Processo Cassa San Marino-Barclays accende faro su derivati

A
A
A

Una disputa legale tra la Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino e il colosso britannico Barclays ha riportato in primo piano la scottante questione dei derivati, strumenti rischiosi e complessi che hanno avuto un ruolo nel precipitare la crisi finanziaria.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini30 dicembre 2010 | 15:30

L’istituto sanmarinese, che si era rivolto a Barclays per finanziamenti a due sue controllate, ha fatto causa al gruppo britannico con l’accusa di frode, aprendo dinanzi all’Alta Corte londinese un processo pilota che ha avuto ampia eco nel corso dell’ultimo mese.

La sentenza è attesa attorno a Pasqua ma nel frattempo il contenzioso ha acceso i riflettori sulle rischiose scommesse legate a strumenti come i Cdo-‘squared’ (al quadrato), complici nell’aver fatto scivolare in rosso i bilanci bancari durante l’ultima crisi.

E’ una delle prime volte che una disputa su un Cdo approda in tribunale.

I Cdo, o collateralised debt obligation, sono titoli di debito ‘assistiti’ (‘collateralised’) dai flussi generati da un portafoglio di mutui o altri titoli di debito.

I Cdo-squared sono ‘assistiti’ da altri Cdo, per cui vengono definiti ‘Cdo-al quadrato’.

Il caso in questione riguarda un accordo di finanziamento da 700 milioni di euro negoziato nel 2004 tra Barclays e la banca sanmarinese.

Quest’ultima accusa Barclays di averle venduto dei derivati con la consapevolezza che fossero ben più rischiosi di quanto non segnalato dal rating tripla ‘A’.

La Cassa si era rivolta a Barclays per il finanziamento di due sue filiali che non potevano reperire direttamente i fondi a causa dei vincoli posti dalla banca centrale della Repubblica.

A fronte di un prestito di 700 milioni di euro da parte di Barclays la Cassa di Risparmio di San Marino ha acquistato prodotti strutturati, tra cui CDO-squared, per 450 milioni, così che il risultato finale fosse il richiesto prestito netto di 250 milioni di euro.

I prodotti strutturati rendevano l’operazione più appetibile per Barclays, a causa dei proventi da commissione, mentre la Cassa avrebbe dovuto guadagnare grazie ai rendimenti degli strumenti.

Barclays si protesse inoltre comprando un’assicurazione sul debito dei due istituti, che avevano alle spalle una limitata storia creditizia.

L’operazione è andata a rotoli quando il valore dei Cdo è precipitato a causa della crisi finanziaria.

Se San Marino dovesse vincere il processo, potrebbero essere molte di più le banche trascinate in tribunale da investitori arrabbiati perché sono stati venduti loro prodotti estremamente complessi e opachi descritti invece come qualcosa che avesse un chiaro livello di rischio e rendimento.

I legali della Cassa hanno accusato Barclays di essere consapevole del fatto che i prodotti venduti avessero un livello di rischio fino a 300 volte superiore rispetto a quanto implicito nel rating.

Barclays e i testimoni della difesa hanno ribadito durante il dibattimento che la vendita alla cassa sanmarinese non aveva nulla di straordinario.

“Quell’operazione era simile ad altre condotte in quel periodo dagli investitori”, commenta negli atti della corte Antonio Agresta, del team strutturazione di Barclays, “Non avevo elementi per pensare che la Cassa stesse entrando in un investimento spropositatamente rischioso.

Non mi è mai passato per la testa che li stessimo fuorviando in alcun modo”.

Tra gli investitori che ritengono di essere stati “fuorviati” con la vendita di prodotti rivelatisi nel tempo eccessivamente complessi e corredati di insufficienti spiegazioni, ci sono l’olandese Rabobank o gli azionisti della National Australia Bank che hanno fatto causa a istituti di credito per la vendita di derivati.

Finora pochi casi di questo tipo sono arrivati in tribunale ma le ragioni degli investitori hanno trovato una sponda importante nell’autorità americana di mercato che lo scorso aprile ha messo sotto accusa Goldman Sachs per le modalità di collocamento di prodotti legati ai mutui subprime.

Goldman ha pagato 550 milioni di dollari per sistemare la controversia.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Ti può anche interessare

Azimut, ecco la newco dei 3 ex super gestori

Usciti dal gruppo Artoni, Mach de Palmstein e Spinola danno vita a Sam Capital. ...

BLUERATING IN EDICOLA: Albo unico in vista

E’ uscito il numero di luglio del mensile con una cover story dedicata Carla Rabitti Bedogni, pres ...

Fideuram Ispb sopra la vetta dei 200 miliardi

Pubblicati i dati di Assoreti sulle consistenze patrimoniali delle principali reti di consulenti fin ...