Fintech una minaccia per il wealth management? Parola agli esperti

A
A
A

Clelia Maria Tosi, ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook.

di Redazione19 maggio 2017 | 10:59

Nell’ambito del convegno di apertura di ITForum 2017 (qui tutti i dettagli sui temi e sulle riflessioni emerse), fintechClelia Maria Tosi (nella foto), ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook, che ha selezionato le start-up Fintech italiane operanti negli ambiti maggiormente a rischio per le banche – ovvero quello relativo ai pagamenti e al wealth management – per verificarne il grado di integrabilità con il business delle istituzioni finanziarie tradizionali.

Per fare ciò, CeTIF – in collaborazione con IBM in qualità di partner tecnologico – ha selezionato e valutato un panel di un centinaio di Fintech in early stage per poi introdurle a banche o compagnie assicurative. Il campione è stato analizzato con un modello strutturato che consente di selezionare modelli di business in funzione di valutazioni di mercato, sostenibilità nel lungo periodo e tecnologia.

Scopri i primi risultati del Fintech Lighthouse Outlook.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arriva il primo Master in Digital Innovation e Fintech: ecco tutto quello che c’è da sapere

Al via il Fintech Lighthouse. I primi risultati all’ITForum 2017

Ti può anche interessare

Bcc a una svolta, dite la vostra sulla nuova vigilanza

"Le disposizioni", spiega Bankitalia, "preservano i caratteri di mutualità e localismo tipici di qu ...

Banche popolari, crescono a luglio impieghi e depositi

A luglio, gli impieghi delle banche popolari sono aumentati dell’1,5% rispetto a dodici mesi prima ...

Germania, 800 banche a rischio

Secondo quanto riporta il quotidiano Mf, molti piccoli istituti di credito tedeschi sono vulnerabil ...