Ecco come difendersi dai casi come quello di Banca Mb

A
A
A

Finalmente anche in Italia i piccoli azionisti diventano protagonisti.

di Redazione3 gennaio 2011 | 15:30

Senza attendere l’attivismo dei fondi , o dei procuratori della repubblica, i primi gruppi di azionisti iniziano a sfruttare le possibilità offerte dalla nuova direttiva europea (2007/36/Ce recepita in italia dal d.lgs 27/2010 che ha fatto modifiche rilevanti nel Tuf introducendo alcune importanti novità e semplificando le procedure a partire dalla raccolta deleghe), in vigore dal 1 novembre, anche se mancano i regolamenti attuativi Consob.L’occasione è la prossima assemblea di CAPE LIVE che, dopo le vicende Banca Degroof  Privè e Banca MB, e le conseguenti dimissioni di parte del CdA, è in piena tempesta, con il titolo ai minimi e l’amministratore Cimino in balìa degli eventi.Una buona occasione per alcuni azionisti per prendere l’iniziativa e porsi l’obiettivo di costringere la società alla massima trasparenza, stimolare un dibattito costruttivo tra i soci ed attivare una raccolta di deleghe.Con la creazione di un sito come forum di discussione ed aggregazione – www.capelive.azionisti.org – e con la specifica missione di intervenire sulla governance societaria, si intende  accertare eventuali responsabilità e dare un ruolo a quelli che definisce “azionisti di minoranza” e non necessariamente piccoli.Il gruppo di azionisti coordinati dal prof. d’Atri  si sta organizzando per promuovere la presentazione di una lista di candidati al Consiglio di amministrazione e per la raccolta delle deleghe di voto, sulla base delle procedure previste dalla nuova normativa.Nel caso CAPE LIVE, che è in effetti una public company (con un azionariato composto da tanti piccoli e nessun azionista di controllo), il professore non esclude che i soci di minoranza possano in riuscire ad aggregare competenze manageriali e soci di buona volontà per rilanciare il progetto della Cape Live e valorizzare le partecipazioni detenute. Al momento l’obiettivo è interrompere la deriva gestionale e proporre comportamenti virtuosi al nuovo management.E se in seguito la minoranza dovesse diventare maggioranza? Il professore spera che ci siano altri soci di minoranza pronti a stimolare gli altri stakeholder a rendere effettivi i principi del “buon governo societario”.Riassuto per punti
1)    Cape Live SpA è una delle pochissime società quotate italiane che non ha un gruppo di controllo stabile, ci sono tantissimi piccoli azionisti non collegati tra loro.
2)     Dopo le recenti notizie circa il coinvolgimento della società in vicende dubbie (Banca Degroof Privè e Banca MB) e le conseguenti dimissioni di parte del CdA, alcuni azionisti si stanno organizzando per intervenire direttamente (proponendo una lista per l’assemblea del 10 e 11/02/2011)
3)     Il gruppo, coordinato dal Prof. Gianfranco d’Atri, non è una entità chiusa, ma vuole coinvolgere tutti gli azionisti interessati usando in nuovi strumenti normativi del dal D.Lgs 27/2010
4)    Il gruppo vuole aggregare più soggetti possibili
5)    L’obiettivo è costringere la società alla massima trasperenza, stimolare un dibattito costruttivo con i soci attraverso un sito /forum di discussione (www.capelive.azionisti.org)
6)    I piccoli soci devono partecipare perchè è inutile attendere che si verifichi il peggio ed aspettare l’intervento delle autorità di controllo (vedi Italease), si può intervenire direttamente prima che sia troppo tardi, per aumentare la trasparenza (sfruttando il web) e permettere a tutti i soci – anche quelli non rappresentati dal CdA – di essere informati.  Ogni azione ha diritto di voto, e tale diritto deve essere sfruttato. Se l’azionista non può partecipare in prima persona può delegare il gruppo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Ti può anche interessare

Mps, terminata l’ispezione della Bce

La banca toscana ha comunicato che ha febbraio si sono conclusi i controlli degli ispettori inviati ...

Marucci (Federpromm): “Bene il decreto sulla Mifid 2”

Il leader dell'associazione dei cf che fa capo alla UilTucs apprezza il testo legislativo messo in c ...

Enasarco, ecco il bilancio 2016

L’ente di previdenza e assistenza degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari chiuderà ...