Banche giù a colpi di downgrade

A
A
A

La ripresa? Può venire solo da decisioni di politica economica, non dall’immissione di moneta. Intanto è fuggi fuggi dal comparto bancario

di Redazione29 settembre 2011 | 09:11

Alla fine è arrivata. Era scontata ma finché non fosse stata ufficiale tutti mantenevano, in modo irrazionale, la speranza di cavarsela in qualche modo. La legnata (il downgrade per sette banche e l’outlook negativo per altre otto) non è stata isolata e neppure sarà l’ultima. E altri non stanno meglio di noi. Persino la Cina ha preso qualche misura di sicurezza sospendendo le negoziazioni in cambi con alcune banche francesi. Spesso si dice: mal comune mezzo gaudio ma in realtà i guai dell’uno non rasserenano l’altro. Al contrario, tutti temono un effetto contagio e ognuno si rifugia nel proprio guscio in attesa che si sviluppino eventi positivi. Quali, non si sa. In breve le banche non si prestano e non chiedono soldi tra loro e questo prosciuga il mercato interbancario e di fatto la liquidità del sistema, con la nefasta conseguenza che non si finanziano le imprese industriali e commerciali. Da qui alla recessione e anche peggio il passo è breve, anzi forse non c’è neppure bisogno di un passo: ci siamo già.

A nulla sono valsi i vari quantitative easing e twist della Fed e neppure i contestati acquisti di titoli di stati in difficoltà da parte della Bce. Tutti i quattrini immessi nel sistema non sono entrati nel circuito economico, ma sono rimasti in quello finanziario o peggio hanno solo colmato i buchi di qualche banca. A questo punto, anziché piangere come tanti scolaretti e nascondersi tra le gonne di mamma “Angela”, che non pare poi così tenera, è indispensabile affrontare il problema e cercare di risolverlo. Basta mugugni, improperi, battute contro speculatori e società di rating. Fanno il loro mestiere e forse sono ancora troppo tenere. Gli outlook negativi preludono ad altrettanti declassamenti. Chi di dovere affronti la situazione. Purtroppo, tralasciando i politici, gli amministratori e dirigenti delle banche non sempre appaiono in grado di affrontare una crisi così profonda. Palesemente non ne sono all’altezza. Se lo fossero stati, il declassamento delle banche dopo quello dell’Italia non sarebbe stato così automatico.

Anzi, S&P avrebbe dovuto declassare prima le banche e poi la repubblica italiana. Basti pensare al forte impegno del governatore uscente Draghi per applicare in anticipo i parametri patrimoniali di Basilea 3. Evidentemente teme che sia necessaria una forte patrimonializzazione delle banche per sopportare le perdite su crediti e titoli in arrivo. Il mercato è ancora più drastico e preoccupato: quando si quota, e di parecchio, al di sotto dei mezzi propri e dei valori di libro, significa semplicemente che gli operatori valutano gli asset della banca divorati dalle perdite in arrivo. Inutile perdere tempo a meravigliarsi o a criticare gli operatori. Nessun analista serio consiglia oggi di investire nel comparto bancario, anche se i titoli appaiono sottovalutati. Che fare dunque? Forse un qualche ricambio ai vertici delle banche non sarebbe male. Sarebbe anche bene cessare le battaglie di bandiera o d’orgoglio (sempre un pessimo consigliere). Non c’è alcun bisogno di difendere le quotazioni dell’euro.

Se scendesse a 1,20 o anche alla parità col dollaro, sarebbe solo un grande vantaggio per le esportazioni dell’Europa, dalle nostre a quelle della Germania, ma anche per la Grecia sarebbe un sollievo. Già, la Grecia. Ormai è quasi unanime il giudizio che non si possa salvare, anzi il suo salvataggio rischia di mettere in crisi la stessa Unione Europea. Meglio allora fare buon viso a cattiva sorte e studiare una soluzione praticabile, con dolori e sacrifici, ma concreta, quali un mini default, una dilazione dei pagamenti, qualche intervento che consenta di allungare il brodo nell’amaro calice senza distruggere l’economia ellenica e quella europea. Anche le banche centrali (Fed e Bce) dovrebbero limitare i loro interventi di politica monetaria, ormai la ripresa può venire solo da decisioni di politica economica e non dall’immissione di moneta nel sistema. Intervenga, appunto, chi di dovere.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Approvato l'emendamento in base al quale la Consob deve adottare le delibere per il passaggio delle ...

Sorpresa: anche i millennials preferiscono i cf in carne e ossa

Il 70% dei millennials preferisce discutere le proprie scelte di investimento con un consulente fina ...

Eurovita Assicurazioni, accordo con Banca popolare del Frusinate

L’intesa prevede la commercializzazione di prodotti assicurativi – polizze multiramo “ramo 1 ...