Fintech una minaccia per il wealth management? Parola agli esperti

A
A
A

Clelia Maria Tosi, ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook.

di Redazione19 maggio 2017 | 10:59

Nell’ambito del convegno di apertura di ITForum 2017 (qui tutti i dettagli sui temi e sulle riflessioni emerse), fintechClelia Maria Tosi (nella foto), ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook, che ha selezionato le start-up Fintech italiane operanti negli ambiti maggiormente a rischio per le banche – ovvero quello relativo ai pagamenti e al wealth management – per verificarne il grado di integrabilità con il business delle istituzioni finanziarie tradizionali.

Per fare ciò, CeTIF – in collaborazione con IBM in qualità di partner tecnologico – ha selezionato e valutato un panel di un centinaio di Fintech in early stage per poi introdurle a banche o compagnie assicurative. Il campione è stato analizzato con un modello strutturato che consente di selezionare modelli di business in funzione di valutazioni di mercato, sostenibilità nel lungo periodo e tecnologia.

Scopri i primi risultati del Fintech Lighthouse Outlook.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti può anche interessare

Scure della Consob: tre radiazioni e una sospensione

Provvedimenti sanzionatori dell'authority ai danni di ben 4 consulenti di varie regioni d'Italia. ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le fideiussioni

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei contratti, era quella contraddistin ...

Banche venete, Viola vuole i soldi dello Stato

L'a.d. di Popolare Vicenza e presidente del comitato strategico di Veneto Banca ritiene probabile u ...