiddette national, che si basano sulle regole del mercato in cui un analista si trova a operare e che sono diverse da nazione a nazione. Inoltre, – prosegue Noera- in considerazione dell’imminente costituzione in Italia dell’Albo dei Consulenti Finanziari Indipendenti l’AIAF si candida, grazie a un’attenzione costante alla formazione, a polo di riferimento per tutti i professionisti del ramo finanziario, fornendo una preparazione completa e adeguata ad analisti, promotori, private banker e consulenti indipendenti ”.

Il corso è rivolto non solo a tutti coloro che mirano ad acquisire una importante professionalità nel settore unita a una prestigiosa certificazione internazionale e che operano o opereranno presso Società di Investimento, Banche e Assicurazioni, Direzioni Finanziarie, Società di Gestione del Risparmio, Società Fiduciarie, Enti Pubblici e Studi Professionali, ma anche a coloro che intendano mettere la propria expertise di analisi finanziaria e di gestione del portafoglio a disposizione degli ambiti lavorativi che ne richiedano le competenze. Il corso si terrà presso la sede milanese di Corso Magenta 56 dell’AIAF – unico soggetto autorizzato a effettuare gli esami in Italia – dal 4 ottobre 2010 al 31 marzo 2011 con una durata di 12 ore settimanali, dal lunedì al giovedì dalle ore 16 alle ore 19, per un totale di 255 ore incluse 21 ore di esame e 49 ore di preparazione all’esame, che si svolgerà in lingua italiana.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Lse: il direttore finanziario si dimette

Giappone rivede al rialzo le stime di crescita

Fitch: sforbiciata di tre gradini alla Spagna

Ti può anche interessare

Ambrosi (Efpa Italia): “Ecco i punti cruciali del documento Esma”

Il presidente della filiale italiana dell'associazione europea dei financial planner commenta le lin ...

Consob, corsa contro il tempo per la Mifid 2

Nella corso di una tavola rotonda, svolta all’interno del Premio Alto Rendimento de Il Sole 24 Ore ...

Wells Fargo, sono 3,5 milioni i conti finti

A fare il calcolo è stata la stessa banca, chiedendo scusa e impegnandosi a distribuire ulteriori ...