UniCredit scende in Bank Pekao e punta sull’Europa dell’Est

A
A
A

Il cda di Piazza Cordusio ha approvato l’avvio di un’offerta di azioni ordinarie della controllata polacca – di cui detiene il 59,2% – per un massimo del 9,1% del capitale…

di Redazione30 gennaio 2013 | 08:05

UNICREDIT PRONTA A CEDERE IL 9,1% DI PEKAOUniCredit è pronta a cedere fino al 9,1% della sua controllata polacca, di cui detiene atualmente il 59,2%. Il cda di Piazza Cordusio, riunitosi ieri, ha approvato infatti l’avvio di un’offerta di azioni ordinarie di Bank Pekao fino a un massimo di 23,9 milioni di azioni, equivalente appunto a circa il 9,1% del capitale sociale, attraverso una procedura di accelerated bookbuilding rivolta a determinate categorie di investitori istituzionali.

SUPPORTARE LA CRESITA NELL’AREA CEE – Il bookbuilding avrà inizio immediatamente, tuttavia UniCredit si riserva il diritto di chiudere l’offerta in qualsiasi momento, fa sapere lo stesso istituto di credito, precisando che l’obiettivo della cessione è “ottimizzare l’allocazione di capitale all’interno del gruppo”: in particolare, il capitale generato dall’operazione sarà utilizzato “a supporto della crescita organica del nell’area Cee”.

LA CONTROLLATA POLACCA RIMANE STRATEGICA – A seguito della chiusura dell’offerta, UniCredit manterrà una partecipazione di maggioranza (almeno il 50,1%) in Pekao – che resta centrale per la strategia del gruppo – e non prevede ulteriori vendite avendo sottoscritto un lock-up di un anno sulla quota che resta in suo possesso.

ACENTRARE IN LETTONIA L’ATTIVITA’ DEI PAESI BALTICI – Sempre nell’ambito della rifocalizzazione del business in Europa centro orientale, Piazza Cordusio ha fatto sapere inoltre che razionalizzerà la propria presenza nei Paesi baltici accentrando tutte le operazioni in Lettonia e chiudendo filiali e uffici corporate in Estonia e Lituania. Nel dettaglio il progetto, che dovrebbe essere completato a metà 2013, prevede la chiusura di due filiali in Estonia e in Lituania e due uffici corporate in Lituania.

MAGGIORE EFFICIENZA INTERNA – Questa decisione strategica, che rientra nel piano strategico presentato a fine 2011, “porterà un aumento dell’efficienza interna delle attività nella regione attraverso l’ottimizzazione della struttura organizzativa e dei costi, portando sinergie in termini di efficienza, gestione del bilancio e della liquidità”, evidenzia UniCredit.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit ingaggia super manager in Cina

UniCredit, i top bonus si fanno in due

UniCredit corteggia Commerzbank

Certificati, sintonizzatevi con i CF Webinars

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Cernobbio, Mustier (UniCredit): “I conti funzionano”

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Ischia, Intesa e UniCredit in campo per le vittime del terremoto

UniCredit, al via i lavori per il nuovo cda

UniCredit: Norges Bank ritorna sopra il 3%

UniCredit spiazza gli analisti

UniCredit cede ad Ardian le quote in F2i

Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

UniCredit sotto attacco hacker

Fineco e UniCredit a braccetto con il fisco

Piazza Affari in moderato calo, bene Telecom Italia Credit Suisse fa soffrire Saipem

UniCredit, accordo con Pimco e Fortress per gli Npl

Mustier (UniCredit): “Il rischio sistemico è alle spalle”

UniCredit, Pietzner nuovo responsabile Investor Relations

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche in spolvero a Piazza Affari

Prelios rimbalza, Mediobanca ha concluso le sue attività

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

Grosset (UniCredit): “Ecco 4 strategie (più una) vincenti per l’estate”

Certificati a tutto tondo, non perdete il webinar con UniCredit e Bluerating

Unicredit sottotono nonostante Pioneer e Yapi Kredi

Vendita di diamanti, le banche nel mirino della Guardia di Finanza

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

Piazza Affari: occhio alle banche

Aumento Banco Santander, la lista dei potenziali collocatori si allunga

Piazza Affari avanti piano, attende la Fed

Ti può anche interessare

Pir e Apple Pay spingono Ennio Doris

Il patron di Banca Mediolanum, Ennio Doris, scala sette posizioni in sei mesi nella classifica "Mana ...

La Consob colpisce a Bergamo: radiato cf ex Azimut

Il consulente avrebbe acquisito la disponibilità di somme di pertinenza dei clienti e consegnato lo ...

Rbs fallisce lo stress test

La Royal Bank of Scotland ha fallito la prova richiesta dalla Bank of England ai sette tra i più im ...