Promotori – E’ necessario il 4-5% da investire

A
A
A

Lista 4 sulla previdenza complementare di categoria.

di Redazione30 marzo 2011 | 14:00

Siamo molto concreti, è il momento che si affronti di petto il problema: rappresentanze dei promotori vadano a discutere con le proprie aziende, per prevedere un accantonamento annuo, che, tra contributi del promotore e contributi aziendali, arrivi, anche con gradualità, fino al 4-5% della remunerazione,
da investire in previdenza complementare.

Non crediamo nel fondo pensione di categoria: sarebbe costoso e con scarse prospettive di vita. Esistono diversi fondi pensione aperti che hanno caratteristiche anche migliori di quelli di categoria. La chiave di volta del problema è quindi racchiusa nella possibilità collaborazione diretta con le aziende.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, cosa cambia con la Mifid 2 secondo Anasf

Promotori – Buoni e cattivi

Promotori – L’architettura aperta è il futuro

Ti può anche interessare

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Una mia cliente si è recata alla Poste per incassare un buono dopo vent’anni e ha ricevuto una pe ...

Banca Generali, il Cfo & Strategy è Di Russo

L'istituto guidato dall'a.d. Gian Maria Mossa ha scelto il Chief Financial Officer e Strategia. Prov ...

Intesa Sanpaolo, trimestrale sopra le attese

Nel trimestre l'utile netto è stato di 901 milioni di euro, sopra le attese degli analisti. Corre i ...