Bufi (Anasf): “La fedeltà alla mandante è un bene. Ecco perché”

A
A
A

Il presidente di Anasf Maurizio Bufi, premiatore della categoria High Fidelity dei Bluerating Awards, spiega il suo punto di vista sulla fedeltà di lungo periodo del cf a una mandante.

Marco Muffato di Marco Muffato15 maggio 2017 | 12:12

Il presidente Anasf Maurizio Bufi (nella foto) sarà il premiatore della categoria High Fidelity (che riguarda i consulenti finanziari con più di 20 anni di attività per la stessa mandante) nella prima edizione dei Bluerating Awards giovedì prossimo 18 maggio a Rimini. Nessuno meglio di lui poteva farlo proprio per la sua militanza storica sotto la bandiera di Sanpaolo Invest che dura da 30 anni.

 Bufi, quest’anno festeggia i trent’anni con la stessa società (Sanpaolo Invest, n.d.r). Qual è il segreto della longevità nella relazione con la mandante?

Il segreto è nell’aver scelto all’epoca uno dei più importanti player del settore e che tale è rimasto. E se ciò è accaduto lo si deve a tutti coloro che hanno creduto in quella società contribuendone a crearne e consolidarne Maurizio Bufil’immagine negli anni. La premessa è che gli scenari professionali hanno bisogno di tempo, respiro e risorse per essere costruiti e attuati, dunque la scelta della società mandante è fondamentale da parte del consulente. Nel mio caso la società per la quale ho lavorato nel tempo mi ha confermato e garantito un impegno costante per svolgere meglio la professione con le dovute risorse e conseguentemente non ho mai avvertito la necessità di cambiare. È evidente che in altri casi e nell’arco della vita lavorativa si possono ovviamente creare le condizioni per un cambio di società perché si vanno a migliorare le proprie condizioni professionali e si ha possibilità di servire meglio il cliente.

Perché è a suo giudizio è un valore la fedeltà di lungo periodo verso una azienda? E’ più etico rimanere o cambiare società?

La fedeltà e la permanenza presso uno stesso operatore è un indice di stabilità e di prospettiva, di garanzia e di fiducia. Detto questo non scomoderei il concetto dell’etica collegandolo al tema della fedeltà oppure a quello del cambiamento di società. I principi etici dovrebbero sempre influenzare le scelte dei singoli, il resto lo fa la dinamica di mercato. Certo è che se il cambio è frequente qualche dubbio mi viene, perché potrebbe essere determinato solo da valutazioni di convenienza propria. L’importante però è avere a disposizione un mercato dove le persone possano spostarsi liberamente in società concorrenti per migliorare la propria situazione professionale e comunque sempre nell’interesse dei clienti.

 Che pensa dell’idea di Bluerating di premiare la fedeltà di lungo termine del consulente finanziario?

Non posso che convenire rispetto a questa iniziativa. Da interprete diretto della fedeltà a una mandante, della continuità del lavoro svolto, la apprezzo moltissimo. La fedeltà è un valore importante non solo per il rapporto con la clientela ma anche per quel patrimonio preziosissimo con i colleghi fatto di condivisione di vedute e di valori nel tempo.

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

ConsulenTia 2017, ecco il programma

Esma e Mifid 2, guarda il videoconfronto tra consulenti e commercialisti

Anasf, anno da record per il progetto Economic@mente

Rinnovo dei consiglieri, i congressi territoriali Anasf si preparano al voto

ConsulenTia 2017, ecco come iscriversi

Inps ed Enasarco, le scadenze per pagare i contributi

Anasf, cresce il progetto Economic@mente

Mifid 2, la rivoluzione prossima ventura

Bufi (Anasf): “Esma, buon compromesso”

Mifid II, ovvero il crash test della consulenza finanziaria

Tutte le priorità del consulente, la risposta Anasf al forum europeo

Giannini Guazzugli (Anasf): “Più spazio ai prodotti socialmente responsabili”

ConsulenTia 2017, l’invito di Bufi a Torino

Anasf Real Trend: tecnologia in crescita ma niente batte il contatto umano

ConsulenTia 2017 fa il bis a Torino

Bufi (Anasf): “Chiediamo più autonomia per l’Ocf”

Anasf, una borsa di studio per i giovani cf

Giannini Guazzugli (Anasf): “Togliete l’irap ai piccoli cf”

Bail-in, per l’Anasf le regole vanno riviste

Bufi (Anasf): Vanguard in Italia? Gestori attivi devono fare meglio

ConsulenTia17/Bufi (Anasf): “Reti, è un limite puntare solo sulla consulenza non indipendente”

ConsulenTia 2017 al via, ecco il programma dei lavori

Bufi (Anasf): “L’evoluzione tecnologica deve essere un’opportunità”

Consulentia 2017 -6, si avvicina la kermesse di Roma

Consulenti finanziari, Mei cresce in Enasarco

Diligenza sui prodotti? Non tocca solo al consulente

Enasarco, tutti i numeri dei consulenti iscritti

Consulenti, cosa cambia con la Mifid 2 secondo Anasf

Consulenti, cosa cambia con la Mifid 2 secondo Anasf

Anasf, staffetta tra Conti Nibali e Cesario

Anasf, compromesso sul filo di lana

Anasf, caldissimo Consiglio nazionale

Ocf nomina Conti Nibali vice presidente

Ti può anche interessare

Banche online, Intesa in testa alla classifica

Nella classifica BEM Research l’istituto guidato da Carlo Messina è seguito da Unicredit che migl ...

Deutsche Bank, patteggiamento vicino con le autorità Usa

Il patteggiamento, secondo le fonti, dovrebbe arrivare a una cifra ben inferiore ai 14 miliardi di d ...

Al convegno Anpib i protagonisti del private banking

Si è svolto oggi a Roma il convegno di Anpib dal titolo "Le tre sfide della Consulenza: Competenze, ...