Credito Artigiano, il prezzo del recesso da fusione Creval è di 0,91 euro

A
A
A

La stipula dell’incorporazione è subordinata alla condizione che il recesso non sia esercitato per una percentuale del…

di Redazione21 giugno 2012 | 12:10

È stato fissato a 0,92 euro per azione il prezzo a cui gli azionisti di Credito Artigiano che non hanno votato a favore della fusione per incorporazione nella controllante Credito Valtellinese potranno esercitare il recesso entro il 6 luglio prossimo. La stipula dell’atto di fusione, ricorda la banca, è subordinata alla condizione che il recesso non sia esercitato per una percentuale del capitale sociale superiore all’11,297%, vale a dire il 50% della porzione di capitale del Credito Artigiano non detenuto da Credito Valtellinese.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

CreVal: Franco Sala nuovo vicedirettore generale

Ti può anche interessare

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Approvato l'emendamento in base al quale la Consob deve adottare le delibere per il passaggio delle ...

Foti (Fineco): “Vi presento Fineco Asset Management”

Si tratta di una nuova fabbrica prodotto di fondi con base in Irlanda, che sarà specializzzata nell ...

Reti, parte bene il 2017. Raccolta di 2,3 miliardi a gennaio

Le imprese associate ad Assoreti hanno avuto un buon inizio d’anno. Il 77% dei flussi arriva dal r ...