Fintech una minaccia per il wealth management? Parola agli esperti

A
A
A

Clelia Maria Tosi, ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook.

di Redazione19 maggio 2017 | 10:59

Nell’ambito del convegno di apertura di ITForum 2017 (qui tutti i dettagli sui temi e sulle riflessioni emerse), fintechClelia Maria Tosi (nella foto), ricercatrice CeTIF Università Cattolica, ha illustrato la prima fase del progetto Fintech Lighthouse Outlook, che ha selezionato le start-up Fintech italiane operanti negli ambiti maggiormente a rischio per le banche – ovvero quello relativo ai pagamenti e al wealth management – per verificarne il grado di integrabilità con il business delle istituzioni finanziarie tradizionali.

Per fare ciò, CeTIF – in collaborazione con IBM in qualità di partner tecnologico – ha selezionato e valutato un panel di un centinaio di Fintech in early stage per poi introdurle a banche o compagnie assicurative. Il campione è stato analizzato con un modello strutturato che consente di selezionare modelli di business in funzione di valutazioni di mercato, sostenibilità nel lungo periodo e tecnologia.

Scopri i primi risultati del Fintech Lighthouse Outlook.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Cinque pretendenti per Pioneer

Oggi è l’ultimo giorno per presentare le offerte per l’acquisizione della sgr controllata da Un ...

UniCredit, avanzano le trattative per la cessione di Pekao

Continuano i negoziati tra l’istituto guidato da Jean Pierre Mustier e i gruppi polacchi Pap e Pzu ...

Consob, sospeso altro consulente per i prodotti di Lux Finance

Provvedimento dell'authority ai danni di un professionista originario dell'Abruzzo. ...