Mps, la Fondazione è pronta a cedere il 15% della sua quota

A
A
A

Oggi la deputazione amministratrice dell’Ente presieduto da Gabriello Mancini dovrebbe dare il via libera all’operazione e procedere con…

di Redazione28 febbraio 2012 | 08:58

Fondazione Mps è pronta a scendere al 35% di Banca Mps, vendendo fino al 15% della propria quota, per tamponare il debito da oltre un miliardo di euro che grava sull’istituto di credito senese. L’ente presieduto da Gabriello Mancini sarebbe infatti alla stretta finale con le banche creditrici, tra cui Mediobanca, UniCredit e Intesa SanPaolo. Il ricavato della dismissione dovrebbe essere depositato in un conto a garanzia dei creditori. Dopo che ieri i banchieri di JpMorgan hanno avviato la raccolta del consenso all’interno del pool di creditori, oggi la deputazione amministratrice dell’Ente presieduto da Gabriello Mancini dovrebbe dare il via libera all’operazione e procedere con la richiesta di autorizzazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Con questa mossa, spiega l’agenzia di stampa Ansa, la Fondazione dovrebbe ottenere una proroga all’accordo di standstill che scade il 15 marzo e una diluizione delle rate in cambio di un parziale rimborso del debito. Tra gli interessati all’acquisto della quota ci sono la società d’investimento Equinox (Salvatore Mancuso) e il fondo Clessidra (Claudio Sposito), che hanno manifestato la volontà di comprare il pacchetto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Ti può anche interessare

Tofanelli (Assoreti e Ocf): “Il 30 bis? Vigilanza più difficile ma nei tempi giusti”

Il segretario generale di Assoreti e vice presidente Ocf commenta l’introduzione dell’articolo 3 ...

Banca Generali, la raccolta supera i 4 miliardi

La società guidata da Gian Maria Mossa ha registrato nel mese scorso flussi positivi per 481 milion ...

IMI Investimenti si fonde in Intesa Sanpaolo

La società di venture capital viene incorporata nalla capogruppo ...