Da Consob e Bankitalia le nuove norme per le sgr

A
A
A

Lo anticipa la newsletter dell’Autorità di vigilanza. Il documento di consultazione è disponibile sul sito www.consob.it.

Chiara Merico di Chiara Merico5 giugno 2017 | 08:30

Da Consob e Banca d’Italia arrivano le proposte di modifiche normative relative tra l’altro alle segnalazioni statistiche e di vigilanza per gli Organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr). Nel dettaglio, informa la newsletter Consob, i principali interventi previsti sulla circolare della Banca d’Italia n. 189 riguardano:

1)  l’introduzione di nuovi dettagli informativi nelle segnalazioni relative al servizio di gestione individuale del risparmio prestato dalle Sgr. Ciò al fine di eliminare le segnalazioni su tale operatività attualmente inviate dalle Sgr alla Consob;

2)  l’eliminazione di alcune voci relative all’operatività dei fondi. Verrebbero in particolare eliminati: alcune informazioni relative alla composizione del portafoglio; alcuni dati relativi alle commissioni a carico dei fondi e dei sottoscrittori previsti dai regolamenti dei fondi; l’inserimento di nuove sottovoci relative alla qualità del credito, alla residenza e al settore economico di appartenenza dei debitori, per cogliere adeguatamente l’operatività dei fondi chiusi (e delle Società di investimento a capitale fisso – Sicaf) abilitati alla concessione del credito in via diretta;

4) l’introduzione di obblighi segnaletici per le Sicaf. Gli schemi proposti tengono conto sia delle attuali segnalazioni dei fondi chiusi, in un’ottica di parità di trattamento tra soggetti che svolgono la stessa attività, sia del contenuto dell’informativa di bilancio prodotta dalle Sicaf, per non introdurre oneri aggiuntivi rispetto a quelli già sostenuti da tali operatori;

5) l’istituzione di un’informativa per gli European venture capital funds (Euveca) e gli European social entrepreneurship funds – Eusef, con schemi segnaletici analoghi a quelli dei fondi chiusi, anche in tal caso in un’ottica di parità di trattamento. La periodicità delle segnalazioni sarebbe annuale, in linea con quanto previsto dalle disposizioni comunitarie relative a tali operatori.

I principali interventi previsti sulla delibera Consob n. 17297 del 28 aprile 2010 sono rappresentati da:
1) l’eliminazione delle segnalazioni strutturate a carico di Sgr/Sicav Sgr/Sicav che rappresentano una duplicazione rispetto a quelle acquisite dalla Banca d’Italia. Si tratta in particolare delle segnalazioni relative ai dati aggregati relativi alla composizione dei portafogli gestiti e alle relative variazioni intervenute nello svolgimento del servizio di gestione di portafogli; alle informazioni concernenti le deleghe gestionali rilasciate a terzi nello svolgimento del servizio di gestione di portafogli; alle informazioni concernenti le deleghe gestionali ricevute da soggetti non tenuti all’adempimento, ai sensi del manuale degli obblighi informativi; ai dati concernenti la composizione complessiva del portafoglio nel caso di deleghe gestionali ricevute da soggetti non tenuti alla segnalazione di tali dati ai sensi del manuale degli obblighi informativi; alle informazioni sugli esponenti aziendali delle Sgr/Sicav;

2) l’eliminazione delle segnalazioni i cui contenuti possono essere reperiti da altri database/informazioni a disposizione dell’Istituto.  Si tratta, in particolare, delle segnalazioni relative a: elenco dei collocatori per i gestori esteri che commercializzano in Italia Oicr esteri; convenzioni tra Sgr promotrice e gestore e informazioni di carattere anagrafico-qualitative sui fondi speculativi;

3) l’eliminazione per i gestori di Oicr di private equity delle segnalazioni relative a tali prodotti. Ciò nell’ottica di alleggerire gli oneri amministrativi a carico dei gestori di minori dimensioni (l’industria nazionale del private equity e del venture capital, infatti, è composta in misura significativa da operatori c.d. “sotto-soglia”) e anche avendo a mente la valenza strategica che tali gestori assumono nello sviluppo di canali di finanziamento alternativi a quello bancario per le imprese di media-piccola dimensione;

4) la modifica della segnalazione relativa alla la modifica della segnalazione relativa alla commercializzazione di Oicr commercializzazione di Oicr propri e di terzi al fine di renderla più rispondente alle attività di vigilanza. Ciò anche in considerazione del sempre più diffuso svolgimento dell’attività di commercializzazione da parte delle sgr;

5) l’estensione delle segnalazioni documentali relative agli Oicr di diritto italiano gestiti da gestori italiani (es. regolamento di gestione, rendiconto annuale e relazione semestrale) anche agli Oicr di diritto italiano gestiti da società di gestione Ue e da gestori di Fondi di investimento alternativi – Fia (Gefia Ue);

6) la riconduzione nell’alveo degli obblighi informativi ex delibera n. 17297 della segnalazione introdotta dalla direttiva Aifmd e implementata nell’articolo 45 del Testo unico della finanza -Tuf (“Obblighi relativi all’acquisizione di partecipazioni rilevanti o di controllo di società non quotate”); 7) alcuni adattamenti specifici alcuni adattamenti specifici amenti specifici relativi alle segnalazioni dei relativi alle segnalazioni dei relativi alle segnalazioni dei fondi immobiliari. Il documento di consultazione è disponibile sul sito www.consob.it. Il termine per la presentazione dei contributi scade il 31 luglio 2017.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn45Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Rossi (Bankitalia): “Non sottovalutare i rischi dei Pir”

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Bankitalia, nel 2016 mille sportelli in meno

Bufera su Bsi in Italia

Banca Mediolanum, Fininvest deve scendere sotto il 10%

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Npl, Bankitalia: nuovi flussi ai minimi dal 2008

Bankitalia: ora i Npl varranno di più

Banche, obbligo di cambiare i 500 euro

Banca Carim, il cda rinviato a giudizio

Good bank, slitta il termine di presentazione delle offerte

CariCesena, gli ex-vertici sotto processo

Visco (Bankitalia): piu’ fusioni e taglio dei costi, ridurre le sofferenze

Visco (Bankitalia): “Le banche italiane devono tagliare i costi”

Visco: “Bisogna rivedere il bail-in”

Visco (Bankitalia): in Italia c’è un problema di educazione finanziaria

Mutui, lo spread si applica al tasso anche negativo

Bankitalia trema: 50 Bcc fragili

Vittoria di Berlusconi sul caso Mediolanum

Assegno della società senza timbro? Giusto che la banca non paghi

I tre maggiori azionisti scendono nel capitale Bankitalia

Visco indagato per il commissariamento Bps? Bankitalia non conferma

Banche in crisi, arriva la holding da 1,5 miliardi

Promotori, training class: oggi si parla di Bankitalia e vigilanza informativa

Grecia, Bankitalia: banche italiane esposte per 800 milioni

L’Ivass e la lotta alle polizze ”a trabocchetto”

Relazione annuale Abf: Barclays e Mps tra gli inadempienti

Banca d’Italia: completata cessione ex partecipazione in Generali

Corre il debito pubblico italiano, ma l’estero compra i nostri titoli di stato

Bankitalia “sfoltisce” il mercato degli intermediari finanziari con una nuova circolare

Riforma pooplari, Bankitalia accorcia i tempi

Rossi (Bankitalia): un paio di mesi per le norme attuative sulla riforma delle popolari

Ti può anche interessare

IWBank Private Investments strappa un cf a Fineco

La rete guidata da Stefano Lenti arruola un nuovo professionista in Piemonte. Sono 31 gli ingressi d ...

Enasarco: che fine ha fatto il bond Anthracite?

Il quotidiano Libero riporta sotto i riflettori la gestione finanziaria dell’ente e la mega obblig ...

Azimut, per il bond rendimento attorno al 2,25%

Iniziato il collocamento dell'obbligazione quinquennale del valore fino a 350 milioni di euro. ...