La lunga strada dello statuto dei lavoratori autonomi

A
A
A

L’ipotesi non è nuova: era già presente in un disegno di legge Treu

di Redazione30 aprile 2012 | 08:18

L’ipotesi di arrivare a uno statuto dei lavoratori autonomi non è nuova: al Senato è già presente un disegno di legge che vede come primo firmatario il senatore Tiziano Treu, già ministro del Lavoro nel governo Dini e nel primo governo Prodi, nonché autore del “pacchetto Treu” da cui prese origine la legge 196/97 che ha introdotto in Italia il lavoro interinale e altre forme contrattuali di lavoro atipico.

Secondo l’analisi di Treu i lavori autonomi hanno “un grande potenziale di sviluppo, essi hanno tuttavia bisogno di peculiari forme di sostegno a fronte delle grandi trasformazioni del contesto produttivo e delle criticità che li riguardano”. Il disegno di legge che propone Treu si propone di individuare “un insieme di princıpi e di regole essenziali che non annulla le specificità delle singole categorie, ma definisce un denominatore di tutele e di incentivi rispondente alle esigenze comuni di questi soggetti, che è il riconoscimento e la valorizzazione del loro lavoro”.

Tra questi interventi il testo depositato al Senato prevede ad esempio interventi che favoriscano la ricerca di una “competitività basata sulla qualità e sulla stabilità del lavoro e non sulla sua intensificazione esasperata o sulla mera riduzione dei costi; maggiori investimenti in formazione continua, innovazione e sicurezza; utilizzo delle nuove tecnologie; diffusione di pratiche che superino tutte le discriminazioni nel lavoro (di genere, di razza ed etnia, di età) e che promuovano le pari opportunità, in particolare fra uomini e donne” nonché la “regolarizzazione delle forme di lavoro irregolare”. Resta da capire se in un momento di crisi come l’attuale questa proposta troverà un suo spazio per decollare o quanto meno convergere nelle norme e nelle misure che accompagneranno il ddl lavoro o se si dovrà attendere la prossima legislatura per riprendere e completare un discorso che attende ormai da 30 anni almeno di essere portato a conclusione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Ti può anche interessare

Bluerating in edicola: “Partiamo in vantaggio con la Mifid 2”

E’ uscito il numero di novembre del mensile con una intervista a sergio Albarelli, a.d. del Gruppo ...

Soci Sofia Sgr, ecco chi rimarrà in Azimut

Dopo l’acquisizione da parte del gruppo guidato da Sergio Albarelli, alcuni manager della sgr cont ...

Banca Generali pesca l’asso Dentella

Sarà responsabile della divisione wealth management. Fino a ieri vice direttore generale Banca Alet ...