Esma e Mifid 2, i doveri delle reti e dei consulenti

A
A
A

Come possono differire i compiti di chi fabbrica e chi distribuisce i prodotti finanziari secondo le linee guida della product governance contenute nella nuova normativa europea che arriverà nel 2018.

Andrea Telara di Andrea Telara12 giugno 2017 | 13:10

Produttore o distributore di prodotti finanziari? Questa distinzione sarà importante a partire dal prossimo mese di gennaio, quando entrerà in vigore la direttiva europea Mifid 2. Come ha ampiamente documentato Bluerating.com nei giorni scorsi (si veda qui la notizia), il 2 giugno l’Esma ha divulgato le linee-guida per l’applicazione della direttiva Mifid 2 riguardo alla cosiddetta product governace (o governance di prodotto), cioè il processo con cui i più comuni strumenti finanziari (dai fondi alle azioni fino ai prodotti strutturati) finiranno nel portafoglio dei clienti. A queste linee-guida dovrà attenersi sia chi fabbrica i prodotti (per esempio le case di gestione), sia chi li vende (per esempio gli sportelli bancari e i consulenti finanziari).

Nel documento dell’Esma (alle pagine 41 e 42) c’è un passaggio importante che riguarda i doveri dei produttori e distributori di strumenti finanziari. Doveri che possono anche differire tra loro: a volte, infatti, chi “piazza” sul mercato i prodotti d’investimento (è il caso dei consulenti finanziari) può avere un approccio più prudente rispetto a chi fabbrica gli stessi prodotti, evitando di venderli se non attraverso un’adeguata attività di consulenza (pur trattandosi di strumenti finanziari acquistabili in teoria da tutti).

Altre volte, però, chi vende i prodotti può in teoria adottare un approccio meno prudente rispetto alle indicazione di chi fabbrica i prodotti, quando ritiene che un determinato strumento finanziario  sia collocabile sul mercato anche senza un’adeguata attività di consulenza. Ciò avviene per certe categorie di clienti che operano con la modalità dell’execution only (in autonomia). In tal caso, si legge nel documento Esma, “Il distributore venderà comunque il prodotto soltanto dopo un’analisi approfondita delle caratteristiche degli strumeti finanziari e dei clienti target. Inoltre, questa decisione deve essere segnalata a chi fabbrica i prodotti (per esempio alle casi di gestione) come parte dell’obbligo del distributore di fornire al produttore informazioni sulle politche di vendita adottate”. Ci sarà dunque un confronto continuo tra produttori e distributori.

LEGGI ANCHE: REGOLE ESMA, LE COSE DA SAPERE

LEGGI ANCHE. VENDERE UN FONDO, COSA CAMBIA CON LE REGOLE ESMA E LA MIFID 2

LEGGI ANCHE: CONGSIGLIARE UN’AZIONE, COSA CAMBIA PER I CF CON LE REGOLE ESMA E LA MIFID 2

CLICCA QUI O SUL RIQUADRO A FONDO PAGINA PER LEGGERE IL DOCUMENTO ESMA IN VERSIONE INTEGRALE

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn4Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Valutazione dell’adeguatezza, Ascosim risponde a Esma

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Market abuse, i chiarimenti dell’Esma sui doveri dei consulenti

Definire il rischio è un po’ rischioso

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Esma e Mifid 2, guarda il videoconfronto tra consulenti e commercialisti

Regole Esma e Mifid 2, come vendere un fondo extra-europeo

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Vendere certificati e prodotti strutturati: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Consigliare l’acquisto di un’azione: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Bufi (Anasf): “Esma, buon compromesso”

Vendere un fondo: ecco cosa cambia con le regole Esma

Consulenti e reti, la mazzata delle regole Esma

Ambrosi (Efpa Italia): “Ecco i punti cruciali del documento Esma”

Focus necessario sui requisiti

Diligenza sui prodotti? Non tocca solo al consulente

Vegas (Consob): “Prospetto inefficace, necessario il Kid per informare l’investitore”

Falsi fondi attivi, è ora di fare i nomi

Aberdeen taglia le commissioni sul fondo dei mercati emergenti

Promotori, Nafop dice la sua sulla direttiva Esma

Esma, Anasf ribadisce: no alla ”clausola di salvaguardia”

Promotori sotto la lente dell’Ue

Tutela del risparmio, Scolari è nel comitato consultivo dell’Esma

Fondi, Afge chiama a raccolta gli intermediari finanziari per parlare di orientamenti Esma

Vendite allo scoperto, l’Esma avvia una consultazione pubblica

Fondi, è online la traduzione ufficiale degli orientamenti Esma

L’Esma detta nuove linee guida sugli etf

Etf, Esma avvia una consultazione pubblica per la regolamentazione

Ti può anche interessare

Enasarco, tutti i numeri dei consulenti iscritti

Anasf ha finalmente ottenuto le cifre sulle posizioni dei cf iscritti alla Fondazione. Urgente affro ...

Banca Mediolanum è solidissima

La Bce giudica “largamente superiore” ai target minimi la solidità dell’istituto guidato da D ...

Enasarco recupera 700 milioni

Si tratta di buona parte della somma investita negli anni scorsi nel bond-spazzatura Anthracite. ...