Credem batte le attese nel semestre, coperte scadenze bond 2011

A
A
A

Il Credito Emiliano ha chiuso il primo semestre 2011 con un utile netto consolidato a 53,8 milioni di euro (+0,7%), un utile ante imposte di 120,7 milioni (+27,9%) e un core Tier 1 all’8,76%

di Redazione31 agosto 2011 | 08:31

Risultati semestrali in crescita e sopra le aspettative degli analisti per il Credito Emiliano, che ha chiuso il primo semestre 2011 con un utile netto consolidato a 53,8 milioni di euro (+0,7%), un utile ante imposte di 120,7 milioni (+27,9%), un core Tier 1 all’8,76% e un total capital ratio all’11,57%.

Gli impieghi verso la clientela sono saliti del 9,6% a 19.543 milioni, il costo del credito annualizzato si è attestato a 0,20%, le sofferenze nette su impieghi all’1,2% e le rettifiche nette su crediti sono scese del -34%. La raccolta da clientela a fine giugno è risultata invece pari a 56.283 milioni, rispetto ai 57.506 dello stesso periodo 2010 (-2,1%).

Ma per il secondo semestre la banca prevede una battuta d’arresto dell’attività di funding dopo le emissioni effettuate nella prima parte dell’anno che hanno coperto le scadenze per tutto il 2011. “Nel corso del primo semestre abbiamo accelerato im modo significativo l’attività di emissione di obbligazioni retail con l’obiettivo di stabilizzare ulteriormente la raccolta e di mettere in sicurezza il nostro piano di funding”, ha spiegato Bizzocchi, direttore generale Credem.

Nei primi sei mesi l’istituto emiliano ha emesso nuove obbligazioni per oltre 1,3 miliardi, pari a circa due volte le scadenze di bond istituzionali e retail per tutto il 2011. Per il 2012 la banca ha scadenze per 1,65 miliardi circa. “Nel secondo semestre prevediamo qualche emissione ma certamente non ci sarà l’attività del primo semestre a meno che non si apriranno delle finestre con condizioni così convenienti da farci anticipare i piani”, ha detto il manager. “Abbiamo un covered bond pronto ma se guardo alla nostra situazione di liquidità e ai prezzi che ci sono sul mercato in questo momento, anticipare delle emissioni non mi sembra saggio”, ha quindi spiegato.

I conti sono stati positivi secondo gli analisti di Intermonte, che hanno alzato le stime del 16% sul 2011 e del 7% sul 2012 per tener conto di una maggiore contribuzione soprattutto delle commissioni e del margine d’interesse. “Rafforziamo la nostra visione positiva sul titolo”, hanno spiegato gli esperti, che per fine anno si attendono una cedola di 15 centesimi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Assosim, Academy (centro di formazione del London Stock Exchange Group) e Ascosim presentano un cors ...

La corsa di Fideuram ISPB, B. Mediolanum insegue

Tutte e 12 le star del ranking Assoreti registrano a luglio una raccolta netta positiva. Le prime 5 ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i fondi

a risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei trust, era quella contraddistinta da ...