Popolare Sondrio: Melazzini, buona patrimonializzazione conferma solidità

A
A
A

Nella tradizionale lettera di capodanno riservata ai soci, il numero uno della Popolare di Sondrio ha sottolineato la solidità dell’istituto.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini30 dicembre 2010 | 12:00

La Banca Popolare di Sondrio “ha operato con la gente e per la gente, come sempre. La crisi è stata di stimolo al nostro impegno. Innanzitutto abbiamo mirato alla patrimonializzazione, confermandoci banca solida e perspicace”. Ad affermarlo, nella tradizionale lettera di capodanno inviata ai soci -oltre 168 mila- e agli amici, è il presidente della Banca Popolare di Sondrio, Piero Melazzini. Le risorse, rileva, “sono cresciute, sia con l’accantonamento di una significativa quota del cospicuo utile 2009 e sia con l’emissione di un prestito obbligazionario di rafforzamento, cosiddetto Lower Tier II, dell’importo di 350 milioni. Come sempre e più di sempre ci sentiamo parte del sostegno all’economia e fiduciari della collettività. Il compito che il domani ci riserva può essere assolto soltanto in uno spirito di assoluta responsabilità, pienamente coscienti del dovere da compiere». Nonostante il maggior lavoro e l’impegno per il contenimento dei costi, sottolinea Melazzini, «la redditività aziendale è stata influenzata sia dall’andamento dei tassi e sia dal risultato dell’attività di negoziazione. Mentre nel 2009 vi furono forti plusvalenze sui titoli in portafoglio, nell’esercizio in commento forti sono state le minusvalenze, specie sui Certificati di Credito del Tesoro. Purtuttavia, permane una buona redditività”.

Più in generale, sottolinea il presidente della Banca Popolare di Sondrio nella lettera inviata ai soci, “sebbene la stabilità del potere d’acquisto della moneta sia stata assicurata, nel ritmo degli affari, si è avvertito un respiro corto, con qualche punta d’affanno. A livello internazionale la crisi finanziaria ed economica è sembrata attenuarsi, ma forse ha semplicemente vissuto nuove fasi. Le preoccupazioni si sono spostate dal settore privato a quello pubblico. Non pochi Stati hanno accresciuto a dismisura i loro deficit. Una deficienza per alcuni formidabile». I problemi della bassa crescita e della disoccupazione, rileva Melazzini, «accomunano e appesantiscono le economie occidentali. La sola Germania è andata contro tendenza, proprio perchè è uno Stato unito e forte. Direbbe Cicerone, uno Stato che nasce dal consenso al diritto e dall’utilità comune. Tensione e nervosismo hanno caratterizzato i mercati borsistici e valutari. La nostra Patria – per quanto gravata da un pesante debito pubblico, ma dove le famiglie hanno i conti in ordine; con poche grandi imprese, ma con tante piccole e medie aziende innovative, che si impongono sui mercati internazionali; criticata di arretratezza finanziaria, ma tra le poche a non dover salvare le proprie banche, dimostratesi solide e affidabili – se l’è cavata da sola». Secondo il presidente della Banca Popolare di Sondrio, “viviamo tempi difficili”. Sembra, aggiunge, «che la politica non abbia più presa sulla società, la quale, oramai, sfugge a qualsiasi azione univoca. Il vocabolo che è ricorrente è ‘Il Paesè; e non è il bel paese dove il sì suona. Chiamiamola Italia, la nostra Patria, anche se qualcuno l’ha definita nè democratica, nè aristocratica, bensì anarchica”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Ronchetti (GFK Eurisko): “Manager, ecco chi va premiato”

Ronchetti, business director di GFK Eurisko e premiatore dei prossimi Bluerating Awards, spiega come ...

Arianna Sim, l’elenco dei creditori è in tribunale

Depositato presso le autorità giudiziarie l'elenco delle rivendicazioni sul patrimonio della societ ...

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Secondo quanto riporta FinExtra, Aon ha lanciato sul mercato Brexit Navigator, un tool con l’obiet ...