Pf, i più grandi dominano in provincia

A
A
A

Si conclude il viaggio di BLUERATING tra le varie strutture a livello locale

di Redazione27 febbraio 2012 | 09:17

Un viaggio lungo otto mesi. Era metà giugno quando BLUERATING iniziava un “giro d’Italia” virtuale che l’ha portato a raccontare le maggiori reti di promozione finanziaria viste a livello locale: prima con uno sguardo regione per regione, poi con un focus rivolto alle principali città italiane. È stato un viaggio lungo, ricco di spunti e di scoperte. Adesso è giunto il momento di trarre qualche conclusione che consenta una lettura d’insieme di quanto emerso dalle nostre analisi. La prima constatazione, forse ovvia per gli addetti ai lavori, è che anche all’alba del ventunesimo secolo l’Italia resta un Paese (e un mercato) tutt’altro che omogeneo.

I 54.358 promotori finanziari iscritti all’Albo (di cui 20.148 privi di un mandato e 34.210 pienamente operativi secondo gli ultimi dati che emergono dalla lettura dell’Albo stesso) equivalgono sulla carta a un promotore (attivo) ogni circa 1.770-1.800 residenti italiani, un bacino di potenziali clienti davvero molto vasto anche volendo eliminare ragazzi e anziani. Ma la realtà è molto differente. Nelle regioni e nelle grandi città del nord (Lombardia e Milano in primis), ma anche del centro (Lazio e Roma certamente, ma pure le Marche), ogni promotore ha potenzialmente a disposizione un numero inferiore di potenziali clienti, di reddito peraltro mediamente più elevato del dato generale italiano. L’opposto accade in provincia e nel Mezzogiorno, dove il numero di promotori si fa più esiguo in rapporto alla popolazione locale. Un problema che solo in parte sembra legarsi al differente quadro economico in termini di patrimoni e di flussi reddituali.

In questo senso, anzi, le statistiche della Banca d’Italia mostrano economie regionali che, pur riflettendo situazioni storiche molto differenti tra loro, stanno sostanzialmente rispondendo in maniera univoca agli impulsi esterni – positivi o negativi che siano – e si avvia dunque sia pure lentamente verso una maggiore uniformità. In parte, comunque, pare dipendere dalla diversa cultura e dalla vocazione economica dei territori. Da quanto emerso, sembrerebbe anche che tra le varie reti esistano approcci differenti per quanto riguarda la dislocazione delle forze in campo: le reti maggiori, specie se apparentate a un gruppo bancario, tendono a essere più omogeneamente distribuite sull’intero territorio nazionale, senza mostrare una particolare predilezione per le grandi città capoluogo di regione (o per lo meno non mostrano tale predilezione i loro promotori finanziari, a livello di residenza).

Per le reti di dimensioni minori, l’espansione territoriale avviene attraverso un processo di crescita quasi sempre per vie esterne, con l’ingresso di nuovi professionisti cui viene dato l’incarico di curare un territorio in cui la mandante non era presente in precedenza. In questi casi, molto spesso si nota una presenza più numerosa di promotori finanziari nelle grandi città, probabilmente perché è più facile coprire i costi fissi e variabili legati all’apertura di un nuovo ufficio laddove i volumi di attività sono potenzialmente più elevati o dove non occorre disperdere le forze in una dispendiosa operatività a contatto con una clientela più dislocata sul territorio. Confrontando i dati emersi tra giugno e ottobre (quando abbiamo aggregato gli stessi su base regionale) con quelli registrati tra novembre e febbraio (quando siamo tornati a elaborarli sulla base delle singole province), emerge come continui il calo di iscritti all’Albo dei promotori finanziari (nonostante l’ingresso di forze fresche non manchi), in modo sostanzialmente omogeneo tra pf con mandato e pf senza mandato ma con accenti più o meno rilevanti a seconda delle regioni e delle singole città esaminate.

Quanto alle reti che fanno capo a intermediari finanziari esteri, solitamente la distribuzione dei promotori finanziari è ancora più contratta sia a livello territoriale sia per segmento di mercato: chi sfoggia un biglietto da visita di qualche importante gruppo internazionale, sia esso un “supermarket finanziario” o una “boutique”, di solito opera nelle aree Nielsen 1 e 2 (quindi nord ovest e nord est d’Italia) o al limite nell’area 3 (centro), concentrando la propria presenza nei capoluoghi di regione. Sono naturalmente possibili le eccezioni, anche perché nulla vieta a un banker che risiede a Milano, Roma o Trieste di curare attentamente gli interessi magari di un piccolo imprenditore le cui attività sono localizzate in provincia. La sensazione, però, è che per un operatore estero l’Italia resti un mercato interessante nel quale tuttavia selezionare solo le situazioni potenzialmente più redditizie, senza per questo dovere o volere effettuare investimenti estesi sull’intero territorio nazionale.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Meno sofferenze per le banche italiane

Secondo il rapporto di previsione Afo diffuso dall’ufficio studi Abi, le sofferenze nette si ridur ...

Allianz tratta per espandersi in Australia

Secondo quanto riporta l'agenzia Reuters, sono in corso negoziati per acquisire la compagnia Qbe Ins ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i prodotti etici e socialmente responsabili

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei Btp, era quella contraddistinta dal ...