La battaglia dei tassi continua. I conti deposito di chi punta sull’online

A
A
A

la battaglia dei conti correnti sembra a un punto di stasi, con un livello ormai appiattitosi attorno al 4,25% annuo lordo per le proposte migliori.

di Redazione29 novembre 2011 | 10:26

Nonostante sia a molti evidente che l’incerta gestione della crisi del debito sovrano sta facendo rapidamente evaporare la liquidità tanto attentamente creata e mantenuta dalla Banca centrale europea sui mercati europei, con continue vendite di titoli di stato da parte delle più importanti banche e assicurazioni del vecchio continente (e non solo, visto che Fitch Ratings ha stimato in almeno 50 miliardi di euro l’esposizione delle sole prime sei banche americane nei confronti di titoli di Stato europei “a rischio” e che non c’è ragione di dubitare che anche quelle posizioni verranno ridotte se sui mercati non tornerà un minimo di fiducia nelle sorti dell’euro e dell’eurozona), la battaglia dei conti correnti che da mesi coinvolge anche gli intermediari italiani e dunque anche le banche dirette e le reti di promotori finanziari operanti nel Belpaese sembra a un punto di stasi, con un livello ormai appiattitosi attorno al 4,25% annuo lordo per le proposte migliori.

Sul tale livello troviamo infatti non solo il conto deposito “Super Cash” di Fineco (offerto fino al 30 novembre esclusivamente a nuovi clienti o per nuova liquidità), che peraltro prevede anche una serie di scadenze intermedie (a 3 mesi, con un tasso lordo del 2,50%, a 6 mesi, al 3% lordo, o a 18 mesi, al 4,30% lordo), ma anche il conto deposito InMediolanum (che, accanto al 4,25% lordo sui 12 mesi, propone il 2,65% lordo sui depositi a 3 mesi e il 3,15% lordo su quelli 6 mesi), mentre appena al di sotto si trova Conto Arancio che offre il 4,20% sui 12 mesi. Appena meno elevata le remunerazione proposte da CheBanca! (gruppo Mediobanca), al 4% sulle somme depositate per un anno (in questo caso le alternative sono un conto base all’1% lordo, un conto deposito a 3 mesi al 3% lordo o uno a 6 mesi al 3,50% lordo), mentre IWBank (gruppo Ubi Banca) per la clientela privata propone due alternative: o IWPower Deposito Special 3%, che offre un rendimento del 3% lordo per i depositi a vista, senza limiti di durata né limiti minimi di giacenza, per nuovi clienti o nuova liquidità sino al 30 aprile del prossimo anno (per le somme che non siano computabili come “nuova liquidità” la remunerazione scende all’1% lordo annuo) o IWPower Special Dodici+Sei, con cui si può ottenere un 4,30% lordo annuo per le somme in deposito per i primi 12 mesi (fino al 30 novembre del prossimo anno) e del 4,45% lordo annuo per le somme mantenute in deposito per i 6 mesi successivi, pari ad un rendimento medio del 4,35% sulle somme in deposito per 18 mesi. Nel frattempo non sarà sfuggito a nessuno che l’ultima asta di Bot a dodici mesi a fronte di una domanda par 9,947 miliardi di euro ha assegnato 5 miliardi di euro di Bot scadenza 15-11-2011 ad un rendimento medio ponderato pari al 6,087%. Per gli investitori (intermediari finanziari o loro clienti che siano) che sono riusciti ad accaparrarsi il titolo sembra un rendimento decisamente più allettante, anche se un giudizio definitivo si potrà dare solo tra qualche mese, in base agli esiti dell’attuale crisi del debito sovrano.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Emil Banca, è nata la seconda bcc italiana

Con l'incorporazione del Banco Cooperativo Emiliano si è creato un nuovo istituto con 7,3 miliardi ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’abuso di informazioni privilegiate

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei titoli asset backed, era quella con ...

Società abusive, anche un clone di BlackRock segnalato dalla Consob

L’authority mette in guardia da una serie di indirizzi web e fantomatiche imprese d’investimento ...