UniCredit scende in Bank Pekao e punta sull’Europa dell’Est

A
A
A

Il cda di Piazza Cordusio ha approvato l’avvio di un’offerta di azioni ordinarie della controllata polacca – di cui detiene il 59,2% – per un massimo del 9,1% del capitale…

di Redazione30 gennaio 2013 | 08:05

UNICREDIT PRONTA A CEDERE IL 9,1% DI PEKAOUniCredit è pronta a cedere fino al 9,1% della sua controllata polacca, di cui detiene atualmente il 59,2%. Il cda di Piazza Cordusio, riunitosi ieri, ha approvato infatti l’avvio di un’offerta di azioni ordinarie di Bank Pekao fino a un massimo di 23,9 milioni di azioni, equivalente appunto a circa il 9,1% del capitale sociale, attraverso una procedura di accelerated bookbuilding rivolta a determinate categorie di investitori istituzionali.

SUPPORTARE LA CRESITA NELL’AREA CEE – Il bookbuilding avrà inizio immediatamente, tuttavia UniCredit si riserva il diritto di chiudere l’offerta in qualsiasi momento, fa sapere lo stesso istituto di credito, precisando che l’obiettivo della cessione è “ottimizzare l’allocazione di capitale all’interno del gruppo”: in particolare, il capitale generato dall’operazione sarà utilizzato “a supporto della crescita organica del nell’area Cee”.

LA CONTROLLATA POLACCA RIMANE STRATEGICA – A seguito della chiusura dell’offerta, UniCredit manterrà una partecipazione di maggioranza (almeno il 50,1%) in Pekao – che resta centrale per la strategia del gruppo – e non prevede ulteriori vendite avendo sottoscritto un lock-up di un anno sulla quota che resta in suo possesso.

ACENTRARE IN LETTONIA L’ATTIVITA’ DEI PAESI BALTICI – Sempre nell’ambito della rifocalizzazione del business in Europa centro orientale, Piazza Cordusio ha fatto sapere inoltre che razionalizzerà la propria presenza nei Paesi baltici accentrando tutte le operazioni in Lettonia e chiudendo filiali e uffici corporate in Estonia e Lituania. Nel dettaglio il progetto, che dovrebbe essere completato a metà 2013, prevede la chiusura di due filiali in Estonia e in Lituania e due uffici corporate in Lituania.

MAGGIORE EFFICIENZA INTERNA – Questa decisione strategica, che rientra nel piano strategico presentato a fine 2011, “porterà un aumento dell’efficienza interna delle attività nella regione attraverso l’ottimizzazione della struttura organizzativa e dei costi, portando sinergie in termini di efficienza, gestione del bilancio e della liquidità”, evidenzia UniCredit.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit al lavoro sul Piano giovani

UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

UniCredit, cessione miliardaria di crediti deteriorati

UniCredit cede npl nell’Europa orientale

UniCredit cede Npl per 715 milioni

UniCredit e SocGen Securities Services alleate fino al 2026

UniCredit, balzo dell’utile nei primi 9 mesi

UniCredit, cessione di npl in Bulgaria

UniCredit ingaggia super manager in Cina

UniCredit, i top bonus si fanno in due

UniCredit corteggia Commerzbank

Certificati, sintonizzatevi con i CF Webinars

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Cernobbio, Mustier (UniCredit): “I conti funzionano”

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Ischia, Intesa e UniCredit in campo per le vittime del terremoto

UniCredit, al via i lavori per il nuovo cda

UniCredit: Norges Bank ritorna sopra il 3%

UniCredit spiazza gli analisti

UniCredit cede ad Ardian le quote in F2i

Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

UniCredit sotto attacco hacker

Fineco e UniCredit a braccetto con il fisco

Piazza Affari in moderato calo, bene Telecom Italia Credit Suisse fa soffrire Saipem

UniCredit, accordo con Pimco e Fortress per gli Npl

Mustier (UniCredit): “Il rischio sistemico è alle spalle”

UniCredit, Pietzner nuovo responsabile Investor Relations

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche in spolvero a Piazza Affari

Prelios rimbalza, Mediobanca ha concluso le sue attività

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

Ti può anche interessare

Consulentia, già 2mila partecipanti iscritti

Molte registrazioni all'evento organizzato dall'Anasf in programma dal 14 al 16 febbraio. ...

Generali, rivoluzione nell’asset e wealth management

Riorganizzazione per la Business Unit Group Investments, Asset & Wealth Management di Generali. ...

Azimut, rivoluzione nella gestione

Il gruppo guidato da Sergio Albarelli lancia un nuovo modello di gestione per sfruttare al meglio la ...