Terremoto in Finanza & Futuro

A
A
A

Dopo 30 anni la banca rischia di “sparire” accorpata in Deutsche Bank spa. Fusione in vista anche per Db Consorzio.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino5 maggio 2017 | 09:20

Terremoto nell’industria della consulenza finanziaria italiana: Finanza & Futuro Banca, la rete di cf e private banker che ha appena compiuto 30 anni di vita ed è tra i protagonisti del mercato, controllata da Deutsche Bank spa, rischia di “sparire”. Secondo quanto risulta a bluerating.com, infatti, recentemente alcuni top manager di Deutsche Bank spa, guidata da Flavio Valeri, hanno comunicato ai sindacati che è allo studio la fusione per incorporazione di F&F Banca nella controllante, assieme a quella di Db Consorzio e “per effetto di ciò si determinerà l’accorpamento di tutte e due le citate società in una sola legal entity”.

Fonti di Deutsche Bank spa specificano che per quanto riguarda la strategia delle società controllate non sono previsti cambiamenti significati nel breve termine, ma che comunque è allo studio un’ipotesi di razionalizzazione societaria, che ha lo scopo di valorizzarle e di incrementare l’efficienza delle stesse. Recentemente, e forse non a caso, F&F Banca ha visto un passo indietro dell’a.d. Armando Escalona nominato vicepresidente e sostituito da Dario Di Muro (vedi qui la notizia).

L’accorpamento di F&F Banca e Db Consorzio tramite nella controllante non è l’unica misura di razionalizzazione allo studio in Deutsche Bank spa, e oggetto di trattativa sindacale conclusasi ieri sera, che prevede anche 71 esuberi da ora fino al prossimo novembre, accorpando 13 sportelli con sportelli limitrofi. In cifre la questione riguarda solo l’1,5% della forza lavoro (71 su 4.000) e solo su base volontaria e 13 sportelli sui 650 esistenti. Entrambe le misure, percentualmente di gran lunga inferiori a quelle adottate da altre banche, sono generate da un nuovo orientamento dei clienti che riguarda tutto il settore: un approccio ai servizi bancari sempre più fai-da-te e digitale.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn474Email this to someonePrint this page

1 commento

  • Antonello Serpi says:

    Buonasera,
    sono un consulente finanziario della struttura in oggetto.
    Con tutto il rispetto, beh non parlerei tanto di “terremoto”, quanto piuttosto di una buona “riorganizzazione aziendale” tendente ad una maggiore efficienza sul mercato, a beneficio innanzi tutto della clientela…sempre che si concretizzasse quanto descritto.
    Grazie

ARTICOLI CORRELATI

Addio a Enzo Escalona, padre nobile della professione

Finanza & Futuro, boom di clienti

Finanza & Futuro, staffetta al vertice

Ti può anche interessare

Documenti falsi, sospeso un cf ex di Sanpaolo Invest

Le presunte irregolarità sono però limitate a un solo cliente ...

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Il titolo offre un tasso fisso annuo attorno all'1,5% ...

Credem, terremoto nella rete

Quattro grandi portafoglisti lasciano la banca dopo la sostituzione del direttore commerciale Duccio ...