Art Advisory – 14,7 milioni per Christie’s in Italia

A
A
A

Risultati in crescita del 35% rispetto al maggio 2010 per le aste milanesi della casa londinese.

Biagio Campo di Biagio Campo30 maggio 2011 | 08:30

“Christie’s Italia riafferma il suo status di piattaforma d’elezione per alienare al meglio le opere d’arte di grande qualità, ottenendo un totale complessivo di oltre 14,7 milioni di Euro con le tre aste di primavera. Questo solido risultato corrisponde ad una crescita del 35% rispetto alla cifra raggiunta nel maggio dello scorso anno, ed esprime chiaramente lo stato del mercato attuale nel nostro paese, caratterizzato da una crescita regolare e progressiva. Infatti, se nel corso degli ultimi mesi le nostre sale d’asta di New York, Londra ed Hong Kong hanno elettrizzato il mondo dell’arte registrando dei totali senza precedenti, a Milano abbiamo assistito ad un atteggiamento più equilibrato, sebbene sempre recettivo nei confronti della qualità dei lotti selezionati dai nostri specialisti. È inoltre interessante notare la decisiva partecipazione dei collezionisti privati, sia compratori che venditori, così come l’aumento di attività da parte di compratori internazionali in tutte e tre le categorie”, questo il commento di Clarice Pecori Giraldi, Amministratore Delegato di Christie’s Italia.

Le due sessioni dell’asta di Arte Moderna e Contemporanea del 24 e 25 maggio hanno realizzato un totale di 7,885 milioni di Euro, pari ad oltre il 40% in più rispetto al risultato raggiunto dalla categoria lo scorso maggio. Il top lot della vendita è stato un Concetto spaziale di Lucio Fontana datato 1963-64, aggiudicato per 731.000 Euro.

Renato Pennisi e Cristiano Giulio Sangiuliano, Co-Direttori del Dipartimento di Arte Moderna & Contemporanea di Christie’s Italia spiegano come “l’asta di arte moderna e contemporanea di Christie’s Italia abbia riconfermato il ruolo centrale di Milano come sede di primaria importanza per la vendita di opere di qualità dei migliori artisti italiani del XX secolo. Siamo soddisfatti per l’intensa partecipazione di compratori italiani ed internazionali, attivi soprattutto sulle opere di Lucio Fontana ed Enrico Castellani. I solidi risultati della vendita hanno premiato l’accurata selezione delle opere offerte, come dimostrato dal fatto che nove dei dieci migliori risultati hanno superato la stima massima. Un’agguerrita competizione tra collezionisti privati ha animato la vendita dei Contemplatori di Rovine di Giorgio de Chirico, opera di qualità museale del 1932-34, aggiudicata per 656.000 Euro”.

L’asta di Dipinti Antichi del 25 maggio ha realizzato un totale di 1,764 milioni di Euro, in crescita di oltre il 57% rispetto ai risultati di maggio 2010. Il top lot della vendita è stato un dipinto di Antonio Joli raffigurante una Veduta di Napoli dal Vesuvio aggiudicato per 605.600 Euro.

Soddisfazioni anche nelle parole di Marco Riccomini, Direttore del Dipartimento Dipinti Antichi di Christie’s Italia: “un pubblico prevalentemente composto di compratori privati, italiani e stranieri, ha dimostrato particolare attenzione per i lotti più importanti in termini di qualità e provenienza. Lo dimostra il risultato ottenuto dal top lot di Joli, aggiudicato al disopra della stima massima ad un collezionista italiano”.

L’asta di Gioielli del 26 maggio ha ottenuto un totale di 5,060 milioni di Euro, con un incremento del 21% rispetto ai risultati ottenuti dalla categoria nel maggio scorso. Il top lot della vendita è stato un anello con diamante taglio ottagonale cts 12.01, firmato Bulgari, venduto per 315.800 Euro.

“L’asta di gioielli di Christie’s a Milano ha raggiunto un totale di oltre 5 milioni di euro, uno dei più alti mai ottenuti in Italia per una vendita dedicata alla categoria, un elemento che conferma nuovamente la leadership assoluta della casa d’aste anche a livello nazionale. Più di 180 diversi compratori, provenienti da cinque continenti, si sono aggiudicati 322 lotti accendendo una competizione vivace in sala, tramite l’accesso on-line e al telefono. Il top lot, un importante anello con diamante ottagonale di Bulgari venduto per 315.800 Euro (26,294 Euro per carato), è stato acquistato da un privato italiano. La sezione particolarmente ricca di pezzi Bulgari ha ottenuto ottimi risultati, così come le perle naturali, mentre un magnifico anello con zaffiro Ceylon (Sri Lanka) è passato di mano per 227.600 Euro (10.751 Euro per carato)”, come conclude Francesco Alverà, Direttore del Reparto Gioielli di Christie’s Italia.

Le prossime aste di Christie’s Italia si terranno dal 23 al 25 novembre 2011 a Palazzo Clerici, Milano.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Art Advisory – Aste Milanesi di Christie’s

Art Advisory – 28 milioni per Christie’s in Italia

Art Advisory – Aste primaverili di Farsettiarte

Art Advisory – Asta di Claudia Gian Ferrari

Art Advisory – Si fatica a recuperare

Fondi comuni – Rialzo del 13% per il vino d’annata nel 2010

Art Advisory – Christie’s in Italia supera del 21% i risultati del 2009

Art Advisory – Asta di arte calligrafica a Doha

Fondi comuni – Investire negli orologi

Art Advisory – Autori italiani a caccia di record

Art Advisory – Uno sguardo oltre la crisi

Art Advisory – In asta i gioielli di Wallis Simpson

Fondi Comuni – Vini più forti dei timori di recessione

Art Advisory – A Parigi in asta un Tirannosaurus Rex

Art Advisory – Appunti per investire in arte oggi

Art Advisory – La riservatezza di Intesa Sanpaolo Private Banking

Art Advisory – L’educazione finanziaria vista dai giovani artisti di Brera

Fondi comuni – Continuano i rialzi per il vino

Art Advisory – La consulenza indipendente

Art Advisory – Chi sono i clienti?

Noble Crus – Il primo fondo sul vino

Art Advisory – L’assunto dell’autenticità

Art Advisory – L’offerta di Deutsche Bank

Art Advisory – L’uscita dalla crisi

Art Advisory – 10 milioni per Christie’s a Milano

Art Advisory – In asta a Londra due secoli di Russia

Art Advisory – La crescita di Dubai

Deutsche Bank apre al pubblico la collezione d’arte

Asset allocation, il 5% in opere d'arte

Art Advisory – L'approccio di BSI

Ti può anche interessare

Bper, Odorici alla presidenza

Nessuna sorpresa per l’attesa nomina alla Popolare dell’Emilia Romagna. Scelto un manager inter ...

Poste Italiane, per Goldman Sachs vale un po’ di più

La casa d'affari alza il prezzo-obiettivo ma mantiene neutrale il giudizio sul titolo della società ...

La Consob segnala un sito web abusivo

Campanello d'allarme dell'authority contro un indirizzo internet che offre servizi di investimento s ...