Banche Venete a rischio bail-in

A
A
A

L’Unione Europea ha respinto la richiesta di Popolare Vicenza e Veneto Banca di imporre una ricapitalizzazione con soldi privati. Messina (Intesa Sanpaolo): “Ipotesi inaccettabile chiedere altri soldi al sistema bancario”.

Andrea Telara di Andrea Telara25 maggio 2017 | 09:53

IMPASSE A BRUXELLES- Si complica la situazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e aleggia lo spettro di un bail-in, la procedura di “fallimento pilotato” secondo le nuove regole Ue. L’Unione Europea chiede da tempo una ricapitalizzazione dei due istituti con soldi privati , come premessa per dare via a una successiva (e più sostanziosa) ricapitalizzazione con soldi pubblici. I vertici delle Banche Venete si sono recati ieri in missione a Bruxelles, accompagnati dal Tesoro, per chiedere alll’Ue di ammorbidire questa richiesta. Le autorità comunitarie, secondo quanto riporta l’agenzia Reuters che cita fonti di Bruxelles, sono però rimaste inamovibili e hanno detto no alle richieste italiane. Dunque, la strada per trovare i 6,4 miliardi  di euro di capitali necessari a salvare entrambe gli istituti (prossimi alla fusione) è ora tutta in salita. Il salvataggio prevede già un contributo di capitali privati costituito dall’anticipo  versato da Atlante e dalla conversione di bond subordinati. L’ipotesi che circola da giorni è che ci sia un intervento dell’Fitd, il fondo interbancario di tutela dei depositi che è finanziato da tutti gli istituti di credito italiani (e quindi fornirebbe capitali classificabili come privati). L’ipotesi di un nuovo intervento di sistema vede contrarie molte banche. Ieri, per esempio, è arrivata una doccia fredda da Carlo Messina, amministratore delegati di Intesa Sanpaolo, che ha definito “inaccettabile” chiedere altri soldi ai privati.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn41Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche venete, Intesa Sanpaolo firma accordo con i sindacati

Banche venete, resta aperto il dossier Arca

Popolari venete, è il giorno decisivo

Ti può anche interessare

Bim, approvato il piano industriale al 2020

Il piano è stato predisposto secondo una logica ’stand alone’, cioè con un nuovo azionista che ...

Il faro della Consob sull’investimento in diamanti

L'authority ha avviato approfondimenti in collaborazione con l'Antitrust e Bankitalia. ...

CariFe, in arrivo l’offerta di Bper

PROPOSTA IN CANTIERE – La Banca Popolare dell’Emilia Romagna (Bper) è in procinto di presen ...