Banche, capitalizzazione ridotta a un terzo per le big italiane

A
A
A

L’Annuario Ricerca & Sviluppo di Mediobanca rileva che la capitalizzazione in Borsa delle cinque maggiori banche è scesa a 66 miliardi di euro contro i 218 di fine 2006

di Redazione29 luglio 2011 | 07:45

Tempi duri per i titoli bancari di piazza Affari. Secondo l’Annuario Ricerca & Sviluppo di Mediobanca condotto sui 50 maggiori gruppi quotati, la capitalizzazione in Borsa dei cinque principali istituti di credito italiani (Intesa SanPaolo, Unicredit, Monte dei Paschi di Siena, Ubi banca, Mediobanca e Banco popolare) attualmente non è nemmeno un terzo di quella pre-crisi: 66 miliardi di euro contro i 218 di fine 2006.

La peggior performance nel quinquennio è stata quella di Unicredit, la cui capitalizzazione di Borsa è scesa dagli 87,4 miliardi di euro del 2006 ai 23,7 miliardi al 27 luglio scorso, seguita da Intesa Sanpaolo, che nel 2006 valeva quasi 73 miliardi, mentre ora ne vale 25,6. E nel primo trimestre di quest’anno i crediti deteriorati netti dei cinque big del comparto sono arrivati a 87,2 miliardi: il doppio rispetto ai 44,8 miliardi nel 2008. Secondo gli analisti si tratta di livelli “finalmente stabilizzati sia rispetto ai crediti alla clientela sia rispetto al capitale netto”.Ma il boom è stato notevole: dai 44 miliardi abbondanti del 2008 ai 76,7 miliardi di fine 2009, agli 85,5 di fine 2010.

Nel marzo scorso la situazione meno favorevole era quella del Banco Popolare, i cui crediti deteriorati erano pari al 9,7% dei crediti alla clientela e al 75% del capitale netto. Ma anche gli altri numeri di questo inizio anno che emergono dall’analisi di R&S Mediobanca non sono ottimi per le grandi banche italiane: nel primo trimestre i ricavi complessivi mostrano una leggera crescita (+1,3%) rispetto al primo trimestre del 2010, con un lieve aumento del margine di interesse (+2,1%) e un forte miglioramento del risultato di negoziazione (+45,3%).

Quest’ultimo è il famigerato trading, ampiamente positivo anche nel primo trimestre del 2010, ma che poi ha chiuso male sui 12 mesi. “Con l’attuale situazione dei mercati è molto dubbio che quest’anno le banche chiudano con risultati positivi le attività di trading”, hanno commentato gli analisti. “Se queste prime tendenze dovessero confermarsi in corso d’anno, l’aggregato delle banche chiuderebbe il 2011 con ricavi comunque inferiori di circa il 10% rispetto al livello del 2007”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Ti può anche interessare

Cocktail di irregolarità, radiato un consulente

Radiazione del sig. Giovanni Battista Gennaro dall'albo unico dei consulenti finanziari ...

Tecnologia e risparmio, se ne parla sul canale Youtube di Banca Mediolanum

Ospite Maurizio Pimpinella, presidente dell’Associazione Prestatori Servizi di Pagamento ...

Mifid 2: la ricetta per il “mal di margine”

Come affrontare al meglio la contrazione dei margini generata dalla direttiva? Se ne è parlato al ...