Promotori – E’ necessario il 4-5% da investire

A
A
A

Lista 4 sulla previdenza complementare di categoria.

di Redazione30 marzo 2011 | 14:00

Siamo molto concreti, è il momento che si affronti di petto il problema: rappresentanze dei promotori vadano a discutere con le proprie aziende, per prevedere un accantonamento annuo, che, tra contributi del promotore e contributi aziendali, arrivi, anche con gradualità, fino al 4-5% della remunerazione,
da investire in previdenza complementare.

Non crediamo nel fondo pensione di categoria: sarebbe costoso e con scarse prospettive di vita. Esistono diversi fondi pensione aperti che hanno caratteristiche anche migliori di quelli di categoria. La chiave di volta del problema è quindi racchiusa nella possibilità collaborazione diretta con le aziende.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, cosa cambia con la Mifid 2 secondo Anasf

Promotori – Buoni e cattivi

Promotori – L’architettura aperta è il futuro

Ti può anche interessare

ITForum Milano al via: si parla di Mifid 2, Albo e commercialisti

I commercialisti nell’Albo? Il tema sarà trattato in due tavole rotonde in programma all’ITForu ...

Consulenti, come prepararsi al primo incontro col cliente

La relazione tra il professionista e il cliente deve partire subito con il piede giusto. Qualche con ...

UniCredit affida il wm a Bizzozero

Il manager è stato responsabile Wealth Management Emea per Deutsche Bank e ceo di Deutsche Bank Svi ...