Il WSJ applaude Draghi e le banche italiane

A
A
A

Tra giudizi in chiaroscuro sull’economia italiana, il quotidiano americano apprezza gli istituti nazionali.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti29 novembre 2010 | 10:30

È a luci e ombre il giudizio del Wall Street Journal sull’economia italiana, ripreso da Ansa, la cui posizione finanziaria relativamente buona è legata anche “a competenti autorità bancarie e ad un talentuoso governatore, Mario Draghi”, ma che paga una produttività assolutamente inadeguata, rispetto ai big europei. Senza contare che “le nuove imprese di cui si ha bisogno per generare innovazione, produttività e crescita devono faticare molto per avviare la propria attività”. È questo il tema di fondo dell’articolo dal titolo «Italia sembra in buona salute finanziaria, ma i segnali di preoccupazione sono ancora lì», che prima passa in rassegna i problemi che affliggono l’economia italiana (dalle turbolenze politiche, alle difficoltà di competere con un euro così forte, ai problemi causati alle eccellenze del Made in Italy dalla concorrenza ‘low-pricè della Cina e delle economie emergenti), poi torna al tema della competitività e della difficoltà di fare impresa.

“La buona notizia è che l’Italia non è come Grecia o Irlanda. La cattiva notizia è che è come il Portogallo, che fino ad ora ha evitato i problemi sul mercato immobiliare e bancario di proporzioni greco-irlandesi, ma sta crescendo così lentamente che le entrate fiscali potrebbero non riuscire a coprire le sue obbligazioni. La notizia peggiore è che l’economia italiana vale una volta e mezza quella spagnola, e la Spagna è un Paese giudicato troppo grande per fallire, ma verso il quale l’Europa non ha abbastanza risorse da destinare”.  In particolare: “L’Italia potrebbe essere il prossimo Paese a finire nel mirino degli investitori, a meno che non riesce a crescere ad un tasso superiore all’attuale 1%”, si legge sul Wsj, che sottolinea come il debito pubblico italiano sia superiore a quello del Portogallo. “Ma nella classifica della Banca Mondiale sulla facilità d’impresa, il Portogallo è al trentunesimo posto, sotto Israele e Olanda, mentre l’Italia è ottantesima: il che significa che per un imprenditore è più difficile lavorare in Italia che in Mongolia o Zambia, e solo poco più facile che in Giamaica, Albania e Pakistan”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Ti può anche interessare

Fondi, nasce il gigante inglese

Confermata la fusione tra Standard Life e Aberdeen Asset Mgmt: decolla un gruppo con aum per 660 mld ...

Azimut: missione compiuta (con due anni d’anticipo)

Raggiunto l’obiettivo di patrimonio del piano industriale quinquennale ...

Bfc entra nell’era Fintech come “Pmi innovativa”: debutta Blueadvisor

Blue Financial Communication, società quotata sul mercato Aim di Borsa Italiana ed editrice dei men ...