Studio di A.T. Kearney: il futuro è nella Robo 4 advisory

A
A
A

Secondo la nota società di consulenza, i prossimi anni saranno dominati da realtà ibride, forti di un mix di digitale e umano

Daniel Settembre di Daniel Settembre13 giugno 2017 | 11:08

Durante l’ultima edizione dell’ITForum di Rimini Massimo Arrighi (nella foto), partner di A.T. Kearney, ha presentato un approfondimento condotto sulla clientela americana e sul mondo dei robo advisor. Le grandi qualità di queste piattaforme digitali di consulenza finanziaria sono la facilità di accesso e di uso da parte degli investitori, la trasparenza sulle prestazioni e sui costi, la velocità di transazione e la precisione della reportistica. Tutte qualità insomma che renderebbero il robo advisor la soluzione d’investimento ideale per affrontare il cambiamento normativo della Mifid 2. Tanto che, a fronte del crescente interesse della clientela a investire i propri risparmi nella consulenza digitale, sono tante le istituzioni finanziarie, banche e sgr che hanno di recente acquistato o realizzato un proprio robo advisor. Ma, evidenzia lo studio presentato da Arrighi, sono anche tante le mancanze. A cominciare dall’offerta limitata di prodotti di investimento come assicurazioni e real estate. I robo advisor non hanno una gestione alpha, ma usano solo algoritmi beta. E ancora: il portafoglio è deterministico e non viene ri-bilanciato se non ogni 2-3 mesi, il servizio di consulenza umana è limitata e sempre su richiesta esplicita del cliente e infine la tecnologia dell’intelligenza artificiale è ancora standard e ancorata ai progressi scientifici. Per Arrighi quindi il futuro sarà dominato da realtà ibride che riusciranno a mixare il digitale con la componente umana, la cosidetta robo 4 advisory, a supporto del professionista. Insomma, la consulenza finanziaria, quella che riuscirà ad adattarsi ai cambiamenti tecnologici in atto e a sublimare le proprie singolarità e prerogative, è ancora viva e vegeta.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn9Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Azimut fa quindici in Australia

Con l'acquisizione di P&P la società fa il primo passo verso il settore della consulenza aziend ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le imposte indirette

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle informazioni richieste dal client ...

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Dal 28 dicembre è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate per la consultazione avviata co ...