B. Euromobiliare, tutto quello che serve sapere per capire i numeri del gruppo

A
A
A

Nonostante i tempi difficili, la società ha continuato il suo reclutamento

di Redazione30 gennaio 2012 | 10:19

Non riportando più i dati ad Assoreti è difficile per Banca Euromobiliare avere fotografie precise dell’andamento della società in termini reddituali e patrimoniali, oltre che di raccolta netta. Un modo per aggirare l’ostacolo consiste nell’andare a scorrere le relazioni trimestrali della capogruppo Credito Emiliano. L’ultima disponibile al momento è quella riferita al 30 settembre scorso, quando il patrimonio complessivo della clientela di Banca Euromobiliare era pari a 7 miliardi di euro, in calo rispetto a fine dicembre 2010 di circa 600 milioni di euro (-8%), sia per il calo dei mercati (che ha pesato per circa 500 milioni di euro) sia per la raccolta netta che è risultata negativa per un centinaio di milioni nei primi nove mesi dell’anno. Attenzione però, il dato è riferito all’intero gruppo Banca Euromobiliare e dunque sia al canale promotori finanziari, che fa capo a Stefano Bisi, sia ad un centinaio di private banker dipendenti, coordinati da Paolo Magnani.

Sulla base di tali dati non è dunque possibile fare stime precise su indicatori quali promotori/patrimonio, promotori/raccolta o promotori/ utile, proprio perché i dati si riferiscono al risultato complessivo di gruppo e si finirebbe con l’estrapolare numeri medi rispetto a due canali contraddistinti da numeri tra loro abbastanza differenti e non omogenei. Fatta questa doverosa precisazione, la relazione trimestrale dei primi nove mesi del 2010 del gruppo Credito Emiliano precisa che per l’intera Banca Euromobiliare l’incidenza del patrimonio gestito era rimasta sostanzialmente stabile rispetto a fine 2010” (70% rispetto ad un 30% di amministrato, ovvero 4.545 milioni di euro contro 1.916 milioni), “nonostante la diminuzione registrata in valore assoluto (circa 450 milioni di euro)”, imputabile “in primis, all’effetto mercato e, in secondo luogo, alla raccolta netta gestita negativa (135 milioni di euro), che, similmente alla raccolta netta complessiva, è stata influenzata dall’uscita dalla struttura di numerose risorse commerciali, in accordo a quanto previsto dal piano strategico e dal budget”.

In sostanza Banca Euromobiliare nel corso del 2010 ha da un lato reclutato nuove risorse e quindi rafforzato il patrimonio sotto gestione, dall’altro ha proseguito nelle azioni di “demarketing” eliminando quei promotori e banker il cui profilo non risultavano più in linea con gli obiettivi aziendali. Nel complesso le azioni intraprese dal management sembrano aver dato i loro frutti visto che il risultato lordo di gestione di Banca Euromobiliare nel suo complesso a fine settembre era in crescita a 2,8 milioni di euro (l’1,1% del risultato lordo di gruppo), circa 100mila euro in più di un anno prima, mentre l’utile di esercizio sino a quel momento raggiunto era pari a 1,3 milioni di euro, di cui 1 milione conteggiato come apporto all’utile consolidato del gruppo Credem (in questo caso circa 100mila euro meno dell’apporto fornito dodici mesi prima).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Ti può anche interessare

Banco Bpm mette in vendita 750 milioni di npl

Secondo il quotidiano Mf, il neonato gruppo bancario sta vendendo sul mercato un cospicuo pacchetto ...

Banche, allarme per altre tre casse in crisi

Alla lista delle banche in crisi potrebbero aggiungersi CariCesena, Cassa di Risparmio di Rimini e C ...

Mps, confermati Morelli e Falciai

Il Tesoro, azionista di maggioranza della banca toscana, ha presentato la sua lista di consiglieri. ...