Promotori – E’ necessario il 4-5% da investire

A
A
A

Lista 4 sulla previdenza complementare di categoria.

di Redazione30 marzo 2011 | 14:00

Siamo molto concreti, è il momento che si affronti di petto il problema: rappresentanze dei promotori vadano a discutere con le proprie aziende, per prevedere un accantonamento annuo, che, tra contributi del promotore e contributi aziendali, arrivi, anche con gradualità, fino al 4-5% della remunerazione,
da investire in previdenza complementare.

Non crediamo nel fondo pensione di categoria: sarebbe costoso e con scarse prospettive di vita. Esistono diversi fondi pensione aperti che hanno caratteristiche anche migliori di quelli di categoria. La chiave di volta del problema è quindi racchiusa nella possibilità collaborazione diretta con le aziende.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, cosa cambia con la Mifid 2 secondo Anasf

Promotori – Buoni e cattivi

Promotori – L’architettura aperta è il futuro

Ti può anche interessare

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Assosim, Academy (centro di formazione del London Stock Exchange Group) e Ascosim presentano un cors ...

Consulenti finanziari, per i migliori arrivano gli Awards

I premi, che riguardano i soli cf abilitati all’offerta fuori sede, saranno assegnati durante la s ...

Nessuna circonvenzione d’incapace per cf ex-IWBank sospeso

La richiesta di rettifica giunta alla redazione di Bluerating.com da un professionista sanzionato da ...