Giocare in Borsa

A
A
A

Ancora oggi, troppo spesso, l’espressione “giocare in Borsa” è nel linguaggio comune. Per molti la borsa è un casinò e neppure si sognano che invece si tratti di un luogo di scambio di titoli che rappresentano il motore delle moderne economie.

di Private Banker7 ottobre 2010 | 08:30

Negli ultimi anni lo sviluppo di sistemi informatici e l’accesso in tempo reale ai mercati finanziari hanno creato un profondo mutamento dei comportamenti e delle opportunità per i risparmiatori. In primo luogo il mercato è diventato sempre più globale, sempre aperto e sempre più accessibile; inoltre i costi si sono fortemente ridotti fino a pochi euro per ogni transazione. Questo approccio più democratico e accessibile ha creato vere mode, e dall’inizio degli anni 2000 anche profonde delusioni. Alcune aziende hanno creato un business fondato sulla finanza online come Banca della Rete, joint-venture fra Banca di Roma e Telecom, nata per offrire servizi finanziari online supportati da promotori finanziari.

Per varie ragioni il progetto non ha avuto il successo atteso e la banca è stata venduta cambiando denominazione in [s]Banca Sara[/s], azienda da mesi sul mercato per le perdite subite negli scorsi esercizi, che oggi punta la sua crescita soprattutto sull’operatività dei promotori finanziari. Forse l’unico caso di successo è rappresentato da Banca Fineco, parte del gruppo UniCredit, che attraverso la fusione di più reti di promotori (Fineco allora rete di [s]Banca Bipop[/s], UniCredit e [s]ING[/s]) ha raggiunto dimensioni di tutto rilievo e oggi è una delle realtà più brillanti nel panorama italiano, unica ad avere saputo integrare con successo un sistema di consulenza che unisce i vantaggi della tecnologia con l’offerta online di migliaia di prodotti e titoli, con l’assistenza di una grande rete di promotori finanziari. Il modello banca virtuale è fortemente promossa anche da Banca [s]Mediolanum[/s], ma chi conosce quella realtà ha ben presente che il ruolo principale lo giocano i promotori finanziari e che la banca serve per fornire servizi ausiliari e non di investimento. Una banca che ha avuto successo puntando esclusivamente sull’online è il gruppo olandese ING, che ha avuto la capacità e la buona sorte di lanciare i propri servizi di conto corrente a tasso garantito in periodi di forti ribassi dei mercati azionari, offrendo così un porto sicuro per operazioni di parcheggio di liquidità che niente hanno a che fare con gli investimenti.

ING ha poi lanciato altri servizi, sempre conservativi o legati ai mutui con buon successo e altri operatori l’hanno seguita con risultati meno brillanti e con costi tali da far dubitare della validità del progetto. Fra questi si distingue il gruppo [s]Mediobanca[/s] con [s]CheBanca![/s] Ma perchè è così difficile creare le condizioni per rendere autonomi i risparmiatori? La risposta di [p]Gianfranco Cassol[/p] in un recente articolo apparso su ADVISOR è che il risparmiatore non avrà mai la cultura finanziaria e la mentalità per investire con competenza. È una affermazione forte, come forte è la persona, considerato come uno dei padri della consulenza finanziaria in Italia e dagli anni ’70 al vertice di grandi aziende del settore tanto da essere definito un “guru”. Il principio che Cassol sostiene è che la finanza è troppo complessa per essere gestita dal risparmiatore, inoltre le tensioni generate da questa attività sono tali che il risparmiatore che vuole fare di testa sua vive male e sempre in tensione l’evoluzione dei mercati. Molto meglio che i risparmiatori si concentrino a fare ciò che sanno fare, e si affidino ad altri professionisti per la gestione del proprio denaro.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Consob, Genovese nuovo presidente vicario

A partire da venerdì 15 dicembre 2017 la Professoressa Anna Genovese, componente della Commissione ...

Azimut festeggia il via libera dal Brasile

In occasione della presentazione della raccolta di luglio positiva per 371 milioni di euro (a 3,8 mi ...

Banche popolari, riforma legittima

La Corte Costituzionale ha respinto tutti i ricorsi contro il provvedimento del governo Renzi ...