Processo Cassa San Marino-Barclays accende faro su derivati

A
A
A

Una disputa legale tra la Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino e il colosso britannico Barclays ha riportato in primo piano la scottante questione dei derivati, strumenti rischiosi e complessi che hanno avuto un ruolo nel precipitare la crisi finanziaria.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini30 dicembre 2010 | 15:30

L’istituto sanmarinese, che si era rivolto a Barclays per finanziamenti a due sue controllate, ha fatto causa al gruppo britannico con l’accusa di frode, aprendo dinanzi all’Alta Corte londinese un processo pilota che ha avuto ampia eco nel corso dell’ultimo mese.

La sentenza è attesa attorno a Pasqua ma nel frattempo il contenzioso ha acceso i riflettori sulle rischiose scommesse legate a strumenti come i Cdo-‘squared’ (al quadrato), complici nell’aver fatto scivolare in rosso i bilanci bancari durante l’ultima crisi.

E’ una delle prime volte che una disputa su un Cdo approda in tribunale.

I Cdo, o collateralised debt obligation, sono titoli di debito ‘assistiti’ (‘collateralised’) dai flussi generati da un portafoglio di mutui o altri titoli di debito.

I Cdo-squared sono ‘assistiti’ da altri Cdo, per cui vengono definiti ‘Cdo-al quadrato’.

Il caso in questione riguarda un accordo di finanziamento da 700 milioni di euro negoziato nel 2004 tra Barclays e la banca sanmarinese.

Quest’ultima accusa Barclays di averle venduto dei derivati con la consapevolezza che fossero ben più rischiosi di quanto non segnalato dal rating tripla ‘A’.

La Cassa si era rivolta a Barclays per il finanziamento di due sue filiali che non potevano reperire direttamente i fondi a causa dei vincoli posti dalla banca centrale della Repubblica.

A fronte di un prestito di 700 milioni di euro da parte di Barclays la Cassa di Risparmio di San Marino ha acquistato prodotti strutturati, tra cui CDO-squared, per 450 milioni, così che il risultato finale fosse il richiesto prestito netto di 250 milioni di euro.

I prodotti strutturati rendevano l’operazione più appetibile per Barclays, a causa dei proventi da commissione, mentre la Cassa avrebbe dovuto guadagnare grazie ai rendimenti degli strumenti.

Barclays si protesse inoltre comprando un’assicurazione sul debito dei due istituti, che avevano alle spalle una limitata storia creditizia.

L’operazione è andata a rotoli quando il valore dei Cdo è precipitato a causa della crisi finanziaria.

Se San Marino dovesse vincere il processo, potrebbero essere molte di più le banche trascinate in tribunale da investitori arrabbiati perché sono stati venduti loro prodotti estremamente complessi e opachi descritti invece come qualcosa che avesse un chiaro livello di rischio e rendimento.

I legali della Cassa hanno accusato Barclays di essere consapevole del fatto che i prodotti venduti avessero un livello di rischio fino a 300 volte superiore rispetto a quanto implicito nel rating.

Barclays e i testimoni della difesa hanno ribadito durante il dibattimento che la vendita alla cassa sanmarinese non aveva nulla di straordinario.

“Quell’operazione era simile ad altre condotte in quel periodo dagli investitori”, commenta negli atti della corte Antonio Agresta, del team strutturazione di Barclays, “Non avevo elementi per pensare che la Cassa stesse entrando in un investimento spropositatamente rischioso.

Non mi è mai passato per la testa che li stessimo fuorviando in alcun modo”.

Tra gli investitori che ritengono di essere stati “fuorviati” con la vendita di prodotti rivelatisi nel tempo eccessivamente complessi e corredati di insufficienti spiegazioni, ci sono l’olandese Rabobank o gli azionisti della National Australia Bank che hanno fatto causa a istituti di credito per la vendita di derivati.

Finora pochi casi di questo tipo sono arrivati in tribunale ma le ragioni degli investitori hanno trovato una sponda importante nell’autorità americana di mercato che lo scorso aprile ha messo sotto accusa Goldman Sachs per le modalità di collocamento di prodotti legati ai mutui subprime.

Goldman ha pagato 550 milioni di dollari per sistemare la controversia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

La Consob punta il mirino nelle Marche: sospeso un cf di Ancona

Provvedimento cautelare ai danni di un consulente finanziario accusato di aver distratto somme dei c ...

Wells Fargo, sono 3,5 milioni i conti finti

A fare il calcolo è stata la stessa banca, chiedendo scusa e impegnandosi a distribuire ulteriori ...

Azimut sorride con Money Market

A dicembre il gruppo Azimut ha registrato una raccolta netta positiva per 722 milioni di euro, port ...